Immagini su gentile concessione dell’ufficio stampa Acidalatte.

Entra nel mondo ovattato ed eco-consapevole del brand emergente Acidalatte

L'immaginario di Eva Fiorucci e Carolina Ferrari potrebbe sembrare childish e surreale, ma il loro brand è molto di più di visioni folli e sognanti.

di Giorgia Imbrenda
|
23 luglio 2021, 9:19am

Immagini su gentile concessione dell’ufficio stampa Acidalatte.

Rebel Label è la rubrica di i-D che incontra, intervista e qualche volta fotografa i brand emergenti (e non) in Italia. Oggi è il turno di Acidalatte, il brand di abbigliamento formato dalla coppia Eva Fiorucci e Carolina Ferrari. Con le loro collezioni dai colori tenui e dalle silhouette infantili, il marchio offre capi e accessori unici fatti a mano, realizzati con materiali sia creati ad hoc che riciclati.

Nato per gioco durante la quarantena, Eva e Carolina hanno deciso di lanciare il loro brand basato su una apparente leggerezza estetica, ma che nasconde in sé tematiche sostenibili più urgenti che mai. Un marchio inconfondibile, ma anche un messaggio concettuale ben preciso, che veicola l’idea di una moda inclusiva e aperta, la stessa che le due designer dietro al brand vogliono trasmettere con le loro creazioni.

Incuriosite dal loro immaginario, abbiamo intervistato il duo di Acidalatte per per saperne di più sulla filosofia e sull’etica del loro progetto.

Intervista Rebel Label acidalatte moda

Ciao! Parliamo un po' di voi. Chi siete? Quando e perché avete fondato Acidalatte?
Ciao! Ci siamo conosciute nell’ormai lontano 2016, durante gli studi di Fashion Design in NABA - Nuova Accademia di Belle Arti di Milano.
Dall’unione delle nostre due menti creative, verso la fine dello scorso anno, abbiamo creato Acidalatte. Sentiamo il bisogno di chiamarlo “progetto”, più che “marchio” o “brand”: Acidalatte è un’esigenza, è l’espressione di un mondo interiore attraverso diverse forme artistiche. Per questo motivo, spesso collaboriamo con altri creativi per innescare nuove sinergie.

Da dove arriva il nome Acidalatte?
Acidalatte non è altro che l’unione di due parole: “Acida” come rappresentazione della nostra parte più matura, più “sporca”, più consapevole. “Latte”, al contrario, riassume l’animo bambino e candido che è perennemente dentro di noi.

Intervista Rebel Label acidalatte moda

Come definireste le vostre creazioni usando solamente tre parole?
Atemporali, sensibili, friendly.

Nonostante il vostro brand sia nato da pochissimo, ha un’identità estetica molto forte. Come avete sviluppato la visual identity di Acidalatte?
È venuto tutto molto spontaneo, è come se dentro di noi fosse già tutto chiaro e limpido. Si siamo solamente impegnate a tirare questa visione nella maniera più naturale possibile, facendoci coraggio a vicenda. Entrambe abbiamo una nostra personale estetica molto forte, a volte in netto contrasto, a volte quasi identica: questo ci ha permesso di essere sempre lucide e critiche sul modo in cui presentiamo Acidalatte al mondo esterno. Acidalatte sono due personalità dalle mille sfaccettature che coesistono in un’unica entità.

Intervista Rebel Label acidalatte moda

Che storia c'è dietro le grafiche e le illustrazioni che utilizzate come fantasia delle stampe?
Ognuna ha una storia e una provenienza diversa. In molti casi sono le trasposizioni di illustrazioni precedentemente realizzate ed espressioni di un flusso mentale ed emozionale. A volte, sono semplici immagini evocative che riconducono esteticamente al nostro mondo.

Dal punto di vista progettuale, quali tecniche utilizzate per dare forma alle vostre idee?
La nostra tecnica va dalla ricerca, alla manipolazione, dalla scomposizione e destrutturazione dino all’assemblaggio, che poi orniamo attraverso l’unione di disegno e ricamo direttamente su tessuto o capo finito. Non seguiamo sempre lo stesso ordine, ci piace variare in base a quello che un determinato pezzo ci comunica. A volte, tiriamo fuori da una scatola una tuta o una gonna o un accessorio e riusciamo ad immaginare già il risultato finale. In altri casi, il passaggio avviene in maniera più lenta: iniziamo, abbandoniamo il lavoro, lo riprendiamo e, a volte, capita di accantonarlo definitivamente.

Intervista Rebel Label acidalatte moda

Il vostro brand è unisex e gender-fluid, che tipo di concept c’è dietro a queste scelte?
Lasciamo scegliere agli altri come percepire le nostre creazioni. Non ci poniamo dei reali limiti, è tutto frutto del nostro immaginario, di come vorremmo rappresentare un’idea che abbiamo in testa e su quale soggetto vorremmo vederla indossata. Non parliamo ad una persona specifica ma ci rivolgiamo ad un gruppo di interlocutori ormai pienamente inseriti in un contesto contemporaneo. Dunque, perché doversi per forza definire?

Parlando di sostenibilità: perché è importante e in che modo si può ridurre l'impatto ambientale di un brand?
Nel sistema moda esistono brand di abbigliamento di vario tipo e sarebbe difficile offrire una soluzione uguale per tutti. Ma di una cosa siamo certe: Acidalatte è stato fondato sull’idea di sostenibilità, cercando ogni giorno di impegnarci a fare del nostro meglio per ridurre al minimo l’impatto ambientale. Dobbiamo cercare di essere più consapevoli e curios* nell’andare ad analizzare i capi e gli accessori che acquistiamo, sapere da dove arrivano, come sono stati creati, da chi e in che modo.

Intervista Rebel Label acidalatte moda

Cosa pensate dei social network e come sviluppate la comunicazione del vostro brand? Crediate che siano indispensabili per permettere a un brand emergente di farsi conoscere?
I social network sono stati fondamentali per Acidalatte. Ci hanno permesso di conoscere molteplici realtà artistiche fondamentali per la nostra crescita. È stato il trampolino di lancio verso il desiderio di mostrarsi per chi siamo veramente. Sono tramite di verità e spontaneità. A questo proposito, non abbiamo delle regole fisse e severe sulla nostra comunicazione: mixiamo dettagli di vita quotidiana, illustrazioni e video, tutto interamente realizzato da noi e da altri artisti che ci ispirano, stimolano e che ci trasmettono emozioni.

Dove vi vedete tra 5 anni?
In uno “spazio” fisico che ci rappresenti, dove le persone possano fermarsi, incontrarsi e nel quale si possa creare una sana condivisione, uno scambio artistico da molteplici ambiti creativi. Vorremmo mostrare quotidianamente il nostro lavoro, la passione e la fatica che c’è dietro Acidalatte.

Intervista Rebel Label acidalatte moda

Segui i-D su Instagram e Facebook

Crediti

Testo di Giorgia Imbrenda
Immagini su gentile concessione dell’ufficio stampa Acidalatte

Leggi anche:

Tagged:
Fotografia
Moda
giovani creativi
designer emergenti
acidalatte