10 pioniere che hanno rivoluzionato la storia della fotografia

Cambiando le regole del gioco, sovvertendo i punti di vista della società e dando voce a narrazioni dimenticate, queste fotografe gettato le basi di quegli immaginari che, ancora oggi, alimentano la cultura visuale.

di Carolina Davalli
|
04 gennaio 2021, 10:26am

Cindy Sherman, Untitled Film Still #21, 1978. (Foto Courtesy of the artist and Metro Pictures, New York)

Dorothea Lange, Cindy Sherman, Gerda Taro, Inge Morath, Margaret Bourke-White, Eve Arnold, Lisetta Carmi, Imogen Cunningham, Marirosa Toscani Ballo, Tina Modotti. Un elenco che non è una semplice lista di nomi della fotografia del ‘900, quanto più un insieme di tasselli unici che incarnano le biografie, le visioni e le poetiche delle persone che hanno rivoluzionato e scandagliato questa pratica artistica, cambiandola per sempre.

Dal fotoreportage alla fotografia artistica, dalle vite estreme a quelle più morigerate, dalla politica e i diritti civili alle riflessioni puramente estetiche, non esiste ambiente o narrazione che le dieci fotografe protagoniste della miniserie di documentari 10 x 10 non abbiano ricercato e indagato, ognuna con la propria storia e metodologia.

Imogen Cunningham e le donne che hanno fatto la storia della fotografia del Novecento
Imogen Cunningham, Self Portrait with Camera, late 1920s (Foto © Imogen Cunningham Trust)

Il progetto, presentato dal curatore e critico d’arte Nicolas Ballario e indetto dal MUDEC di Milano con la collaborazione di 24 ORE di Cultura, ripercorre le vite di queste figure seminali, definendo gli stilemi di ognuna e analizzando la portata culturale dei loro progetti. Una serie di affondi che danno forma a un’antologia di icone della fotografia, che con ambizione e dedizione hanno aperto la strada alle generazioni future di professioniste.

Queste dieci fotografe, in modalità differenti, hanno infatti cambiato lo sguardo del proprio tempo e proposto nuove figure professionali, in un’epoca in cui la fotografia era un reame detenuto quasi esclusivamente da uomini. Cambiando le regole del gioco, sovvertendo i punti di vista della società e dando voce a narrazioni dimenticate o ignorate, le fotografe selezionate hanno messo le basi di quegli immaginari—materiali e immateriali—che, ancora oggi, alimentano la cultura visuale.

Inge Morath e le altre protagoniste della miniserie di documentario 10x10 di MUDEC
Inge Morath. Vienna. 1999. (Foto Imagno / Getty Images)

L’urgenza della serie 10 x 10 è infatti quella di diventare un portale antologico e conoscitivo, per indagare a fondo il pensiero, l’interiorità e la pratica di queste fotografe, oggi più rilevanti che mai. Un percorso dunque artistico e storico, ma anche umano: perché a questi dieci nomi della fotografia va riconosciuto il merito di aver aperto la strada alla libera espressione di sé e dei soggetti ritratti.

Le puntate, fruibili sui canali social di MUDEC ogni sabato fino al 20 febbraio, scandiranno il ritmo delle 10 settimane, una per ogni fotografa. Successivamente, a partire dal 22 febbraio, gli episodi saranno disponibili come podcast sulle piattaforme Spotify e Apple Podcast.

Per saperne di più su “10 x 10: Dieci storie per dieci donne che hanno cambiato la storia della fotografia” a cura di Nicolas Ballario, visita i canali social del museo MUDEC qui, qui e qui.

Gerda Taro e le donne che hanno fatto la storia della fotografia, celebrate nella miniserie di documentari 10x10 di MUDEC
Portrait of Gerda Taro as she looks up from a typewriter on a desk, Paris, 1936. (Foto Fred Stein Archive / Getty Images)

Crediti

Testo di Carolina Davalli
Immagini su gentile concessione di MUDEC - Museo delle Culture di Milano e ddl studio

Leggi anche:

Tagged:
Fotografia
Cindy Sherman
Gerda Taro
lisetta carmi
storia della fotografia
inge morath
Imogen Cunningham