Pubblicità

lo schermo dell'arte film festival tra film, installazioni e workshop

​Dal 16 al 20 novembre torna a Firenze il festival giunto ormai alla sua nona edizione che quest'anno avrà il piacere di ospitare 70 personaggi internazionali.

di Marica Bartoli
|
17 novembre 2016, 9:45am

Schermo dell'Arte Film Festival in programma a Firenze dal 16 al 20 novembre 2016 giunge ormai alla sua nona edizione offrendo in Italia un appuntamento entusiasmante che promuove l'immagine in movimento e la contemporary art approfondite a livello scientifico e indagate con una lente di ingrandimento internazionale. Il tutto diretto da Silvia Lucchesi.

Lo scorso 15 novembre è iniziata la quinta edizione di VISIO - European Programme on Artists' Moving Images, un progetto a cura di Leonardo Bigazzi che coinvolge 12 artisti europei, ciascuno di loro ha avuto a disposizione 15 minuti per presentare il proprio lavoro al pubblico e stupirlo. È anche confermato il VISIO Young Talent Acquisition Prize, il premio consiste nell'acquisizione di un'opera di uno degli artisti partecipanti da parte della Seven Gravity Collection, collezione privata italiana dedicata alle opere video di artisti contemporanei. 

Il programma del Festival è un'esplosione di novità, infatti oltre alla mostra Visio prevede l'anteprima italiana dell'artista francese Pierre Bismuth Where is Rocky II? (premio oscar alla sceneggiatura nel 2005 per Se mi lasci ti cancello), con cui ci sarà un talk giovedì 17 novembre. Per la retrospettiva SGUARDI, alle 18.00 del medesimo giorno ci sarà la prima italiana di #ARTOFFLINE di Manuel Correa, artista norvegese che analizza il comportamento dei visitatori nei musei e riflette sull'importanza di internet. La sua tendenza è quella di liberare l'esperienza artistica riproducendo istantaneamente e in ogni dove immagini fedeli all'originale. Lo stesso giorno, in programma anche il documentario di Marcie Begleiter su una delle artiste più eclettiche del dopoguerra americano Eva Hesse; donna che ha contribuito alla nascita del minimalismo statunitense con le sue sculture in lattice, plastica e fibra di vetro. E in fine, Ismyrne, opera rappresentata dall'autrice Joana Hadjithomas insieme all'amica e poetessa Etel Adnan.

Venerdì 18 novembre invece Omer Fast presenterà Remainder, il suo primo film di finzione interpretato dall'inglese Tom Sturridge. Il programma prevede anche un focus sulla coppia artistica composta da Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, di cui vengono presentati sette cortometraggi realizzati tra il 1994 e il 2011: Aria, Contacts: Mario Giacomelli, Animali criminali, Ti regalerò il mio ultimo respiro, Notes sur notre voyage en Russie, Diario africano e Film perduto.

schermodellarte.org

Crediti


Testo Marica Bartoli
Foto su gentile concessione di Schermo dell'Arte Film Festival

Tagged:
cinema
video
Festival
arte
firenze
registi
artisti
Italia
marica bartoli
schermo dell'arte film festival