paul smith autunno/inverno 15

Non c’è proprio nessuno come Paul Smith, e noi gli abbiamo parlato circa la sua collezione per l’autunno/inverno 2015.

di i-D Staff
|
23 febbraio 2015, 5:48pm

Ci sono forse solo un paio di stilisti sul programma di Londra che possono contare sulla stessa esperienza e sicurezza di Sir Paul Smith. Nel momento in cui arrivi sai già che stai per vedere abiti splendidi dalla qualità impareggiabile che vorrai ASSOLUTAMENTE indossare. La collezione sarà squisitamente progettata, ricercata e fabbricata da un uomo dal gusto impeccabile.

Per l'autunno/inverno 2015 Sir Paul prevede una delicata sfumatura anni '70 data da montoni e stivali vagamente hippy affiancati da un cenno di modernità nelle forme maschili dei morbidi completi portati con scarpe da ginnastica. "La cosa più importante," ha detto a i-D, "è la mancanza di un forte tema portante. Quando organizzi le linee per temi alle volte funziona, ma altre volte sta tutto nel fare bei vestiti."

Be', qui sta la differenza tra i novizi della London Fashion Week, che sono alla disperata e costante ricerca di chiarire i loro riferimenti e le loro ispirazioni per rendere comprensibile la loro visione, e Paul Smith, che non ha bisogno di troppe precisazioni trovandosi a un punto talmente alto da semplicemente dedicarsi a fare ottimi abiti. "I colori sono più Rothko che Matisse," ha continuato riferendosi alle interferenze rosa e gialle in una collezione altrimenti tenue. "Nel senso, non è completamente vero," ha elegantemente continuato, "ma voi sapete che cosa voglio dire." Bottoni fuori posizione e tasche asimmetriche abbinate ad accessori asimmetrici e da forme decise. "Alcuni dei tessuti, che ovviamente non si possono notare in passerella, sono molto… robusti non è la parola giusta… e per voi non significherebbe nulla ma…. ma sono molto compatti." 

Un cappotto resistente è un cappotto resistente di Sir Paul. "C'è una cosa che so per certo," ci ha detto poi un po' troppo umilmente, "cosa una cucitura fa a un risvolto, e come si arrotolano le maniche". E difatti sua moglie Pauline, che ha studiato come designer di moda presso il Royal College of Art, è la sua donna preferita in un completo, perché "lei capisce davvero come si costruiscono i vestiti." Alla fine, estrae un minuscolo coniglietto bianco dalla tasca dei pantaloni - non indossava un cilindro - che Pauline ha comprato per lui come portafortuna. Qualsiasi sia il suo segreto, funziona ogni volta. 

Crediti


Testo Sarah Raphael
Foto Piczo

Tagged:
Paul Smith
autunno/inverno 15