an ollie day with omar jaimes

Il fotografo Maurizio Annese ci presenta i volti dello skateboard che ancora non conosciamo, ma che presto vedremo ovunque. Tra un trick e l'altro, oggi conosciamo Omar Jaimes.

di Maurizio Annese; foto di Maurizio Annese
|
28 maggio 2018, 11:46am

L'anno scorso il fotografo Maurizio Annese ha preso la sua analogica ed è andato a dare un'occhiata a Copenhagen Open, il più grande evento di skater d'Europa. Il risultato è un reportage che ha fatto il botto, su internet e IRL. Maurizio però scatta la scena dello skateboarding italiano da molto più di un anno, e dire che la conosce bene sarebbe un eufemismo. Così gli abbiamo chiesto di fotografare per noi le nuove promesse di questo ambiente, sicuri che avrebbe beccato tutti i nomi emergenti giusti. E così è stato: "An Ollie Day With" è la rubrica in cui Maurizio intervista e fotografa i nuovi skater italiani.

Oggi è il turno di Omar Jaimes, skater, PR, modello, fotografo e mille altre cose insieme che sembra avere tutta l'energia del mondo tra le sue mani ed è bravissimo a farsi querelare dai politici.

Di dove sei e dove vivi?
Sono cresciuto a Montevarchi, una piccola cittadina tra Chianti e Pratomagno. Oggi mi sposto molto spesso per lavoro, ma la mia base è ancora lì.

Posto preferito in cui andare in skate?
Generalmente preferisco gli spot su strada, ma in realtà se sei in buona compagnia un posto vale l’altro.

Cosa ti ispira nella vita quotidiana?
Tutto quello che vedo e ascolto in giro, le persone che incontro e le storie che sento.

Qual è l’ultima cosa che hai creato?
Una serie di fotografie per la promozione online e social di Emanuele Bicocchi, un brand di gioielli con cui collaboro da circa sei mesi.

Se potessi partire adesso per andare in qualsiasi posto a skateare dove andresti?
Berlino, sicuramente! Me ne starei tutto il giorno tra le panche di Warschauer Straße e il dog shit spot.

Cosa pensi della scena skate italiana?
La scena skate italiana è sempre stata consistente, ma oggi più che mai sembra pronta a dire la sua. I talenti non mancano e hanno stile da vendere. Poi se ogni 50 campi da calcio avessero costruito uno skatepark la situazione sarebbe di gran lunga migliore.

Quali sono i tuoi progetti nei prossimi mesi?
Lavorerò a Firenze e Milano durante la settimana della moda, poi mi fermerò in Lombardia per un paio di settimane e lavorerò a un mio progetto personale, trovando comunque il tempo di skateare e fare festa con i miei fratelli di Piazzale Martini. Dopo magari mi farò una settimana di relax con la mia ragazza e se riesco un salto a Berlino per skateare e fare qualche ritratto da mettere nel portfolio.

Il tuo miglior trick?
Farmi querelare dai politici.

A quanti anni hai cominciato?
A 14 anni.

Come vedi il fatto che che molti skater sono coinvolti anche in altri circuiti creativi?
Credo sia una conseguenza inevitabile, perché se non sei creativo ti annoieresti subito e te ne torneresti a giocare a calcio.

Ci sono dei trend che girano intorno al mondo skate che non ti piacciono?
In realtà no, anche se a volte mi infastidisce vedere la skate culture sfruttata dai grandi marchi di lusso per le loro campagne pubblicitarie.

Quale puoi dire essere il tuo miglior traguardo ad oggi?
Aver sempre creduto nelle mie capacità.

Quanto conta il modo in cui ti vesti quando fai skate?
Un sacco, quasi quanto la musica che ascolto e la compagnia con cui skateo.

Il tuo ricordo più bello su tavola?
Sono troppi per ricordarne uno solo.

Come lo skateboarding ha segnato quello che sei oggi?
Senza lo skate non mi sarei mai interessato alla fotografia, non avrei la voglia che ho di differenziarmi e l’amore che ho per le soluzioni alternative. Soprattutto, non avrei gli amici che ho conosciuto sulla tavola.

Qual è la cosa più coraggiosa che hai fatto?
Aprire la mia Partita Iva e iniziare a lavorare come libero professionista.

Qual è il tuo obiettivo del giorno?
Divertirmi e portare a casa qualcosa d’interessante.

Cosa altro ti piace fare, oltre che skateare?
Ballare, ascoltare un sacco di musica, giocare con le drum machine.

IG @omarjaimes_

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Qui l'altro skater di 'An Ollie Day With':

Crediti


Intervista e Fotografia di Maurizio Annese

Tagged:
skateboard
street style
Fotografia
trick
giovani talenti
an ollie day with