the home teams

i-D e Gucci celebrano i luoghi più insoliti in cui ci sentiamo parte di una famiglia con l’iconica collezione Major League Baseball.

di Creato con Gucci
|
16 novembre 2018, 11:24am

Negli Stati Uniti, il baseball è considerato uno sport che unisce intere città sotto un solo emblema, generando un senso di appartenenza alla propria squadra e un legame collettivo. Oggi, i-D e Gucci vogliono presentare la collaborazione del brand italiano con la Major League americana proprio riflettendo su questa prospettiva così intima e personale. Dai biker di Harlem ai nuovi club kid di San Francisco, abbiamo chiesto a chi fa parte di tre nuove, entusiasmanti scene underground di presentarci la loro squadra e raccontarci i legami che ne uniscono i membri. Noi di i-D abbiamo incontrato i capitani di questi team per parlare del senso di orgoglio che provano indossando lo stemma della loro città, ma anche del modo in cui l’appartenenza ad un gruppo abbia dato forma alla loro identità personale.

gucci

I Biker di New York

Per un newyorkese il simbolo degli Yankees ha un significato che va ben oltre il perimetro del campo da baseball, rappresentando valori come orgoglio e identità. Per i motociclisti di questa città, le domeniche passate scorrazzando per Harlem sono sacre, e osservandoli sfilare dal marciapiede di Lenox Avenue è impossibile non notare lo spirito d’appartenenza che traspare da ognuno di loro.

Il capo dei biker di Harlem, Troy Robinson—anche conosciuto come Ave Boy T— ci ha spiegato quali sono gli elementi su cui il gruppo ha cementato la sua unione, e perché non ci sia posto migliore di NYC per i biker.

gucci

Come descriveresti lo spirito di squadra che si respira tra i biker di New York?
La nostra prima regola è non lasciare mai indietro nessuno, e credo che riassuma bene il concetto. Se ci stiamo facendo un giro insieme e la tua moto si rompe, non ti lascio da solo. Questo è essere fratelli per noi, sentirci uniti: ci facciamo forza a vicenda, ci spingiamo a diventare persone migliori e dare sempre il massimo, rimanendo però competitivi.

gucci

Cosa significa per te appartenere a una subcultura?
Osservo i biker guidare le loro moto da quando ho sei o sette anni, e ho sempre sognato di diventare uno di loro. Ora che non solo faccio parte di questo gruppo, ma ne sono anche alla guida, la sensazione è impagabile. Non avrei mai pensato che sarebbe davvero potuto succedere, e invece questa è la dimostrazione che i sogni possono davvero diventare realtà.

gucci

Qual è la caratteristica della tua città che ha permesso a te e ai tuoi compagni di diventare chi siete diventati?
Non è la città che ci permette di fare quello che facciamo, perché sono i nostri cuori che ci guidano. Amiamo questo mondo, fa parte di noi. I biker che ci hanno preceduto si sono fatti in quattro per facilitarci le cose, e noi siamo partiti dalle loro solide basi per portare questa subcultura al livello successivo. Voglio che le prossime generazioni ricevano un’eredità forte, voglio che sappiano che la bike life unisce, tiene i ragazzi fuori dai guai e dà loro qualcosa in cui credere.

Scopri la collezione Gucci, in collaborazione con MLB, indossata dai bikers di New York

gucci

La scena artistica San Francisco

A beacon for off-beat performers looking to find their voice and their people, we invited San Francisco’s newest artists to rep the place they feel most free to be themselves. For many the pride of San Francisco exists in its long standing role as an incubator for outsider artists seeking inclusivity, and for performer James Patrick Doyle the San Francisco Giants monogram represents all this and more.

gucci

Ti senti orgoglioso di rappresentare la tua città?
Qui a San Francisco si percepisce un senso d’orgoglio incredibile. Da quando mi sono trasferito qui ho conosciuto persone incredibili, tutte con un’energia creativa fortissima. San Francisco ti stimola, e ogni quartiere ha qualcosa di unico da offrire. Sinceramente spero che se in futuro dovesse cambiare, non perda comunque mai questa vena escapista e queer, che per noi giovani creativi da sempre alla ricerca di uno spazio inclusivo è fondamentale.

Come descriveresti lo spirito collettivo e l’energia che si respirano nella scena performativa underground di San Francisco? Per me è tutto ancora un po’ nuovo, ma in questo poco tempo ho incontrato tantissime persone che mi sostengono, mi ispirano e con cui riesco a entrare in contatto sul piano personale, comprese quelle con cui ho lavorato a questo progetto per i-D e Gucci. La comunità di qui mi ha mostrato il suo supporto anche quando mi sono presentato con make-up dozzinali e abiti che ho incollato da solo. C’è un energia che ti fa sempre sentire il benvenuto, e per me significa molto, in quanto giovane ragazzo queer che sta cercando la sua strada.

gucci

Qual è la caratteristica della tua città che ha permesso a te e ai tuoi compagni di diventare chi siete diventati?
Credo che San Francisco sia in grado di fornire possibilità e piattaforme inesistenti altrove. In altre città, probabilmente, nessuno avrebbe dato credito alla mia arte, ma qui le persone capiscono che si può essere drag queen in molti modi diversi, perché è un ambiente non binario e anti-esclusione. Anche se non sono che un novellino in questa scena, non vedo l’ora di scoprire tutto ciò che questa città ha in serbo per un clown gender-fluid come me.

Scopri la collezione Gucci, in collaborazione con MLB, indossata dai protagonisti della scena artistica di San Francisco

gucci

Crew di ballerini di Los Angeles

Al di fuori degli ambienti sportivi più conosciuti—come quello della Major League Baseball—la forza con cui la danza celebra spirito di squadra e unione collettiva non ha rivali; in questa disciplina, i corpi si muovono in sincrono per diventare un solo organismo danzante. Jaira Miller è una crew leader, e ci ha spiegato come mettere da parte l’ego porti a risultati incredibili tra ballerini.

gucci

Com’è poter rappresentare il monogramma degli Angels di LA?
Siamo tutti orgogliosissimi di questa possibilità, perché condividiamo un incredibile senso di appartenenza. Los Angeles per noi è una fonte d’ispirazione costante, ed in quanto ballerini ci sentiamo ancor più fortunati a poter vivere qui, perché è una città che sostiene diversità e talento. Le ragazze con cui ballo sono vere Angels, e insieme rappresentiamo l’energia femminile, decisa ed elegante di LA.

gucci

Qual è il ruolo dello spirito di gruppo nella danza?
Ballare come gruppo significa costruire una performance insieme ai propri compagni, sincronizzarsi, trarre energia l’uno dal lavoro dell’altro e crescere. C’è qualcosa di speciale nell’abbandonare il proprio ego e creare qualcosa di bello insieme ad altre persone.

Qual è la caratteristica della tua città che ha permesso a te e ai tuoi compagni di diventare chi siete diventati?
Dalla street dance ai generi di danza più formali, credo che LA sia la città che offre il ventaglio di scene di ballo più ampio in assoluto negli Stati Uniti. Le mille opportunità che ti presenta davanti e la bravura di chi lavora qui ti permette di migliorare costantemente, perché c’è sempre qualcosa di nuovo da imparare o qualcuno di incredibile con cui collaborare.

Scopri la collezione Gucci, in collaborazione con MLB, indossata dai membri di una crew di ballerini di Los Angeles.

gucci

Vesti la tua squadra di casa

Che tu viva ad Harlem, Echo Park o The Castro, oppure in un altro posto, trova i colori della tua squadra di casa nella nuova collaborazione e vestili.

Scopri la collezione Gucci, in collaborazione con MLB, indossata dai Pirati di Pittsburgh

Crediti


Director/Photographer Cara Stricker
Senior Creative Georgina Bacchus

Director of Photography Ryan Marie Helfant
Assistant Director Kate Branom
Choreographer Holly Blakey
Styling Akeem Smith
1st AC Rachel Batashvili
2nd AC Josh Reyes
Film Loader Rachel Gwozdz
Stedicam David Ellis
Gaffer Pat O’Callaghan

Executive Producer Laura Galligan
Producer Chloe Mina
Production Coordinator Jacob Gottliebb
PA/Driver Chris Herity
PA/Driver Ellen Kozarits
PA/Driver Brian Hochberger
PA/Runner Ryan Hall

1st Photography Assistant Eduardo Silva
2nd Photography Assistant Chris Olszewski
Colourist Jaime O'Bradovich and Sean Coleman @ COMPANY 3
Editor Steven Ross
Retouching Post Apollo

Casting Director Sarah Benjamin
Casting Assistant Joie Duke-Ryan
Talent Wranglers Natalie Yang and Jeff Sparks
Stylist Assistant Kenny Paul
Stylist Assistant Derek Brown
Hair Stylist Evanie Frausto
Hair Assistant Ava Mihaljevich
Hair Assistant Shanice Fields
Make-up Artist Raisa Thomas
Make-up Assistant Keyanna Morrison
Make-up Assistant Ivelisse Rosado
Make-up Assistant Shideh Kafei
Props Stylist/Set Designer Taylor Horne
Props Assistant Seairra Miller

Talent:

New York dirt bikers: Wheelie Queen, Evan, Troy, Tyler, Roman, Alicia Mason and Spirit. Los Angeles dance crew: Jasmine Perri, Sade Keinu Austin, Jaira Anne Miller, Kaili Hoonanea Jamie Bright and Mia Shlakman. San Francisco arts scene: Jaavon Lidell Martin, Tiffany Mccoll, Elin Victoria Radziminsky and James Patrick Doyle. Pittsburgh Pirates: Darren Lin and Sean Pantea.

Track:

Joy by Kadhja Bonet c/o Fat Possum Records

GUCCI / MLBP