Pubblicità

abbiamo parlato con fka twigs di cosa vuol dire diventare mainstream, essere una buona madre e scendere a patti con le aspettative

L'abbiamo incontrata durante il suo tour, alla data sold out di Melbourne.

di Adam Fletcher
|
29 gennaio 2015, 4:05pm

Ieri sera FKA Twigs ha suonato per la prima volta a Melbourne facendo sold out, ed è stata l'esperienza celestiale che tutti ci aspettavamo. Vestita completamente di bianco con uno stivale nero lungo fino alla coscia, Tahliah Debrett Barnett, meglio nota come Twigs, si è esibita in un set magico con le sue famose mosse sotto luci teatrali. L'abbiamo incontrata per fare due chiacchiere su Cats, interior design ed essere una buona madre.

Si è parlato molto di te online prima del successo mainstream. Come ti sei sentita a essere così richiesta per le interviste? 
Non so, forse sono un'illusa ma a me non sembra che sia cambiato granché. Non ho Twitter o Instagram sul telefono, e non leggo quello che esce su di me online, non saprei calibrare a quale livello sia arrivata o come sono cambiate le cose. Non ne capisco neanche il senso. 

Però sei diventata un riferimento culturale, si parla di te in un'ottica mainstream. Ti rendi conto che fai parte della cultura pop?
Sì, a volte sì.

E come ti senti?
Un po' strana.

Senti di essere cambiata per questa cosa?
No, per niente. Ma credo sia perché ho degli amici meravigliosi. Non so se sto cambiando, non mi sembra di notarlo.

Hai avuto due grandi anni, qual è stata la cosa più sorprendente che ti è successa?
Non lo so, non so se ho avuto sorprese. Non so se le cose mi sorprendono. Non sono sicura. 

Sei sempre stata così?
Sì, sono abbastanza lineare. Nonostante la mia musica sia così complessa.

Lasciamo da parte la musica un momento. Cos'altro ti piace fare?
Mi piace scrivere.

Tipo storie?
Non proprio, mi piace inventare cose nella mia testa. Tipo scene, mi piace scrivere scene, ma magari nella scena nessuno parla ed è solo una sequenza di immagini.

Cosa ti piaceva da piccola?
Mi piaceva il gatto bianco di Cats. Era molto flessibile; tutti i gatti erano flessibili.

Se tu potessi scegliere una cosa in cui essere molto brava, cosa sceglieresti?
Vorrei essere una buona madre.

Oh che risposta tenera.
Sì, mi piacerebbe essere una buona madre e una brava moglie.

Mi piace che ti focalizzi su una cosa che non è effimera e che potrebbe renderti felice.
Sì, non è noioso alla fine? Credo che se vuoi focalizzarti solo sull'arte, allora sei una persona un po' bidimendionale. Credo che le persone che non sono creative pensino che fare qualcosa di creativo ti renda tridimensionale. Io credo che se sei una persona creativa allora dare e fare qualcosa di amorevole ti dia tridimensionalità. Non c'è bisogno di essere matti per essere creativi. 

Quando incontri delle persone senti che si aspettano da te che ti comporti come in una performance artistica?
Assolutamente. In un certo senso io sono così, in un altro senso no, ma comunque è qualcosa che non cogli in un'intervista. Non lo capisci se mi incontri in un club. Sono abbastanza distante. Credo che tutti siamo eccentrici a modo nostro; potresti provare a cercare qualcosa di più interessante in me. Mi piace fare cose e sono una persona vera. Non faccio finta; sono una persona reale. 

Cerchi di proteggerti quando incontri qualcuno per timore che l'altro cerchi da te una storia o un particolare specifico?
L'ho sempre avuto. Sono sempre stata una persona tranquilla e spesso non amo parlare. Non è una cosa che ho sviluppato col tempo, sono sempre stata così, non mi piace l'attenzione.

E questo non rende il successo un po' duro?
Non mi espongo molto. Ho fatto molta promozione all'inizio e ho capito che mi faceva sentire a disagio e ora ho smesso di farla.

Basta parlare di lavoro. Cosa ti piace fare durante la giornata?
Ho affittato un appartamento e ora sto arredando la mia camera da letto e un'amica mi sta dando una mano. Lei è molto creativa e super divertente. Non la vedo spesso perché siamo entrambe impegnate. Si occupa di interior design in altri paesi e lavora spesso per delle ville a Ibiza, e sono felice che mi voglia dare una mano per rendere la mia stanza bella e organizzata. Ha detto che vuole fare un armadio per poter organizzare i costumi di scena, e ho un piano preciso. Sta costruendo la testiera del mio letto, non vedo l'ora di vederla. Nei prossimi giorni sarò in tour e le ho dato le chiavi di casa mia, così può lavorarci.

Come fai a non stancarti per tutti questi viaggi?
In realtà mi stanco. Ma bisogna andare avanti. Non è un'opzione mollare. Devi andare avanti, e andare avanti, e andare avanti.

@fkatwigs

Crediti


Testo Wendy Syfret
Foto del live Courtney DeWitt
Ritratto di Twigs Matthew Stone
Moda Matthew Josephs
The Just Kids Issue, n. 320, Pre-Fall 12