Foto dalla scena rave di Lagos

Le nuove generazioni nigeriane stanno trovando un senso di inclusione, comunità, libertà e amore proprio ai free party clandestini.

di Nelson C.J.; traduzione di Enea Venegoni
|
07 febbraio 2022, 10:04am

A Lagos, il rave Sweat It Out in genere raggiunge il suo apice attorno alla mezzanotte, due ore dopo l'orario indicato dal volantino come inizio della serata. Eppure, di solito, già entro le 21.00 gruppi di raver da ogni angolo di Lagos hanno già cominciato ad arrivare nella location, indossando abiti larghi e traspiranti: pantaloni larghi, scarpe da ginnastica robuste, crop top, pantaloncini attillati. Da quel momento, la musica di DJ set afro-EDM non si interrompe prima delle prime ore del mattino.

All'inizio, Ebi Atte ed Ejiro Otito—le menti dietro all’organizzazione di Sweat It Out—ospitavano i loro rave a HFactor, un famoso spazio a Lagos situato in un vecchio edificio coloniale dell'isola, uno degli angoli più abbienti della città. Ma con l'aumentare dell’utenza, hanno dovuto spostarsi in uno spazio più grande. Ora, le loro feste si svolgono in uno studio nella città di Lekki, proprio vicino al mare.

Questa espansione è prova di come la scena della musica elettronica nigeriana stia crescendo. La sua influenza non è più relegata ai margini, e sta diventando velocemente una delle sottoculture più diversificate e fiorenti tra delle nuove generazioni nigeriane.

una serata EDM a lagos

"Ci sono quattro o cinque serate veramente famose a Lagos, a cui le persone possono partecipare per ascoltare musica elettronica. Ognuna di queste ha un concept diverso dalle altre, ed è proprio questa la loro bellezza,” ci racconta Ebi. "Quello che abbiamo scoperto da quando abbiamo iniziato a gestire le nostre serate è che le persone organizzavano molte feste private, invitando circa 20-30 persone. Però, dopo la pandemia, qualcosa è cambiato, e le feste sono diventate un luogo di scambio per molte più persone. La scena è decisamente in ascesa."

L'emergere di una scena EDM inclusiva può essere in parte attribuita al cambiamento culturale radicale che la gioventù nigeriana sta vivendo in questo momento. L'ascesa delle identità Alté degli ultimi anni—un movimento un tempo marginale che celebra e abbraccia un approccio individuale all'espressione personale—sta contrastando l'estremo conservatorismo che domina sulla cultura nigeriana. Naturalmente, a questo si è aggiunta anche l'assenza di confini tipica dei social media, dando alle identità marginalizzate nel paese—in particolare alle persone queer e alle donne—l'opportunità di organizzare eventi in sicurezza e partecipare a community virtuali.

due persone che si tengono per mano con al braccio i braccialetti di alcune serate rave

Anche le proteste di End SARS di due anni fa—che hanno acceso la voglia di sfidare i sistemi di governo oppressivi che soggiogano il paese—svolgono un ruolo fondamentale in questo nuovo movimento fiorente. Le proteste, che sono state organizzate prima sui social media per poi riversarsi nelle strade e nelle città della Nigeria, hanno iniziato a combattere la brutalità della polizia e la profilazione indiscriminata (di solito basata sull’aspetto e l'abbigliamento di una persona). "Le nuove generazioni nigeriane sono molto chiare rispetto a ciò che vogliono e ciò non vogliono tollerare,” afferma Ebi. "Penso che il solo fatto di partecipare a un rave stimoli una sensazione di ribellione e di sfida, almeno su piccola scala,” conclude.

Ebi, che quando non lavora come DJ è analista di ricerca, ha fondato Sweat It Out come evento privato nel 2019. Ha avuto l'idea durante il suo periodo universitario in Regno Unito, quando tornava a casa in Nigeria durante le vacanze ma non riusciva a trovare posti dove organizzassero party che gli piacessero. "Non avevamo un posto dove andare per ballare e ascoltare musica elettronica," dice, e così lui e un amico hanno iniziato ad allestire spazi che ospitassero DJ di musica elettronica locali.

un rave al chiuso a lagos luci rosse

Aaron Ahalu, creative director di 25 anni, è uno deз tantз giovani nigerianз per cui spazi come Sweat It Out e altri rave—Ekolectro, Element House, per citarne un paio—offrono un rifugio e un senso di comunità. "La prima vera festa EDM a cui abbia mai partecipato è stata Sweat It Out nel marzo 2021, subito dopo essere tornato a Lagos da Abuja," racconta. "È stata la prima festa di cui ho visto un volantino digitale e ho voluto andarci." L'invito specificava: "rigorosamente elettronico." "Mi ha incuriosito", dice. "E da quel momento sono diventato un raver."

Per Adedoja Duroshola, advocate dei diritti relativi alla neurodiversità, la scena rave ha un significato che trascende musica e danza. "I rave sono il luogo in cui vado per esaltare il mio Dio interiore," racconta. "Il movimento è una parte molto importante della mia spiritualità. Purifico il mio essere con l'energia presente ai rave. Riesco a ballare in un modo non forzato. Riesco a vedere i miei amici, a ricaricarmi, a fare after-party in cui parliamo solo di vita."

una persona con indosso una bandana che ride durante un rave a lagos

La scena rave nigeriana si sta trasformando in un safe space per le persone che normalmente non avrebbero accesso a questo tipo di eventi, ed è per questo che organizzatori di rave come Ebi ritengono sia un loro dovere creare spazi inclusivi. Sweat It Out garantisce l'inclusione e la sicurezza delle persone della comunità LGBTIQ+ nigeriana, partendo dall’includere persone omosessuali nel team che organizza le serate allo svolgere gli eventi in luoghi sicuri per chi partecipa, specialmente le donne. "La musica che suoniamo origina dalla libertà e da un senso di sicurezza, quindi siamo molto seri [quando] banniamo le persone che non contribuiscono alla vibe di questo spazio," afferma Ebi.

una persona che balla durante un rave a lagos

Delnoi Otsemobor, DJ, organizzatore di eventi e fondatore di Real House Heads of Lagos, ritiene che la scena EDM in Nigeria "sia destinata a diventare solo più grande,” grazie all’entusiasmo collettivo di fronte alla musica e alla cultura dell'inclusività che questo movimento porta con sé. Forse, allora, i suoni della nuova generazione di artistз si estenderanno ben oltre Lagos. "Il fatto che l’Afrobeats sia arrivato ai vertici delle classifiche globali, significa che molto presto la Nigeria innescherà ondate di afro-house, EDM, deep house, minimal, tech, trance, gabba, DnB, soulful house," aggiunge Ekiti Sound. "Confido che ci inseriremo in tutti quegli spazi a mostrare con orgoglio la nostra cultura."

Al centro di tutto, la missione è quella di garantire che la scena EDM rimanga inclusiva e libera. Chi partecipa ai rave come Adedoja sperano che si inneschi un effetto domino sulla cultura giovanile nigeriana. “[Le persone] possono esprimere la propria autenticità senza paura del giudizio," dice, "Sentendosi capite e supportate dal fatto che si trovano tra persone empatiche e che si divertono davvero,” conclude.

figure umane sfocate durante un rave notturno a lagos
qualcuno che dipinge un murales su uno striscione a lagos
foto sfocata delle luci di un dj in un rave a lagos
un rave all'aperto a lagos all'alba
il mare dietro a una rete a lagos la mattina

Questo articolo è apparso originariamente su i-D UK

Segui i-D su Instagram e Facebook

Crediti

Fotografie: LOGOROFAFRICA

Leggi anche:

Tagged:
africa
NIGERIA
Fotografia
sottoculture
musica elettronica