guarda un'incredibile scena inedita dal primo film di wes anderson

Non riusciamo davvero a capire perché questa scena di "Bottle Rocket" sia stata tagliata.

|
dic 14 2017, 12:07pm

Screenshot via YouTube

Wes Anderson ha sempre scelto come protagonisti dei suoi film i disadattati. E la pellicola con cui ha esordito sul grande schermo, Bottle Rocket (1996), non fa certo eccezione: ripercorrendo le buffe peripezie di tre tipi un po' fuori di testa—uno dei quali è interpretato da Owen Wilson, nel suo primo vero ruolo come attore professionista—che cercano di diventare criminali, ma ovviamente non ci riescono. In termini commerciali non è stato quello che definiremmo un successo al botteghino, ma i critici cinematografici hanno sempre avuto un debole per questo film. Una dimostrazione? Nel 2008 è entrato a far parte del prestigioso catalogo Criterion Collection. Questa settimana Criterion metterà in vendita la versione in Blu-Ray della pellicola e per l'occasione ha tirato fuori dal cappello delle scene tagliate una delle clip più divertenti di sempre.

È una scena di tre minuti, con un ritmo veloce e una costruzione da sketch comico. (E che altro dovremmo aspettarci da Wes?) Il siparietto si apre con Dignan (Owen Wilson) che sembra pendere dalle labbra di un poliziotto e lo sommerge di domande sul suo lavoro. Non soddisfatto, cerca poi di aiutare il suo nuovo BFF ad arrestare un tizio nel suo giardino sul retro, peccato che arrivato lì il poliziotto trovi non un ladro, ma l'erba che Dignan coltiva artigianalmente.

Oggi i fan di Wes sono abituati al suo strambo senso dell'umorismo, ma nel 1996 molti degli spettatori non hanno davvero "capito" Bottle Rocket e la sua ironia. "Credo di non aver mai avuto così tanta fiducia in me stesso come quando lavoravo a Bottle Rocket," ha rivelato Wes in un'intervista del 2009. "E poi, non mi sono mai sentito così poco sicuro di me come quando è stato distribuito nelle sale." Nella stessa intervista, il regista ha ricordato di aver preso parte a una proiezione di prova durante la quale più persone se ne sono andate a met film. "Se ne andavano a gruppetti. E no, non stavano andando in bagno, perché in bagno non ti porti la giacca e non ci vai in gruppo," ci ha scherzato su.

Fortunatamente, Wes non si è lasciato influenzare dal pubblico e ha continuato a pensare che Bottle Rocket abbia un fascino tutto suo. Oltre vent'anni dopo l'uscita del film, finalmente anche la critica cinematografica gli ha dato ragione: far parte del Criterion Collection—che include anche pellicole di Fellini e Godard—è un onore riservato a pochi. E siamo certi che oggi nessuno faccia una "pausa bagno" durante i film di Wes Anderson.