print e' senza dubbio il tomo dell'anno

Abbiamo chiesto a Francesca Burns e Christopher Simmonds di raccontarci il loro nuovo progetto editoriale, 400 pagine di immagini mozzafiato da sfogliare durante le vacanze.

|
dic 31 2016, 10:35am

E' bianco, nero e ultra colorato. Di cosa stiamo parlando? Di PRINT la nuova pubblicazione in edizione limitata del creative director Christopher Simmonds e la superstar stylist Francesca Burns. Ve lo avevamo detto che la carta stampata non e' morta. Anzi, in queste pagine troviamo un gruppo di collaboratori dal talento indiscusso. Da John Waters a Frank Ocean, Angelo Pennetta e Harley Weir, questo e' senza dubbio il tomo dell'anno, lanciato appena in tempo per essere letto e sfogliato durante le vacanze invernali. 

400 pagine di immagini mozzafiato, conversazioni eclettiche, posters, cartoline, e spillette - il tutto confezionato in una scatola marrone tenuta insieme da un elastico di gomma verde - come fa a non piacerci? Ma bisogna essere veloci ad aggiudicarsene uno perche' l'edizione limitata prevede solo 1,000 copie. Nel frattempo ci facciamo raccontare da Christopher e Fran come e' nato questo progetto.  

Da dove nasce PRINT?
Abbiamo voluto creare una pubblicazione che fosse visivamente ottimista e molto personale. Amiamo la carta stampata e volevamo qualcosa da gustare nel tempo e non buttare. 

Perche' questo nome?
E' il piu' appropriato.

Perche' adesso?
Perche' no?

Cosa volete suscitare nei vostri lettori?
Un sorriso.

Come e' stato lavorare insieme?
Fantastico.

Cosa vi rende piu' orgogliosi?
Ogni singola pagina.

Quale e' stata la piu' grande difficolta' di questo progetto?
Aspettare di riceverlo dallo stampatore. Non eravamo sicuri arrivasse in tempo.

Cosa pensate sul futuro della carta stampata? E' morta?
La stampa e' un mezzo unico e speciale. E' ancora assolutamente rilevante.

E adesso?
Stiamo preparando il secondo numero e un progetto speciale di cui sicuramente potremo parlare nel nuovo anno.  

Potete acquistare il primo numero di PRINT qui.

Crediti


Testo Tish Weinstock
Immagini via Instagram