Pubblicità

y/project ci sta trollando con questi jeans-mutande?

Jeantande? Mutandeans? Non abbiamo idea di come chiamarli.

di Alim Kheraj
|
03 aprile 2019, 4:00am

Immagine dal profilo Instagram di Y/Project

Sarà anche l'anno delle maschere da rapinatore in banca e dei jeans a gamba larga, ma questo non ha fermato la gente dal lasciarsi entusiasmare dall'ultimo controverso denim. Su gentile concessione del brand parigino Y/Project, nonché Guest Designer dell'ultimo Pitti Uomo, possiamo ora dare il benvenuto ai jeans-mutande.

In inglese hanno coniato il neologismo "janties", da "jeans" e "panties", ma in italiano non è così facile trovare un equivalente non troppo imbarazzante. Jeantande? Mutandeans? Fate voi. Comunque, a disegnarli è Glenn Martens per la primavera/estate 19 di Y/Project e costano 315 dollari. La cosa interessante è che non si tratta di mutande di jeans, ma di veri e propri jeans, e la differenza è importante, a cui è stata data la forma di mutande. Hanno persino micro-tasche, in cui forse ci sta una di quelle micro-borsettine di Jacquemus?

Come in ogni cosa di moda che diventa virale, anche questi jeans-mutande sono stati oggetto di dibattito su Twitter, dove la gente si è lungamente interrogata sulla loro praticità e oggettiva scomodità. Ah, qualcuno li ha definiti "pannoloni da neonato di jeans."

Quindi: Y/Project ci sta trollando con questi jeans-mutande? Beh, secondo Glenn Martens l'idea alla base di tutta la collezione è quella di semplificare le forme e giocarci. Basta uno sguardo per accorgersi che la giustapposizione tra brutto e creatività, a cui si uniscono mille elementi destrutturati diversi, creano un insieme chic e provocante.

Se volete indossare questi jeans-mutande o no, questo dipende da voi, dal vostro stile e dalla vostra tolleranza alla scomodità.

Segui i-D su Instagram e Facebook

Altre mode che ci hanno fatto dire WOW:

Questo articolo è originariamente apparso su i-D UK

Tagged:
denim
Jeans
y/project
Moda
glenn martens