la collezione prada s/s 19 è la più sexy della mfw

Diamo il benvenuto alle minigonne da uomo.

|
giu 18 2018, 1:15pm

Chi?
Da sempre Miuccia Prada è molto più che una stilista. È una pensatrice, una donna che non si piega alle regole, un genio creativo che sfida convenzioni e norme socialmente accettate. Prima di prendere le redini dell'azienda e rivoluzionare non solo il brand, ma l'industria della moda nel suo insieme, la Signora Prada ha preso un dottorato in scienze politiche. Questa passione non l'ha mai abbandonata—nonostante negli anni '70 abbia scelto di allontanarsi dagli ambienti accademici e concentrarsi invece sulla società di pelletteria di proprietà della famiglia—e l'ha anzi spinta ad analizzare la complicata relazione tra moda, genere e potere. Dall'invenzione dell'ugly chic negli anni '90 come critica alla piattezza stilistica dell'epoca alla scelta di far sfilare insieme womenswear e menswear, Miuccia Prada ha significativamente influenzato l'estetica dominante e il sistema stesso.

Dopo aver dichiarato che "dobbiamo cambiare il mondo, e dobbiamo farlo specialmente per le donne, perché sono ancora molti gli ostacoli contro cui dobbiamo lottare," dopo la sua collezione s/s 18 ricca di collaborazioni con artiste appartenenti a generazioni diverse, e dopo la chiamata alle armi della a/w 18, ieri Miuccia Prada ha continuato il suo viaggio di esplorazione nell'universo della sessualità. "A volte sono un bastian contrario," ha dichiarato Miuccia nel backstage. "Non ho mai usato questa parola in vita mia, ma è... sexy." In sottofondo si sentiva Sexy Boy degli Air ed era impossibile non notare l'aura di sensualità degli abiti Prada.

Cosa?
I look visti sulla passerella Prada primavera/estate 19 erano caratterizzati da un'elegante mix di proporzioni diverse. Tra colbacchi imbottiti, dolcevita attillate e pantaloncini corti davvero cortissimi, questa collezione ha indagato il modo in cui le persone scelgono di vestirsi per essere sexy nella vita di tutti i giorni. "A volte il nostro lavoro è molto lontano dal mondo reale," ha commentato Miuccia Prada. "Ma a volte è necessario pensare a quello che la gente indossa davvero, regalandogli qualche libertà creativa in più." E allora, che libertà sia: "Sentirsi sexy è importante, sempre. Non importa dove lavori, perché essere sexy è sempre uno degli obiettivi che ci poniamo quando scegliamo cosa indossare," ha continuato. Il tutto senza tralasciare, ovviamente, l'iconico stile Prada: felpe zippate in nylon, denim anni '90, blazer in diversi colori e le immancabili stampe caleidoscopiche.

Dove?
Un palazzo in PVC. Il quartier generale milanese di Prada è stato trasformato in una futuristica location dove gli invitati hanno preso posto su riproduzioni della seduta gonfiabile del designer danese Verner Panton. Ancora una volta, Prada guarda al passato per riscrivere il futuro.

Wow
Miuccia Prada ha descritto i pantaloncini creati per la s/s 19 come "minigonne per uomini." Non avevamo un righello con noi nel backstage, ma siamo piuttosto certi che fossero i pantaloncini corti più corti mai visti su una passerella uomo. Insieme a stampe floreali psichedeliche, dolcevita degne di un poeta decadente e blazer da regista emergente, questa collezione e questi shorts strizzavano l'occhio alla rivoluzione sessuale degli anni '60. Per la stilista gallese Mary Quant sono state le ragazze per strada a inventare la minigonna. Per Prada, nel 2018 anche gli uomini hanno bisogno di una loro versione di questo capo. Finita la sfilata, nel backstage sono iniziate le discussioni e i confronti su oggettificazione del corpo maschile e libertà di vestirci come vogliamo in un'epoca post #metoo. Domande che solo una pensatrice anticonformista che sfida le norme sociali pregresse può far sorgere in tutti noi.

Gambe nude a parte, Prada continua anche in questa collezione a giocare con i loghi. A differenza di molte altre maison, lo fa però i modo discreto. "I loghi sono un vero trend oggi, ma io voglio prenderli in modo più leggero," ha spiegato Miuccia. Impossibile controbattere, impossibile eguagliarla nella sua sconfinata bravura nell'ironizzare con eleganza.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Qui trovi invece le nostre foto scattate nel backstage:

Questo articolo è originariamente apparso su i-D UK.