Magda Butrym x Mytheresa: la capsule che mixa minimalismo e glam anni Duemila

La piattaforma ecommerce e la designer based in Varsavia hanno unito le forze per dare vita a una collaborazione audace e dal gusto anni '00.

di Carolina Davalli
|
03 novembre 2021, 9:30am

Ecommerce di lusso e leader del settore, Mytheresa si è inserito nel mondo dell’etail come piattaforma dinamica e hub propulsivo per la definizione di un nuovo concetto di lusso e un nuovo approccio verso la moda. Seguendo questa ricerca e impronta, l’azienda ha scelto di collaborare con Magda Butrym—designer con base a Varsavia conosciuta per la sua moda minimal, eterea e radicalmente contemporanea—per offrire alla propria community una capsule di abbigliamento esclusiva, segnando parallelamente il pre-lancio della sua prima collezione di borse.

Quella Magda Butrym x Mytheresa è una collaborazione eclettica, che spazia dalla maglieria al denim, passando per capi in pelle dalle silhouette sperimentali; quattro look ready-to-wear che reinterpretano gli staple del brand in chiave moderna, audace e innovativa. Volumi e forme esulano dai confini del capo, tramutandosi in sculture mobili che manipolano e completano le forme del corpo umano, dandogli una nuova forma e una nuova plasticità.

Utilizzando una monocromia che però non limita il raggio d’azione della collezione, anzi, la rende più forte e sicura nella sua identità progettuale, la capsule incarna lo spirito creativo della designer, infondendolo di elementi anni ‘00, di una sartoria tesa e tagliente e completandolo con le mini bag della collezione. In occasione del lancio della capsule, abbiamo voluto fare qualche domanda alla designer su com’è stato lavorare con Mytheresa, su quali sono le intenzioni e quali gli obiettivi che stanno alla base di questo ambizioso progetto.

Magda Butrym x Mytheresa capsule collection

Hai creato dei look esclusivi per Mytheresa. Qual è il concept della capsule e quali sono state le tue ispirazioni?
Volevo prendere dei look iconici e dare loro nuova vita, un nuovo taglio. Ho preso ispirazione da quella transizione estetica che ti porta da un abbigliamento da giorno a uno più da sera. Dal denim ai fiori in 3D, fino alle silhouette più taglienti e alla mia ossessione per le piume, tutto il progetto è incentrato su un’estetica molto anni Duemila e un mood da festa travolgente. Quella che pervade la collezione è una vibe essenzialmente romantica.

**Quale visione avevi in mente quando hai fondato il brand e quali sono i tuoi obiettivi per questo progetto?
**Fin da ragazzina, ho sempre amato la moda e il processo creativo che ci sta dietro. Il mio obiettivo è sempre stato quello di creare delle collezioni che fossero rilevanti, che tocchino dei punti cardine della contemporaneità. Per me, la ‘moda’–qualsiasi cosa voglia significhi–significa esprimere ciò che sentiamo di essere in un determinato giorno o circostanza, è un mezzo essenziale per esprimere la nostra dimensione interiore.

Magda Butrym x Mytheresa capsule collection

**Magda Butrym ora si sta spingendo anche nel mondo degli accessori. Quali sono state le difficoltà che hai incontrato esplorando questo nuovo tipo di progettazione?
**Il mondo degli accessori è totalmente diverso da quello degli abiti, e una delle cose più difficili che ho dovuto fare mentre progettavo le borse era quella di controllare la qualità e il processo di produzione degli oggetti, perché fossero della stessa qualità e fattura dei capi della collezione. Il brand ormai è conosciuto per il RTW, e creare queste borse è stato come iniziare tutto da capo. Sono una cosa totalmente diversa.

Sei nata a Varsavia e il tuo brand ha base lì. Fino a che punto la tua cultura influenza il tuo processo creativo?
Sono convinta che sia essenziale supportare gli artigiani e le artigiane locali. Sono orgogliosa delle mie origini e questo è un modo per me di celebrare la mia cultura, oltre a infondere elementi distintivi all’interno dei miei capi o look. Ad essere onesta, fondare un brand al di fuori di una capitale della moda significa affrontare difficoltà che altri brand forse non dovranno mai affrontare, come una mancanza di un network di fornitori o buyer solida, dover mantenere uno staff limitato e una sfiducia nella qualità del prodotto da parte dei retailer. È molto difficile affermarsi in questo campo. Nonostante questo, stare al di fuori dagli ecosistemi della moda ti spinge a concentrarti sul dare forma alla tua visione indipendente; è un’occasione per esplorare il tuo DNA.

Magda Butrym x Mytheresa capsule collection

Hai fondato il tuo brand nel 2014 e ora sei una delle designer indipendenti più famose dell’industria. Hai dei consigli da offrire alle giovani designer che vogliono farcela nel mondo della moda?
Credo che sia molto importante individuare i propri punti di forza, la tua unicità, senza farsi influenzare da ciò che potrebbe piacere alle persone o all’industria. Sii sfacciata, appassionata e testarda, ma mantieni sempre un atteggiamento di ascolto, per imparare il più possibile. Le persone sono curiose per natura, ed è essenziale tenere al centro l’interazione e lo storytelling con un ipotetico cliente. Non è per niente facile, ma ce la si può fare. Sii fedele alla tua visione e lavora sodo, perché nulla è dovuto.

**Cosa c’è nel futuro di Magda Butrym?
**Il mio sogno sarebbe quello di rendere Magda Butrym una mini-maison, sperimentando con la mia visione di un’estetica moderna e romantica. Credo che a quel punto l’interazione con la clientela e la necessità di presentare loro mio mondo sarà ancora più essenziale. Per me si tratta di una scoperta e una ricerca costante, e definire sempre più i contorni del brand sarà sempre il mio focus, magari anche attraverso delle incursioni spaziali che vadano oltre al prodotto, come pop-up o spazi esclusivi.

La collezione Magda Butrym x Mytheresa sarà disponibile sul sito di Mytheresa dal 3 novembre 2021.

Magda Butrym x Mytheresa capsule collection

Segui i-D su Instagram e Facebook

Crediti

Intro: Carolina Davalli
Immagini e intervista: per gentile concessione di Magda Butrym x Mytheresa

Leggi anche:

Tagged:
Capsule Collection
collezione
collaborazione
mytheresa
magda butrym