Pubblicità

i funghetti farebbero diventare più creativi per un'intera settimana

Un nuovo studio sostiene che l'assunzione di funghi allucinogeni stimoli creatività ed empatia.

di Nicole DeMarco
|
11 marzo 2019, 8:16am

Foto di Marcus Loke via Unsplash

Nel 2017 dal Global Drug Survey, il sondaggio mondiale su tutto quello che riguarda le droghe, era emerso che i funghetti magici non sono solo la droga più sana da assumere a scopo ricreativo, ma anche sarebbe anche cinque volte meno pericolosa di LSD, cocaina e MDMA. Intanto le ricerche scientifiche che studiano gli effetti della psilobicina, la sostanza psicoattiva presente nei funghi allucinogeni che vi fa, beh, avere le allucinazioni e tutto il resto. A interessare la comunità scientifica è la sua capacità di trattare i disturbi legate alla salute mentale. Secondo WIRED, "I funghetti magici stanno vivendo un momento terapeutico," e non manca chi vorrebbe legalizzarli.

Dopo aver scoperto che sentirsi soli fa più male alla salute di un pacchetto di sigarette al giorno, ma anche che il 75 percento degli adulti soffrirà prima o poi di solitudine acuta nel corso della propria vita, siamo tutt'orecchi davanti alle possibilità date dai funghetti. Capite bene il nostro entusiasmo, quindi, quando abbiamo letto questo nuovo studio pubblicato sul Journal of Psychoactive Drugs, dal quale emerge che i funghi allucinogeni potrebbero migliorare il pensiero creativo e l'empatia. Non solo: l'effetto potrebbe durare per un'intera settimana. Non male, eh?

"Un sempre maggior numero di prove suggerisce che le sostanze psicoattive come la psilobicina potrebbero avere un potenziale valore terapeutico nel trattamento di patologie quali ansia, depressione e disturbi post-traumatici da stress," ha dichiarato Natasha Mason, uno degli autori dello studio. "Lo scopo delle nostre ricerche è quello di indagare la capacità delle sostanze psicoattive di ridurre i sintomi derivanti da tali patologie, migliorando quindi l'umore e il benessere dei soggetti colpiti. Comunque, è altrettanto importante sottolineare che anche i processi cognitivi potrebbero subire effetti positivi. Forse, è proprio questo che allevia i sintomi in prima battuta. Parliamo di pensiero creativo e laterale, ma anche di empatia."

Lo studio è stato condotto Paesi Bassi, dove i ricercatori hanno chiesto ai 55 partecipanti di bere un infuso di funghetti, monitorandone le attività cognitive per gli otto giorni successivi attraverso test psicologici pensati per valutare creatività, empatia e generale soddisfazione. "Abbiamo scoperto che la psilobicina, quando assunta in un ambiente sicuro, migliora creatività ed empatia dalla mattina successiva all'assunzione, fino a sette giorni dopo," ha dichiarato Mason allo Psypost.

Segui i-D su Instagram e Facebook

Altre buone notizie (più o meno), qui:

Questo articolo è originariamente apparso su i-D US

Tagged:
droghe
salute mentale
funghetti allucinogeni
buone notizie