incontriamo i designer che stanno ridando vita a new york

Venite a conoscere i designer emergenti che stanno creando la nuova estetica newyorkese.

di i-D Staff
|
16 febbraio 2016, 3:13pm

Matthew Adams Dolan

Nome Matthew Dolan Età 28 Hai sempre voluto lavorare nella moda? Quando ho iniziato a studiare non mi ci dedicavo al 100%. Sapevo di voler fare moda o arte, ma quando ho iniziato l'università mi sono dato da fare. Come vuoi portare avanti il brand? Le mie prime due collezioni erano piccole, voglio lavorare ancora molto per la collezione autunno/inverno 16. Ho lavorato prettamente con capi invernali ma c'è ancora molto da esplorare.

Grey indossa giacca, salopette e t-shirt Matthew Adams Dolan. Gioielli della modella.

Phlemuns 

Nome James Flemons Età 27 A chi sono rivolte le tue creazioni? I miei capi sono per tutti. So che nella moda dovresti avere un target a cui far riferimento ma cosa c'è di male nel voler piacere a tutti? Senti l'obbligo di dover stare al passo con il mondo della moda? Ci navigo. Ho dovuto fare spesso i conti con i miei dubbi riguardo alle mie creazioni, chiedendomi se ha un peso la mia presenza nel mondo della moda dato che l'industria oramai è satura. A New York si guarda molto al commerciale, è stato difficile cercare di dare vita a un brand più concettuale? Mi piace pensare di stare a metà tra il concettuale e la realtà di tutti i giorni. Cerco di rendere alcuni concetti tangibili e realistici, in questo modo persone diverse riescono a sentirsi a mio agio nei miei abiti.

Arsun indossa spolverino e t-shirt Phlemuns. Camicia della stylist. Jeans del modello.

Vejas 

Nome Vejas Kruszewski Età 19 Come ti sei appassionato alla moda? Ho iniziato a creare abiti per divertimento e per vedere se fosse possibile realizzare quello che avevo in mente. Dal punto di vista di un brand giovane, come trovi New York? È una città piena di contraddizioni perché qui ci sono tante opportunità anche a livello commerciale ma è molto difficile gestire un business giovane in una metropoli così cara. Credi che essere un designer riguardi solamente il creare vestiti? No, non puoi limitarti a questo oramai. C'è tantissima competizione perciò devi avere un tuo punto di vista ben definito e riuscire a metterlo in pratica con costanza. I designer di successo ora non sono per forza designer, ma direttori creativi e esperti nel comunicare attraverso immagini.

Andre indossa maglia e pantaloni Vejas. T-shirt What Goes Comes Around Vintage. Gioielli del modello. Brieta indossa top e jeans Vejas. Orecchino Tara 4779. Collana Jennifer Fisher.

Melitta Baumeister

Nome Melitta Baumeister Età 29 Da quanto vivi a New York? 4 anni. Hai trovato negozi pronti a supportarti? Credo che venire supportata da Dover Street Market mi abbia aiutata davvero molto. È come se mi avessero detto 'continua a fare ciò che fai', è stato fantastico avere la loro approvazione. Senti l'obbligo di dover stare al passo con il mondo della moda? Non faccio ancora collezioni pre-fall o resort per ora. Mi chiedo se qualcuno abbia davvero bisogno di tutti quei vestiti. Credo sia sbagliato in un certo senso, non è necessario produrre così tanto. In più i designer non hanno tempo sufficiente per pensare e creare.

Walter indossa Melitta Baumeister.

Andrea Jiapei Li

Nome Jiapei Li Età 26 Hai sempre desiderato imboccare la strada più tradizionale frequentando una scuola di moda? Sono stata abbastanza fortunata da ottenere una borsa di studio. Credo dipenda da che tipo di persona sei. Per me è stato importante avere un professore o una guida che abbia potuto insegnarmi moltissime cose e mi abbia saputo dare uno spunto da cui partire. A cosa ti sei ispirata per la tua collezione primavera/estate 16? Il film Just Kids. Si tratta di restare sempre positivi. Parla di quell'età in cui preferiresti essere un adulto ma passi ancora molto tempo a divertirti. 

Luca indossa top Andrea Jiapei Li. Jeans vintage di What Goes Around Comes Around. Orecchini Lynn Ban.

Alyx

Nome Matthew Williams Età 30 Come ti sei appassionato alla moda? Non pensavo la moda potesse diventare un lavoro fino a prima dei 20 anni. Mi sono spostato a Los Angeles a 19 anni per lavorare per un brand che mi ha offerto una internship, poi sono venuto a NY un anno e mezzo dopo, avevo 21 anni. Da quel momento faccio avanti e indietro da NY. Cosa pensi abbia New York in più rispetto alle altre capitali della moda? È una città ricca con una grande storia. Solo stare a Manhattan mi da moltissima ispirazione: la gente, i palazzi...non so nemmeno come spiegare quanto la ami. Abiterò qui per il resto della mia vita. A chi sono rivolte le tue creazioni? Alle ragazze con cui sono cresciuto in California, ma con un tocco più chic. Sono cresciuto nei club e voglio che i miei capi abbiano una loro identità di per sé e che la gente li indossi tutti i giorni, abbinandoli ad altre cose.

Christian indossa felpa e jeans Alyx. Gioielli del modello. Stivali Stetson. 

Public School 

Nomi Dao-Yi Chow e Maxwell Osborne In che termini la città rappresenta una fonte d'ispirazione? La città è una fonte d'ispirazione sotto moltissimi aspetti; dai ritmi frenetici al costante senso di fretta. Ma ci influenza anche a livello inconsapevole. Non ce ne accorgiamo finché non ci fermiamo a riflettere. Come per esempio lo scegliere una determinata cerniera per una felpa o altre piccole cose. Dobbiamo tutto al fatto che siamo cresciuti a NYC. I nuovi stilisti di New York possono contare sul supporto necessario? Penso che sia difficile farcela ovunque, che si tratti di giovani stilisti o vecchi stilisti. Tuttavia, è vero che NewYork ha una forte comunità nel mondo della moda che cerca di elargire aiuti quando può. Siamo un prodotto di tutto ciò. New York è un ambiente molto commerciale, hai trovato difficile applicare la tua creatività in questo contesto? Devi trovare l'equilibrio tra i due estremi. Devi rimanere fedele al tuo brand e alla tua visione e il resto verrà da sé. 

Osiris indossa felpa e pantaloni public school. T-shirt e gioielli della modella.

Harbison 

Nome Charles Harbison Anni 33 Qual è la zona più creativa di New York? Penso sia Brooklyn. Io sono di Bushwick. Vivevo lì quando ho lanciato la collezione. Ci sono un sacco di artisti e gallerie nelle vicinanze del nostro studio. Secondo me nasce tutto da Brooklyn e la comunità creativa si sta lentamente estendendo verso Bed-Stuy e Bushwick. C'è un sentimento di cameratismo che unisce i giovani stilisti di New York? Ci deve essere. Siamo costretti a contrattare, ma è quell'energia collettiva che ci incoraggia e ci mantiene informati. Come vuoi sviluppare Harbison? Voglio solo applicare questo stile di vita alla collezione e offrire di più; fornire a più persone la possibilità di adottarlo. Voglio anche diversificare i prezzi, è molto importante per me.

Sahara indossa felpa American Apparel. Bralette e gonna Harbison. T-shirt vintage di What Goes Around Comes Around.  Anello della modella. Calze e scarpe della stylist. 

Shan Huq

Nome Shan Huq Anni 20 Pensi che i giovani stilisti di New York abbiano a disposizione un numero adeguato di iniziative e possano contare sul supporto necessario? Per il momento sto contando solo sulle mie forze. Non saprei nemmeno dove trovarlo, il supporto. Penso che le persone che dimostrano più interesse siano quelle che vengono qui a New York dall'estero, a livello internazionale. Qual è l'ispirazione dietro la tua collezione primavera/estate? L'essenziale. Pensavo alle persone che comprano i vestiti senza avere fini "modaioli". Volevo estirpare la moda dai vestiti. Penso all'ispirazione dietro la prossima stagione, ne parlo e mi rendo conto che non sono ispirato da nulla.

Andrew indossa felpa e gonna Shan Huq.

Crediti


Testo Lynette Nylander
Foto Cass Bird
Moda Carlos Nazario
Capelli Tamara McNaughton at Management+Artists
Trucco Frank B at The Wall Group
Unghie Megumi Yamamoto at Susan Price NYC
Assistente fotografo Jon Heller, Clay Howard Smith
Digital technician Anthony Miller
Assistenti moda Kenny Paul, Yuiko Ikebata, Michelle Veal
Assistente capelli Erin Herschleb
Assistenti trucco Akiko Owada, Mikako Shojima
Production Paula Navratil
Production assistance Ashley Suarez, John Daniel Powers
Casting Walter Pearce
Modelli Grey Sorrenti, Arsun Sorrenti, Andre, Brieta, Walter, Luca, Christian, Sahara, Andrew e Osiris.

Tagged:
FASHION WEEK