Pubblicità

"la moda mi ha salvato la vita"—la storia di dara allen

"La moda mi ha dato un linguaggio. Mi ha fatto conoscere le persone a cui oggi tengo di più."

di i-D Staff; foto di Inez and Vinoodh
|
06 marzo 2018, 10:52am

Questo articolo è originariamente apparso sul numero cartaceo di i-D The Radical Issue 350, primavera 2018.

Cosa significa essere una modella? i-D crede da sempre nell'importanza di raccontare la propria storia. E oggi le voci delle modelle sono più importanti che mai. Qui Cameron Russell, Adwoa Aboah, Dara Allen, Christy Turlington, Anja Rubik, Hanne Gaby Odiele, Teddy Quinlivan, Paloma Elsesser, Liya Kebede e Doutzen Kroes ci parlano di ciò in cui credono, delle lotte per cui combattono e delle passioni che le spingono ad agire.

"Non mi sono mai vista come una donna che doveva cambiare o trasformarsi in una persona diversa da quella che era. Ho sempre avuto un certo istinto, quando si tratta di me, della mia vita e di ciò che mi sembra giusto fare. Anche quando gli altri mi dicevano l'esatto opposto. Non ho mai limitato troppo severamente il mio punto di partenza e il mio punto d'arrivo, né chi ero, chi sono o chi ho intenzione di diventare. La moda mi ha dato un linguaggio. La moda ha salvato la mia vita. Mi ha permesso di avvicinarmi a persone a cui oggi voglio bene, che siano amici stretti o figure a cui tengo particolarmente. Ad accomunarci è questa assenza di limiti.

Mio padre è fissatissimo con quello che faccio. Al lavoro se ne vanta sempre con i colleghi. È divertentissimo. Io vedo il duro lavoro e tutto il resto, ma per lui è solo qualcosa di nuovo ed emozionante. Entrambi i miei genitori mi hanno sempre sostenuto. Mi hanno sempre lasciato fare quello che volevo, ascoltandomi e facendo attenzione ai miei desideri. Odiavano le robe assurde che volevo mettermi per andare a scuola, così ho preso l'abitudine di fare una sfilata davanti a loro tutti i giorni prima di uscire, un po' come a dire 'ehi, guardate il mio outfit fichissimo!', ma la risposta era sempre 'no, vai a cambiarti Dara.' Alla fine ci hanno fatto l'abitudine, hanno imparato a capirmi. La cosa più importante che abbiano mai fatto per me è stato gettare le basi della fiducia in me stessa e della forza che oggi mi caratterizzano: per loro, qualunque cosa io volessi fare era okay, anche se non erano sempre d'accordo con i miei principi. Non mi sono mai sentita limitata da nessuno... questo è stato il più grande regalo che mi abbiano mai fatto."

Dara indossa cappotto e pantaloni Prada. Camicia Matthew Adams Dolan.

Crediti


Fotografia di Inez & Vinoodh

Fashion Director Alastair McKimm

Capelli Christiaan. Trucco Kabuki per Kabuki Magic con prodotti M.A.C Cosmetics. Tecnico Unghie Daria Hardeman per Starworks con prodotti Deborah Lippmann. Direttore Luci Jodokus Driessen. Direttore Digital Brian Anderson. Assistente alla fotografia Joe Hume. Studio Manager Marc Kroop. Assistenti allo styling Maggie Foster, Desiree Adejde e Umi Jiang. Assistente capelli Taku. Assistenti trucco Yumi Kaizuka, Michael Chua e Satsuki Soma. Assistenti unghie Gladys Castillo. Produzione Tucker Bibilis per VLM Productions. Produzione esecutiva Stephanie Bargas per VLM Productions. Coordinatore alla produzione Eva Harte per VLM Productions. Assistenti alla produzione John Nadnazi e Michelle Murray. Direttore Casing Samuel Ellis Scheinman per DMCASTING. Modelle Christy Turlington per BMC. Liya Kebede per IMG. Cameron Russell per The Lions. Doutzen Kroes, Anja Rubik e Adwoa Aboah per DNA. Teddy Quinlivan e Hanne Gaby per Women. Paloma Elsesser per Muse. Dara Allen per Heroes.