nike women: lo sportswear disegnato da donne, per donne

Se il futuro è questo, allora è un gran futuro.

di Amanda Margiaria
|
14 marzo 2019, 2:43pm

Quando siamo stati invitati a Parigi per il primo Global Meeting Nike tutto al femminile, sapevamo che avremmo partecipato a un momento indimenticabile, ma non eravamo preparati a due giorni di eventi, sfilate, workshop e chi più ne ha più ne metta pensati per celebrare il ruolo della donna nello sport.

L'empowerment femminile non è certo un tema nuovo per Nike, che già negli anni '70 scattava campagne pubblicitarie con atlete donne come protagoniste. Nel corso dei decenni, questo impegno non ha fatto che aumentare, e lunedì è stato un po' il culmine di questo percorso. Cos'è successo? Difficile riassumerlo in poche parole, ma possiamo provarci.

1552568618655-Nike-Paris-Reveal-8_86176
Finale dello show Nike

Chi ci ha seguito su Instagram lo sa, tutto è iniziato con uno show emozionante e piuttosto imponente: 40 tra le atlete migliori del mondo hanno presentato le nuove divise da calcio disegnate per le nazionali che si contenderanno i Mondiali di Calcio Femminile a giugno, proprio a Parigi.

Le bambine, ragazze e donne che abbiamo visto sfilare sono la miglior rappresentazione possibile di quello che Nike ha fatto e sta facendo, cioè trasformare slogan e obiettivi in realtà concrete. La diversity del casting ha colpito praticamente chiunque tra il pubblico. C'erano modelle di tutte le etnie e origini, con corpi, camminate, culture, professioni e sguardi che più diversi non si può. C'erano capi pensati per agevolare tutte noi, con particolare attenzione per chi sceglie di portare l'hijab e preferisce abiti modesti. C'era Feriel Moulaï, una modella che noi di i-D apprezziamo e conosciamo da tempo perché simbolo della nuova atmosfera di inclusività che si respira ultimamente nella moda.

1552570261893-Nike-National-Team-Kit-Group-Paris-Elaine-Constantine-1_original
Le nuove divise delle nazionali di calcio femminile che gareggeranno ai Mondiali 2019 di Parigi

A rappresentare I'Italia c'era Bebe Vio, campionessa di fioretto individuale che si è aggiudicata Olimpiadi, Mondiali ed Europei. A fine sfilata ci siamo avvicinati per farle i complimenti, e non riusciva a nascondere l'emozione per aver partecipato a un momento così importante. "Vedere persone così diverse formare un gruppo così omogeneo è stato incredibilmente figo," ci ha raccontato. "Per me è assurdo essere parte di una squadra così, perché davvero sono tutte atlete e donne fantastiche. Tutte combattiamo per lo stesso obiettivo, e tutte ci crediamo con tutto il cuore. E poi diciamocelo, se non lo fa Nike, un lavoro così pervasivo di sensibilizzazione non solo sul calcio femminile, ma sullo sport femminile nel suo complesso, beh, non lo può fare davvero nessuno."

In passerella non sono state però presentate solo le nuove divise da calcio, ma anche un'anteprima dell'apparel Nike Women delle prossime stagioni. Si tratta di capi colorati, dinamici e oggettivamente belli, quelli che vengono in mente quando si pensa all'athleisure, perché tecnicamente perfetti per fare sport, ma esteticamente adattissimi anche per il tempo libero (anzi, diciamocelo, alcuni pezzi li metteremmo anche per una serata di clubbing).

1552571927291-Nike-National-Team-Kit-JessicaLomax_2_Web_1920x1080_86218
Jessica Lomax, Design Director dell'abbigliamento donna di Nike

La mente dietro questa collezione è quella di Jessica Lomax, Design Director dell'abbigliamento donna di Nike e brillante stilista che ha saputo lavorare al secondo pilar del brand: offrire alle donne che fanno sport un prodotto tanto funzionale quanto cool. È lei stessa a presentarci le sue creazioni, sottolineando però che, ancora una volta, è il lavoro di squadra a garantire un risultato brillante: "Sono parte di un collettivo di designer tutto al femminile di cui fanno parte donne estremamente preparate dal punto di vista tecnico, mentre altre hanno background più legati al sistema moda, proprio come me." E continua poi: "Collaborando e unendo le nostre forze siamo riuscite a superare i nostri limiti, ispirarci a vicenda e, infine, dar vita alle nuove collezioni di Nike Women."

L'elemento base del guardaroba sportivo di ogni donna, però, è il reggiseno. Deve sostenere, ma non dare fastidio. Essere leggero, ma anche resistente. Trovarne uno che ci faccia sentire a nostro agio correndo, facendo yoga o praticando qualunque altra disciplina è praticamente impossibile, quindi capirete bene il nostro entusiasmo quando Nicole Rendone ci ha presentato la nuova linea di bra sviluppata da Nike unendo feedback delle atlete, nuove tecnologie ed esigenze di chi fa sport a livello non agonistico. Quindi, reggiseni pensati per i diversi tipi di sport, dai meno intensi ai più impegnativi, per toglierci di torno (finalmente) il problema.

1552574014029-Nike-National-Team-Kit-GeorginaJames_1_Web_1080x1350_86197
Georgina James, Senior Creative Director del Footwear Nike Women

Ultimo highlight: la nuova collezione di sneaker Nike Women, disegnata da Georgina James, Senior Creative Director. Ispirate proprio alla città di Parigi, queste scarpe sono state create con un obiettivo preciso: rendere la sneaker culture qualcosa di appetibile e interessante anche agli occhi delle donne. Inutile sottolineare che il risultato ci sembra centrato alla perfezione.

Insomma, la frase The Future Is Female ormai la vediamo ovunque, eppure solo lunedì, per la prima volta in assoluto, abbiamo avuto l'impressione che un futuro al femminile sia davvero possibile. Ed è un gran futuro, onestamente.

1552574588707-Nike-National-Team-Kit-Group-Paris-Elaine-Constantine-2_86264

Segui i-D su Instagram e Facebook

Altro dal mondo Nike che potrebbe interessarvi: la nostra intervista a Matilde Gioli, con cui abbiamo parlato di maglie da calcio, ricordi e moda.

Crediti


Testo di Amanda Margiaria
Immagini su gentile concessione dell'Ufficio Stampa Nike

Tagged:
sportswear
Moda
nike women
calcio femminile