dato di fatto: i nerd sono super cool

Basta dare un'occhiata alla nuova campagna Camper per accorgersene.

|
01 marzo 2018, 1:59pm

Negli ultimi due, tre anni circa sulle passerelle dei brand più importanti si è andata delineando quella che oggi chiamiamo estetica del brutto. Si tratta di un immaginario caratterizzato dalla ricontestualizzazione del quotidiano nel lusso, dal continuo gioco di (s)proporzioni e dal desiderio di portare la mania del logo all'estremo, come scrivevamo qualche mese fa in un'analisi sul ruolo di Demna Gvasalia nella ridefinizione dei canoni estetici contemporanei.

Spesso ci si dimentica però che l'estetica del brutto si collega a riferimenti meno recenti: non si tratta di un trend passeggero nato nel corso di qualche stagione, ma di un concetto che si rifà (anche) all'immaginario meno sofisticato e glamour degli anni Ottanta e Novanta. E proprio a questi decenni si è ispirato Camper—brand di scarpe spagnolo fondato nel 1975—per la creazione della sua nuova campagna privavera/estate 18.

Conosciuto un tempo per un design che prediligeva il comfort alla bellezza, Camper ha intrapreso negli ultimi anni un nuovo percorso, ridefinendo la sua identità grazie a collezioni irriverenti e collaborazioni con altri outsider dell'industria (come Eckhaus Latta), permettendogli di affermarsi come brand che si sottrae alle logiche di mercato più comuni.

La nuova advertorial si compone di otto ritratti che sembrano arrivare dall'annuario di un liceo americano a caso del 1983. Sfondi, styling e soggetti potrebbero tranquillamente far parte della gallery di Sexy People, blog che raccoglie ritratti assurdi e un po' imbarazzanti scovati in giro per il web. Tra mullet e cavie peruviane, gli scatti danno un'aria irrimediabilmente cool al classico nerd: certo non belli in senso assoluto, ma perfettamente in linea con lo zeitgeist.

Ogni soggetto ha anche fatto un breve video. Li trovate tutti qui.

Crediti


Testo Amanda Margiaria
Immagini su gentile concessione dell'Ufficio Stampa, realizzate da Daniel Sannwald con Art Direction di Romain Kremer, Trucco di Isamaya Ffrench, Styling di Anna Trevelyan, Capelli di Charlie Le Mindu e Set Design di Gary Card