Fotografia di Mitchell Sams.

abbiamo parlato con tom ford della sua nuova collezione di intimo

Un solo aggettivo per descriverla: SEXY.

di Jack Sunnucks
|
08 febbraio 2018, 11:42am

Fotografia di Mitchell Sams.

Martedì sera, al termine di una sfilata uomo caratterizzata da stampe metalliche e tagli sartoriali netti, Tom Ford ha presentato la sua prima collezione di intimo uomo. Se non vi sembra un passo rivoluzionario, vi ricordiamo che stiamo parlando dello stilista che negli anni '90 ha deciso cosa sarebbe andato di moda e cosa sarebbe stato sexy nel decennio successivo. E che oggi sempre lo stesso stilista ha un suo brand d'alta moda che fondamentalmente vende sull'idea che tutti vogliono essere sempre il più sexy possibile.

Dopo la sfilata abbiamo incontrato Mr Ford in persona per discutere con lui di intimo, Patrick Schwarzenegger e del suo colore preferito.

Qual è stato il punto di partenza nella creazione di questa linea?
Beh, prima di tutto vorrei sottolineare che questo è stato il lancio della mia prima linea di intimo in assoluto. Era una delle poche cose in cui ancora non mi ero cimentato, in fatto di moda. Fino a qualche anno fa solo chi aveva un'ampia rete di distribuzione sul territorio poteva avventurarsi nel mondo dell'underwear, mentre oggi si vende online. Così ho deciso di iniziare questo progetto e affidarmi a internet per quanto riguarda i ricavi.

Questo significa che la nostra linea di intimo sarà disponibile nei negozi Tom Ford monomarca, in pochissimi punti vendita multibrand accuratamente selezionati e, ovviamente, su internet. È stato e sarà un lavoro enorme, perché quando ho deciso di lanciare anche l'underwear sapevo perfettamente che non avrei solo stampato il mio nome sull'elastico di qualche boxer. A ispirarmi è stata mia madre, ricordo benissimo che negli anni '60 indossava sempre calze dell'esatta tonalità della sua pelle. È da lì che sono nate le sette diverse nuance color carne che ho scelto per il mio intimo. Anzi, è da lì che è nato tutto.

Ma volevo anche stampe stravaganti, che rispecchiassero quello che ho sempre fatto sugli abiti. Così ho pensato, bene, le donne vanno in un negozio di intimo prima di un appuntamento, sanno che l'altra persona le spoglierà. Quindi perché un uomo non dovrebbe fare lo stesso? Perché non dovrebbe dirsi 'ok, sta sera esco con lei, voglio mettermi le mie mutande argentate.'?

L'idea di "color carne" in una sola tonalità è ridicola.
Èd è per questo che ne ho create sette diverse. Così tutti possono trovare quella adatta al colore della loro pelle.

Tra il pubblico ho visto Patrick Schwarzenegger e Trevor Noah. Cosa li rende entrambi uomini Tom Ford?
Beh, entrambi scelgono spesso il mio brand per le loro uscite pubbliche. La vera domanda è: come li convincerò a indossare anche il mio intimo?

Beh, questo spetta a te…
Sono entrambi bellissimi, sei d'accordo? Voglio dire, guardali!

Come fai a incoraggiare i tuoi modelli quando stanno per sfilare praticamente nudi?
Faccio un discorso di gruppo nel backstage, lo stesso da 25 anni. Dico loro di uscire e far sì che chiunque nel pubblico... voglia fare sesso con loro.

Ultima domanda, cosa mi dici di Lana del Rey nella colonna sonora?
Beh, “Will you still love me when I’m young and beautiful?” [strofa della canzone Young and Beautiful, NdA]. Lo farai? Mi sembra un'ottima domanda.

Grazie, Tom.

Difficile riassumere l'enorme contributo che Tom Ford ha dato all'industria della moda negli ultimi due decenni. Noi ci abbiamo provato:

Crediti


Fotografia di Mitchell Sams

Questo articolo è originariamente apparso su i-D UK.