Ti è piaciuto "Chiamami col tuo nome"? Allora la nuova serie di Guadagnino diventerà la tua preferita

È uscito il teaser della nuova serie TV di Luca Guadagnino. Dura solo 20 secondi, ma ti faranno urlare.

di Benedetta Pini
|
08 luglio 2020, 2:05pm

Still dal trailer della serie "We Are Who We Are"

Il suono della dolce risacca delle onde che si infrangono sulla spiaggia, il tintinnio cristallino di note acute, un gruppo di adolescenti che si gettano in mare correndo. Lentamente, la macchina da presa si avvicina con una carrellata a una ragazza e un ragazzo seduti in disparte sugli scogli, mentre la musica si intensifica: "Pensano che siamo strani?" chiede lui, "Che ti importa?" risponde lei. Sono solo pochi secondi, ma in questo momento, reduci da una quarantena di quasi tre mesi e ancora bloccati in città da esami universitari e lavoro, diciamo che siamo particolarmente sensibili.

Se poi il mood di questi istanti è così tremendamente affine a quello di Chiamami col tuo nome, che no, non avete per niente dimenticato--come vi ricorda la metà delle playlist create ad hoc da Spotify, dove Sufjan Stevens e Ryūichi Sakamoto compaiono un po' dappertutto--, capite che è davvero impossibile non sentire un tuffo al cuore. Proprio ora che stavamo per uscirne e avevamo appena detto il primo "no" a noi stessi per l'ennesimo rewatch di CMBYN (per niente scontato, dato che c'è comodo comodo su Netflix), ecco che Luca Guadagnino rientra a gamba tesa nella nostra emotività già di per sé in crisi.

E lo fa con una nuova miniserie tutta sua, di cui è sceneggiatore, regista, showrunner e produttore esecutivo: We Are Who We Are, targata HBO-Sky e in uscita su Sky e NOW Tv il prossimo ottobre. Per ora si sa ancora poco, ma quanto basta per fare partire il conto alla rovescia e pensare già che a settembre, in preda alla classica depressione post-estate, sapremo già tra le braccia di chi farci consolare. Le informazioni che siamo riusciti a reperire in questi ultimi giorni, inoltre, hanno superato di gran lunga le aspettative che ci eravamo fatti a dicembre 2019, quando erano uscite le primissime immagini della serie sulla pagina Instagram dedicata.

Partiamo dal cast: ci sarà la "coolest girl in the world" Chloë Sevigny (<3), nel ruolo di Sarah, la madre di Fraser, un 14enne intimo e introverso che si trasferisce insieme a lei e alla sua altra madre, Maggie (Alice Braga), da New York a una base militare in Veneto. Entrambe, infatti, sono in servizio nell'esercito statunitense. La co-protagonista è Caitlin (Jordan Kristine Seamón), un'adolescente solo apparentemente spavalda, ma dall'animo fragile e insicuro. Lei vive nella base ormai da anni con la sua famiglia, e suo padre è niente meno che Kid Cudi--se vi chiedevate che fine avesse fatto, ecco qui la risposta! E poi ci sono tutti gli altri del giro: il fratello di Caitlin, Danny (Spence Moore II), e il fidanzato, Enrico (Sebastiano Pigazzi), Britney (Francesca Scorsese), Craig (Corey Knight), Sam (Ben Taylor) e Valentina (Beatrice Barichella).

Passando alla trama, gli otto episodi racconteranno i drammi strazianti e le dinamiche viscerali, i momenti spensierati e le nuove scoperte dell'adolescenza di questi ragazzi e ragazze, costretti a vivere in un luogo restrittivo e disumanizzante come una base militare. Un contesto che stride nettamente con l'immaginario stereotipato da cartolina del Belpaese di cui è impregnata la visione statunitense--e a cui Guadagnino in passato ha un po' ceduto. Come in Chiamami col tuo nome, quindi, famiglie americane in Italia e dinamiche adolescenziali, di cui speriamo torni quella stessa tensione pura e travolgente, quella delicatezza timida e tentennante con cui l'aveva raccontata, conquistandoci. Tirando le somme, sarà una storia di formazione con tutti gli elementi che la rendono tale, universale e capace di arrivare dritta a chiunque: la costruzione dell'amicizia, i primi amori, le crisi di identità, il casino dell'adolescenza, ma anche l'angoscia e l'euforia.

Segui i-D su Instagram e Facebook

A proposito di progetti di Guadagnino in cantiere:

Crediti

Testo di Benedetta Pini

Tagged:
chloe sevigny
adolescenza
serie tv
Call Me By Your Name
Luca Guadagnino
teen drama