Fotografie su gentile concessione di Fendi

Fendi Couture S/S 22 proietta l'Antica Roma nell'iperspazio

Nella sua prima sfilata couture IRL per la maison romana, Kim Jones ha tracciato parallelismi ricercati tra il lontano passato e il futuro prossimo.

di Osman Ahmed
|
31 gennaio 2022, 12:23pm

Fotografie su gentile concessione di Fendi

Avete mai notato che i film sci-fi riprendono spesso gli immaginari e le opere dell’antichità? Nelle galassie molto, molto lontane l’iconografia del passato si presta come riferimento per la costruzione di futuri distopici o fantastici, in primis negli abiti—che di solito ricordano i classici drappeggi delle toghe indossate da imperatori del passato e divinità greche. Alcune scene di Star Wars o Dune potrebbero benissimo essere ambientate nel 3000 AC come nel 3000 DC, date così lontane da stimolare un senso di atemporalità.

Durante le vacanze natalizie Kim Jones si è innamorato dello sci-fi e ha letto i libri da cui le saghe sopracitate sono ispirate, mettendosi a pensare a lungo sul concetto di passato, presente e futuro—e come questo sia legato ai concetti di tempo e spazio.

Di conseguenza, ha intitolato la sua terza sfilata couture per Fendi, che si è tenuta al Palais Brongniart, Celestial Rome [“Roma Celestiale”, NdT]—una sorta di palinsesto dell’antichità e del futuro nello spazio: Spartacus, in versione sci-fi. In quell’occasione, abbiamo visto maestose imperatrici romane scendere sulla Terra per la prima volta, astronavi sorvolare le colonne segnate dal tempo del Colosseo, una couture intesa come confezione di abiti da custodire per sempre.

Fendi Haute Couture SS22

La sfilata si è svolta in un androne buio, con l'architettura del quartier generale di Fendi, il Palazzo della Civiltà Italiana, frammentata in luci sfavillanti, simulazione di una costellazione di stelle. "Quando cammini per le strade di Roma ti muovi costantemente avanti e indietro nel tempo," ha spiegato Kim durante un'anteprima. “Il luogo in cui lavoriamo sembra molto moderno, ma per arrivarci attraversi strade con infiniti monumenti. C'è una totale atemporalità che domina sulla città: una vena storica che la percorre, ma anche una tensione che la proietta al futuro.” All'inizio della sfilata, pennacchi luminosi di fumo bianco salivano attorno alle porte scorrevoli ricordando l’entrata di un'astronave. Da queste sono emerse un esercito di imperatrici, sacerdotesse e donne guerriere con indosso seconde pelli ricamate e con volti da aliene punteggiati di diamanti.

Fendi Haute Couture SS22

Sebbene questa sia stata la terza collezione couture di Kim per Fendi, è la prima mostrata a Parigi davanti a un pubblico live. Questa occasione ha fornito al pubblico l'opportunità di apprezzare l'immensa quantità di lavoro che viene messa nella creazione della collezione, dai mantelli voluminosi agli abiti dipinti a mano con chiaroscuri di statue presenti fuori dal quartier generale di Fendi. Su altri capi, c'erano ombre spettrali di tessuti opulenti, fotografati e distorti, che erano stampate su seta e organza e illuminati con madreperla simile al marmo. Strisce di perline tubolari adornavano i bordi dei drappi jedi, che in qualche modo conservavano una severità affilata come rasoi. Rasi e chiffon in viola, il colore che secondo le leggende un tempo era riservato ai soli imperatori e che veniva abbinato al rosso più intenso.

Fendi Haute Couture SS22

Se il fascino di Roma è legato soprattutto alle sue architetture monumentali e antiche, le qualità di un abito couture sono legate all'architettura della confezione, motivo per cui alcune delle sottostrutture degli abiti erano lasciati a vista, in modo da ricordare le mani che le hanno realizzate. Lunghi strascichi che sfrecciavano su abiti micro ricordavano le vesti ecclesiastiche dei cardinali—nonostante il taglio che metteva in mostra le gambe nude e i gioielli appuntiti di Delfina Delettrez. Anche se questa collezione parlava del passato e del futuro, la realtà del presente è che le persone vogliono sentirsi di nuovo sexy—è stato proprio Kim a dichiarare che le silhouette più corte sono state le più ricercate dalla clientela couture di Fendi.

Fendi Haute Couture SS22

In definitiva, questa collezione parlava della grammatica visuale del potere, una celebrazione della maestosità imperiale di donne avvolte in abiti eleganti, pronte ad affrontare il loro incerto futuro. Il mondo sta cambiando rapidamente e mentre alcunз miliardari potrebbero optare per chiudersi in "ville rifugio" autosufficienti nell'Isola del Nord della Nuova Zelanda per resistere all'apocalisse, è perfettamente accettabile che altri vogliano passare le loro giornate a Parigi, facendo acquisti per superare qualsiasi circostanza inospitale che ci verrà consegnata alla fine dei giorni. O forse saliranno su quell’astronave alla ricerca di un altro pianeta. Ma là fuori avranno ancora bisogno di qualcosa da indossare, no?

Fendi Haute Couture SS22
Fendi Haute Couture SS22
Fendi Haute Couture SS22
Fendi Haute Couture SS22
Fendi Haute Couture SS22
Fendi Haute Couture SS22
Fendi Haute Couture SS22
Fendi Haute Couture SS22
Fendi Haute Couture SS22
Kim Jones at Fendi Haute Couture SS22

Questo articolo è apparso originariamente su i-D UK

Segui i-D su Instagram e Facebook

Crediti

Tutte le immagini su gentile concessione di Fendi.

Leggi anche:

Tagged:
Paris Fashion Week
Fendi
haute couture
Kim Jones
Moda