"rabbia e frustrazione sono il motore della creatività”—charles jeffrey

La sfilata autunno/inverno dello stilista inglese più folle in circolazione è stata un'espressione di tutte le sue emozioni.

di Bojana Kozarevic; foto di Alin Kovac
|
10 gennaio 2018, 5:35pm

Sempre d'impatto, deciso e controverso, Charles Jeffrey LOVERBOY è diventato uno degli stilisti attesi con più impazienza alla LFWM. Dal titolo Tantrum, la sua ultima sfilata è stata costruita attorno alle emozioni e riflessioni interiori del designer, specie quelle legate alle sue radici ancestrali.

"La sfilata è tutto per me," ha dichiarato Charles durante la quiete che ha seguito la follia della sua passerella. "È uno dei motivi per cui lavoriamo così duramente—vogliamo dare l'opportunità alle persone di entrare nella nostra immaginazione e far provare loro emozioni vere. Abbiamo disegnato questa collezione come parte di un lungo viaggio interiore. I riferimenti principali sono la Scozia, la mia infanzia e i miei amici. Tutto. E credo proprio che siamo riusciti a comunicare quello che volevamo comunicare."

La furia e la rabbia che ha trovato in sé sono state tradotte in una fiera apertura di tamburi e urla (che ricordavano Firestarter dei Prodigy)—mentre la performance della Theo Adams Company ha portato il pubblico direttamente tra i meandri della mente dello stilista, grazie a una rappresentazione vera del dolore e dei mille modi in cui lo mascheriamo.

Tagged:
Loverboy
Menswear
settimana della moda
charles jeffrey loverboy
london fashion week mens
lfwm
talenti emergenti
a/w 18
charley jeffrey