questa villa tra le colline di beverly hills è il covo delle giovani star di los angeles

Il nuovo libro di Brad Elterman, Villa Le Reve, vi apre le porte della sua casa nel canyon di Beverly Glen.

di i-D Staff
|
17 febbraio 2016, 11:52am

Avrete sicuramente visto le sue foto delle icone del rock 'n' roll di Sunset Boulevar nel loro habitat naturale: immagini vivaci di John Travolta che bacia Olivia Newton-John, David Bowie in una vecchia Mercedes, Joan Jett che mangia patatine fritte. Brad Elterman, fotografo di Los Angeles, ha iniziato a scattare persone famose già all'età di 16 anni e ha un talento nell'immortalarli nei momenti più spontanei e spensierati. 

Ora il leggendario fotografo ci invita ad entrare nella sua casa. Arredata secondo lo stile della famosa residenza di Henri Matisse nel Sud della Francia, Villa Le Reve, la casa di Brad ospita spesso le muse dell'artista e soggetti mai scontati. Da Caroline Vreeland vestita solo di lingerie con una bottiglia di rosé in mano, a Jeremy Scott (in una piscina completamente vestito), questo nuovo libro ci porta dritti dentro l'universo di Brad. 

Raccontaci come hai trovato questa casa. 
Nel 1989 mio cugino mi disse che la sua adorabile vicina Mary era intenzionata a vendere la sua casa e che avremmo dovuto comprarla per poi affittarla. Ero davvero affascinato da quella casa e sapevo avesse del potenziale. Non era una vera e propria villetta ma un piccolo bungalow in un canyon nascosto, a qualche passo da Sunset Boulevard. Firmammo il contratto per pochi soldi. Subito dopo il mercato immobiliare collassò. Decisi di rilevare la parte di mio fratello e mi ci sono trasferito. Avevo vissuto nello stesso appartamento per anni perciò era un grande cambiamento per me. Pensavo fosse una scelta temporanea, ma chiaramente non lo era. 10 anni dopo ho comprando anche il terreno a fianco dove ho creato un giardino europeo e fatto costruire una piscina. Il giardino è ancora giovane e ora, dopo 15 anni, gli alberi stanno iniziando a crescere notevolmente. Non avevo idea di cosa sarebbe cresciuto quando ho piantato tutte quelle cose 10 anni fa. È successo tutto così spontaneamente. 

Com'è nato il nome del libro? 
Sono stato ispirato dall'Hotel Le Yaca a Saint-Tropez e ovviamente dalla casa di Matisse a Vence. Mi è sempre piaciuto Matisse. Amo la bellezza dei suoi lavori e delle sue muse che si aggiravano per la sua casa. Un giorno sono stato a Vence e ho fatto un tour della sua casa. Aveva bisogno di una sistemata ma il giardino era un luogo magico, con la splendida luce del Sud della Francia. Quando ho creato il mio giardino avevo Le Reve in testa. Poi, 10 anni dopo, ho iniziato a fare foto alle mie muse per Purple Diary e ho reso il nome officiale. Non è una vera casa nel senso di super villa, ma non mi importa. È tranquilla, rilassante, un luogo dove posso avere la mia privacy. 

Perché secondo te così tante persone non hanno problemi a spogliarsi a casa tua?
Beh è una casa europea perciò la gente si sente a suo agio. 

La situazione è mai sfuggita di mano? 
Una volta o due, ma ultimamente sono più riservato. Avrei voluto avere questa casa e questa piscina quando avevo 20 anni!

Quante persone hai aiutato con la loro carriera con le tue foto scattate in questa casa? Hai menzionato una volta l'attrice Chelsea Schuchman e il modello Justin Gossman. 
Credo che con Chelsea si trattasse della cosa giusta al momento giusto e la serie era molto carina, con lei nuda nella piscina con gli operai che lavoravano attorno a lei. Lei è bellissima, con un'aria da californiana, ha un look innocente che ha reso le foto così piacevoli. Ho spiegato agli operai in anticipo cosa sarebbe accaduto quel giorno, gli avevo detto, "Ragazzi non fate gli scemi!" Purple Diary ha pubblicato la serie e poi hanno iniziato a chiamarci a raffica, ce l'avevamo fatta! 

Cosa ti ha spinto a fare un libro? 
Villa Le Reve è una parte importante della mia vita e sono orgoglioso di questa casetta tra le colline. A Los Angeles si punta sempre all'esagerazione, ci sono un sacco di case giganti, dall'aspetto kitsch. Secondo me una casetta carina è molto meglio. Il libro è un tributo a Le Reve e agli amici fantastici che sono passati a farmi visita e a farsi fotografare. Questi ricordi sono davvero preziosi per me. 

Crediti


Testo Paige Silveria
Foto Brad Elterman

Tagged:
Cultura
Brad Elterman
modelli