La guida di i-D per una self-care rilassante e antistress

Oggi è il blue monday, il giorno più triste dell'anno. Se anche tu soffri di winter blues aka presa male stagionale, potresti avere bisogno di questi consigli.

di Beatrice Birolo
|
24 luglio 2022, 4:00am

Still dalla serie Sense 8

Questo articolo è stato pubblicato a gennaio 2022. Oggi, in occasione del Self Care Day, giornata internazionale dedicata ai comportamenti più sani per prendersi cura di sé, abbiamo deciso di riproporlo.


Sfatiamo prima di tutto un mito: il Blue Monday non esiste. È solo una trovata di marketing come tante altre, che col tempo si è affermata nel calendario diventando un appuntamento fisso. Se in questa fase dell’anno percepite regolarmente una certa stanchezza, tristezza e spossatezza, si tratta di Winter Blues, malessere stagionale o SAD (disturbo affettivo stagionale), che invece esiste eccome. E in questo periodo dell’anno si può acuire per via dello stress e della frenesia a cui sono sottoposte le nostre vite nei giorni appena successivi la pausa invernale.

Questo genere di malessere può manifestarsi come umore negativo, cali di energia e mancanza di motivazione, anche riguardo al futuro, e lo percepiamo ancora di più in questo momento storico, in cui dobbiamo fare quadrare le nostre routine tra limitazioni pandemiche e iper-produttività indotta dalla società in cui viviamo.

Prima di tutto, concedetevi giornate no, in cui non fate assolutamente nulla e non forzate la vostra presa male in positività. Va bene così. Se poi volete provare a uscire da quel piumone, vi consigliamo di farlo per un trattamento di self-care che potrebbe aiutarvi a rilassarvi e liberarvi da un po’ di stress accumulato. Attenzione, però: nessuna beauty routine potrà mai essere una cura efficace di malattie e disturbi mentali—quali ansia e depressione—né sostituire un percorso psicoterapeutico.

Consigli di self-care contro winter blues, stress e malinconia

Sound Healing, ovvero la pratica di rilassamento attraverso il suono

Pratica che risale ai tempi dell’antica Grecia—quando la musica veniva utilizzata per curare disturbi psicologici—, il Sound Healing consiste nel lavorare sulla frequenza delle vibrazioni della persona attraverso le onde sonore. Si tratta di un’esperienza profondamente rilassante ed equilibrante effettuata tramite strumenti come campane tibetane e gong, i cui benefici e la relativa durata possono variare da persona a persona.

Per una sessione di Sound Healing basta sdraiarsi su un tappetino da yoga con un cuscino, assumere una posizione comoda, chiudere gli occhi e concentrarsi sui suoni. Se non riesci a trovare un centro o unǝ professionista nella tua zona o non hai i mezzi economici per farlo, puoi provare con i podcast i video su YouTube di Sound Healing.

Per rilassarti, fai un bagno caldo antistress o una doccia fredda energizzante

Un bagno caldo permette di rilassarsi, allontanare le distrazioni mentali e concentrarsi sul presente. Ci aiuta a sciogliere lo stress accumulato durante la giornata, permettendoci di rilasciare la tensione dai muscoli e di stimolare la circolazione del sangue.

In base ai vostri gusti e alle vostre necessità specifiche, vi consigliamo di utilizzare un bagnoschiuma o oli essenziali a base di lavanda e gelsomino, , se volete rilassarvi; a base di agrumi, invece, per un effetto energizzante—come per esempio questo Body Cleanser di Aesop. Se hai la pelle sensibile, è sempre meglio utilizzare detergenti delicati, evitando le formulazioni che contengono un alto tasso di profumi o colorazioni.

Anche un bagno freddo può apportare enormi benefici per la salute di corpo e mente: immergersi in una vasca di acqua e ghiaccio permette di ricaricare le energie fisiche e rinforzare i muscoli, riattivando la circolazione del sangue, rafforzando il sistema immunitario e innalzando il livello ormonale. Intanto, la mente viene stimolata a concentrarsi sul respiro in modo vigile, rifuggendo le distrazioni esterne. In alternativa, anche una doccia fredda può essere efficace.

Fai esercizi di respirazione per rilassarti

Conosciuta come Nadi Shodhana in sanscrito, la respirazione a narici alternate è una tecnica di respirazione utilizzata nello yoga e applicata per rilassare la mente e il sistema nervoso. Richiede molta concentrazione, ma può favorire il distaccamento da agitazione e stress, l’abbassamento della frequenza cardiaca, l’aumento della concentrazione, il miglioramento il sonno e la stabilizzazione dei livelli di energia. 

Per eseguirla correttamente, basta assumere una posizione comoda (una sedia va benissimo), mantenendo la schiena dritta e le spalle rilassate: premete col pollice destro contro la narice destra per chiuderla e ispirate per 4 secondi con la narice sinistra; chiudete quest’ultima con l’anulare destro e poi rilasciate il pollice destro per espirare per altri 4 secondi da quella destra; e viceversa. L’ideale sarebbe fare almeno sette cicli e ricordarsi di respirare dal diaframma. Questa pratica può essere accompagnata dall’utilizzo di incenso o oli essenziali. Se preferisci avere una guida almeno durante la prima sessione di respirazione a narici alterne, ecco qui un video tutorial.

Rilassati camminando all’aria aperta

Anche se a volte facciamo fatica a ricordarcelo, almeno 30 minuti al giorno di esposizione alla luce solare influiscono notevolmente sul nostro organismo, ripristinando l’orologio biologico e contribuendo a migliorare umore e salute mentale e fisica. Non dimenticartene.

Fare meditazione può essere una pratica di self-care

Prima di tutto, sfatiamo il mito della meditazione: la meditazione non è adatta a tuttз e non c’è niente di male se non vi fa alcun effetto o persino acuisce i vostri malesseri. Potrebbe però aiutare alcune persone ad aumentare il proprio grado di concentrazione e rilasciare lo stress accumulato. Non sempre ce ne accorgiamo, infatti, ma quando siamo in preda allo stress tendiamo a respirare utilizzando i muscoli della parte superiore di petto e spalle, rimanendo con meno fiato. La respirazione meditativa, invece, si basa sull’utilizzo del diaframma, tirando i polmoni verso il basso ed espandendo le vie respiratorie, facendo sì che entri una maggiore quantità di aria nel nostro corpo. Per capire se stai respirando nel modo giusto, metti una mano sull’addome e senti se il diaframma si sta muovendo dentro e fuori.

Per altri consigli sulla meditazione, puoi anche provare a utilizzare app specifiche come Headspace—di cui vi abbiamo già parlato in questo articolo per migliorare il sonno.

Se stai affrontando un periodo difficile puoi trovare alcuni servizi a prezzi accessibili a questo link.

Segui i-D su Instagram e Facebook

Crediti

Testo: Beatrice Birolo
In copertina still dalla serie Sense 8

Leggi anche:

Tagged:
Stress
Psicología
salute mentale
self-care
meditazione