richard sandler ha scattato per decenni le strade di new york

Nel suo nuovo libro, The Eyes of the City, lo street photographer Richard Sandler porta alla luce i volti dimenticati di New York.

|
16 novembre 2016, 10:50am

CC Train, NYC, 1982 © Richard Sandler

Onesto, brutale e senza compromessi: il fotografo di strada Richard Sandler ha documentato il mondo intorno a lui a partire dal 1977, dopo aver ricevuto in dono una macchina fotografica Leica. Dopo alcuni anni trascorsi a fotografare i paraggi di Boston è tornato nella sua città natale, New York. Erano gli anni '80 e la criminalità e l'uso di crack erano in aumento; gli effetti sociali sui luoghi come Times Square, Harlem, e l'East Village sono stati devastanti; ben lontani dalla ricchezza e dall'opulenza di Midtown Manhattan.

Hasid and Hipster, NYC, 2001 © Richard Sandler 

Poi vennero gli anni '90, e con quelli la gentrificazione. Ancora una volta il tessuto urbano e sociopolitico della città ha subito enormi cambiamenti, e Richard era lì per immortalare il tutto. The Eyes of the City è un tributo agli anonimi fantasmi di un'America che non esiste più.

E. 34th St., NYC, 1980 © Richard Sandler 

W. 32nd St., NYC, 1983 © Richard Sandler 

Grand Central Terminal, NYC, 1990 © Richard Sandler 

Waiting Line, Studio 54, NYC, 1981 © Richard Sandler 

Two Faces, 5th Ave., NYC, 1989 © Richard Sandler 

The Eyes of the City di Richard Sandler è stato pubblicato da Powerhouse books.

Crediti


Testo Tish Weinstock