il meglio del pop del 2015

Dichiariamo i vincitori e celebriamo i momenti bizzarri e meravigliosi che hanno definito quest'anno con la musica pop.

di Dean Kissick
|
18 dicembre 2015, 10:09am

Il 2015 è stato un anno importante per la musica pop. Gli One Direction si sono sciolti prima che la maggior parte di noi avesse l'occasione di sentire anche solo una delle loro canzoni, prima che molti dei miei amici (anche se non proprio tutti) avessero l'opportunità di andare a letto con Harry. Ma non preoccupatevi, il sogno non è finito, perché il pop non è stato così in voga da molto, molto tempo.

MIGLIOR POP STAR... Justin Bieber - Sorry
Non molto tempo fa sembrava che la carriera di Justin Bieber stesse completamente sbagliando rotta: Bieber pisciava nelle cucine dei ristoranti, rischiava la vita in gare di macchine illegali, si vociferava che avesse abbandonato senza alcun rimpianto Mally, la sua scimmietta, in un aeroporto tedesco.

Ora è tornato con le canzoni più fighe dell'anno: Sorry e What Do You Mean?, e ovviamente l'inno prodotto da Skrillex e Diplo Where Are Ü Now, che è stata la colonna sonora della maggior parte delle feste di quest'estate. All'inizio di quest'anno, per scelta, non avevo mai ascoltato nemmeno una canzone di Justin, non sapevo nemmeno i titoli - ora invece le ascolto ogni giorno. E che dire di Mally la scimmia? Si sono riuniti in maniera molto toccante questa primavera su Comedy Central.

MIGLIOR SCOPERTA DELL'ANNO... Fetty Wap - Come My Way
In questi tempi molta musica rap si è trasformata in pop e Fetty Wap ha dato una svolta alle sue canzoni facendo diventare il rap una specie di pop - con un cantato melodico, pieno di intonazioni inusuali, voci tremule, come se si stessero spezzando. Dopo aver rilasciato un paio di canzoni che hanno riscosso un enorme successo, Trap Queen e My Way, si è guadagnato centinaia di migliaia di ascolti, ha fatto scoppiare la radio nelle macchine di tutto il mondo, ed è diventato il più importante musicista con un occhio solo dai tempi di Sammy Davis Jr.

Una menzione d'onore è d'obbligo anche per Young Thug - un rapper che, piuttosto che scrivere i testi spesso incomprensibili delle sue canzoni prima di andare a registrarle in studio, disegna invece un simbolo astratto che rappresenta il suo stato d'animo - per canzoni come Again in cui continua la sua missione di creare i video musicali più offensivi che si possano immaginare, che lo vedono vestito come un manichino in una vetrina di All Saints.

E per quanto riguarda Kelela, quest'anno ha rilasciato non una, bensì due opere d'arte R&B fenomenali avvolte in armonie dense di emozioni: Rewind All the Way Down.

MIGLIOR LOOK... Björk - Lionsong
Björk è ritornata sulla scena con il toccante album che parla della fine del matrimonio con Matthew Barney, Vulnicura, prodotto in maniera sublime da Arca e The Haxan Cloak. Allo stesso tempo una leggenda metropolitana corre tra le strade della città: si dice che abbia ordinato una Red Bull in un ristorante di Londra e l'abbia versata sul suo piatto prima di mangiare - l'interpretazione di questo atto è a vostra discrezione.

Lionsong è una canzone deprimente e bellissima e il video, diretto da Inez & Vinoodh e con lo styling della contributor di i-D Mel Ottenberg, ritrae Björk come una cantante d'opera proveniente dallo spazio, che indossa un'aureola di aculei di porcospino creata dall'artista giapponese emergente Maiko Takeda. Il che dimostra solo una cosa: un giorno puoi studiare moda al Royal College of Art, l'anno dopo potresti ritrovarti a creare il look più ultraterreno e celestiale della scena pop.

E infine, l'entusiasmante karaoke mix di Lionsong creato da Mica Levi è un altro pezzo assolutamente da ascoltare, anche se è quasi impossibile cantarci sopra.

MIGLIOR ARTWORK... Arca - Mutant
È da un po' di tempo che Arca (Alejandro Ghersi) e il suo miglior amico e più vicino collaboratore Jesse Kanda stanno plasmando un'estetica completamente nuova partendo da un software d'animazione in 3D incomprensibile e matematicamente molto complesso, e stanno spingendo i visual musicali in una dimensione barocca e grottesca (e che a volte si è guadagnata una censura da parte di Instagram). Questa cover dell'album mi sembra un incubo alla Leigh Bowery fatto di fluidi corporei rappresi.

Hanno inoltre lavorato alle riprese del video, che vede come protagonista l'autoritratto nudo e intimo di Jesse per Front Load che è stato vietato su YouTube ed è stato giudicato come non appropriato da parte di tutti i siti di musica. In risposta lui ha tweettato, "è delicato, bello e femminile... rappresenta come noi 'uomini etero' ci sentiamo a volte."

MIGLIOR TEMA... Hailee Steinfeld - Love Myself
Il primo singolo di Hailee Steinfeld è un'ode all'onanismo, un'inno al piacere derivato dalla masturbazione, con un testo che recita "Metto al primo posto il mio corpo e voglio amarmi fino a farmi male," e inoltre l'ha ammesso lei stessa moltissime volte nelle interviste. Nel weekend ho partecipato al lancio del suo EP e fortunatamente nessuno ha messo le mani in posti in cui non si potevano vedere.

MIGLIOR CONTRATTO DISCOGRAFICO… Danny L Harle - Forever
L'etichetta discografica PC Music per parecchi anni si è guadagnata un posto in quello spazio oscuro tra le performance dei gruppi d'arte della Goldsmiths e le pop star coreane con le gomme da masticare in bocca, e quest'autunno ha annunciato una collaborazione con la Columbia Records (il che significa a mio parere che sono stati assorbiti da un'etichetta più grande) con questo straordinario post su Facebook che afferma l'intenzione di creare:

"UN TIPO DI ETICHETTA NUOVA E PERFETTA. UNA NUOVA ARMA SPECIALIZZATA NEL POP... UN MODO EFFICACE PER ESPORRE SU DIVERSI LIVELLI IL DNA ALLA BASE DELLE CLASSIFICHE DI MUSICA , E IL CUORE E L'ANIMA DIETRO OGNI CREAZIONE IN STUDIO. TO BE CONTINUED..."

Il primo contratto ufficiale è stato quello con Danny L Harle, lo stesso che l'anno scorso ha registrato per noi una fantastica cover natalizia, e il suo EP Broken Flowers è ora in vendita. Tutto ciò è una notizia molto bella per la musica pop.

All'inizio di quest'anno Rolling Stone ha intervistato il capo dell'etichetta discografica A. G. Cook e la sua producer di fiducia Sophie; quest'ultima ha poi spiegato, "Credo che nella musica pop ci sia una gara a chi crea canzoni più vivaci e brillanti... E credo che questa sia una sfida molto efficace, così come la gara a chi riesce a esporre i sentimenti in maniera più sincera." Questo è un modo davvero brillante di guardare il pop nel 2015, come una forma d'arte che cattura i sensi e lascia il cuore da parte.

MIGLIOR VIDEO: Life Sim - IDL
Comunque una traccia di PC Music che è piena di emozioni, anche troppo per i miei gusti, è questa, con un video assolutamente sentimentale e che gioca in maniera seducente con i sentimenti, diretto dall'artista londinese Daniel Swan. Questa canzone sale, sale, sale, sale, sale e ancora, ancora di più e poi...

MIGLIOR TESTO: Anohny - 4 Degrees
Antony Hegarty è tornata, anche se ora si chiama Anohni, con una canzone di protesta devastante e apocalittica, incentrata sulle catastrofi ambientali e sul riscaldamento globale, prodotta da Onethrix Point Never e Hudson Mohawke. È una vera Canzone della Terra in questo momento della storia. Un mio amico si è lamentato perché non ci sono versi che si possono comparare al "E cosa si può dire degli elefanti? Abbiamo perso la loro fiducia?" di Michael Jackson, ma in realtà io amo le parti della canzone di Antony che recitano "E tutti quei rinoceronti e i grandi mammiferi, voglio vederli stesi nei prati a piangere," e "E tutti quei lemuri e quelle piccole creature - voglio vederli bruciare," e in generale tutto quell'immaginario dark che riguarda il declino del mondo. È come un dipinto di Hieronymus Bosch messo in musica.

Credo sia una cosa molto bella il fatto che molte pop star stiano di nuovo creando delle canzoni di protesta, che sia 4 Degrees di Antony o Borders di M.I.A., perché mai la musica pop non dovrebbe rivolgersi al mondo incasinato che c'è intorno a noi? Ad ogni modo, sia che tu voglia un pop che parla di protesta, di masturbazione, o di sentimenti, che si scusa, pone domande o piange la fine di una storia ma comunque molto forte e squillante - quest'anno la musica offre proprio quello che fa per te, ed è una cosa fantastica.

Crediti


Testo Dean Kissick

Tagged:
2015