Pubblicità

il segreto per fare successo nel mondo dell'arte? essere narcisisti

Una nuova ricerca trova la relazione tra il successo nel mercato dell'arte e la quantità di volte in cui gli artisti parlano di loro stessi.

di Blair Cannon
|
23 marzo 2016, 3:45pm

Un nuovo studio del professore di finanza Yi Zhou, pubblicato nell'European Journal of Finance, prova come il successo economico di un'artista sia proporzionale al suo livello di narcisismo. Servendosi di dati provenienti da artinfo.com, Zhou ha trovato una relazione tra il costo delle opere e l'ego degli artisti che le hanno realizzate. Alcuni dei criteri che decretano il successo artistico è il riconoscimento della élite del settore, la quantità di mostre realizzate (che siano di gruppo o individuali) e il numero di musei e gallerie che contengono opere di un dato artista. Il livello di narcisismo viene misurato grazie a fattori come la grandezza della firma, il numero di autoritratti eseguiti e la frequenza con cui si utilizza "io" durante le interviste.

Zhou afferma che un aumento del numero di autoritratti alzerebbe il costo delle opere di un determinato artista del 13%, mentre l'utilizzo del primo pronome personale si tradurrebbe in un incremento del 4% nel prezzo di mercato. Zhou non dà delucidazioni sul motivo per cui questo avvenga, ma un rapido sguardo alla storia dell'umanità (compresa l'attuale cultura dei selfie) potrebbe essere illuminante. Sembra che essere egocentrici paghi perché questi artisti sono semplicemente più bravi ad attirare l'attenzione su di loro (o perlomeno si sentano a proprio agio a farlo).


Artnet sostiene che gli artisti con una grande considerazione di sé siano più bravi a convincere le persone del proprio genio (ciao Pablo e Kanye). I colleghi di Zhou hanno evidenziato come il narcisismo dei CEO abbia effetti positivi sulla loro carriera e sulle aziende che gestiscono, seppur un ego molto sviluppato venga spesso catalogato come qualcosa di negativo. In tal mondo, per quanto possa essere sgradevole, il narcisismo aiuta i CEO e gli artisti a raggiungere posizioni di potere, attirare l'attenzione su di loro e, di conseguenza, incrementare i loro guadagni. Questo studio risulta perfettamente coerente con la profonda componente narcisistica della società d'oggi giorno e risulta applicabile non solo all'arte, ma alla nostra cultura in generale.

Crediti


Testo Blair Cannon
Foto via Instagram