Pubblicità

kanye west sta scrivendo un libro di filosofia

Non solo rapper, non solo designer. Kanye vuole aiutare l'umanità e per farlo diventerà un filosofo. O forse lo è sempre stato, ma noi non ce ne siamo mai accorti.

di Benedetta Pini
|
16 aprile 2018, 3:21pm

Ebbene sì, avete letto bene. Si sa, l’ego di Kanye West non conosce confini, ma questa volta ha superato di gran lunga tutte le aspettative. La rivelazione ha del surreale: Kanye West sta scrivendo un libro di filosofia. La notizia è saltata fuori quasi per caso durante un’intervista con l’interior designer Axel Vervoordt per Hollywood Reporter. Nel corso della conversazione, parlando di arte, fotografia e moda, Kanye se ne è uscito così:

C'è questo nuovo concept in cui mi sto immergendo sempre di più. Sto scrivendo un libro di filosofia che si chiamerà "Break The Simulation". Ho questa filosofia—o meglio questo concept, perché a volte parlare di filosofia sembra troppo pretenzioso. Ho questo concept sulla fotografia, e sono titubante riguardo la fotografia—ma anche riguardo gli esseri umani ossessionati dalla fotografia—perché ti trasporta fuori dal qui e ora, verso il passato o verso il futuro. Può essere usata per documentare, ma spesso prende il sopravvento [sulle persone]. La gente si fissa troppo con i ricordi. Vuole sempre sentire questa e quella storia, che è importante, ma credo che l'importanza che diamo oggi alla storia sia eccessiva.

Dunque il titolo del libro sarà “Break the Simulation” e parlerà di… fotografia? Estetica? Arte? Spiritualità? Se lo avete capito, vi faccio i miei complimenti. Comunque Kanye non può essere considerato un novellino nel mondo dell’editoria. Solo tre anni fa, la moglie Kim Kardashian ha pubblicato un libro fotografico intitolato Selfish, una raccolta di tutti selfie che la celebrity si è scattata nel corso degli anni. E dai selfie alla filosofia il passo è breve, no? Ma voglio spingermi oltre: il libro di Kim potrebbe diventare una fonte preziosa per il Kanye filosofo, che in qualche modo porterà avanti la dura ricerca della moglie, novella Maria Antonietta, per indagare l’ossessione narcisistica della nostra società.

Ma non è finita qui. La conversazione procede con la dichiarazione di un altro progetto che Kanye ha in serbo per noi, anzi, per il mondo intero:

Non voglio più essere il numero uno, voglio essere acqua. Voglio essere più vicino all'UNICEF o a qualcosa che mi permetta di usare le mie capacità per aiutare più persone possibili, non solo per dare lustro a un brand.

Okay. Ricapitolando: Kanye rapper, produttore, stilista, "portavoce della sua generazione" (come ha dichiarato nel 2008), filosofo e filantropo. Ne vedremo delle belle, bellissime. Anzi, stupende.

Crediti


Testo di Benedetta Pini
Immagine via @TeamKanyeDaily