5 cose da fare a venezia questo weekend

Si sa, a Venezia si deve camminare. Si deve camminare tanto, anche. E stando alle previsioni meteo per il weekend, si dovrà camminare sotto la pioggia. Spaziando dall'arte, alla musica, alla moda, ecco i 5 consigli di i-D per alleviare le vostre...

di Marina Lepori
|
20 novembre 2015, 11:25am

pulse#230 | LEVON VINCENT + CHEVEL
Se fate parte della schiera di persone per cui venerdì è sinonimo di 'beverdì' e dalle cinque del pomeriggio continuate a controllare il display dell'iPhone aspettando che il tempo passi inesorabile, state calmi dietro alla vostra scrivania e stringete i denti ancora per qualche ora: sabato 21, a partire dalle ore 23.30, in quello spazio buio e accattivante che è il ROOV (aperto da poco al posto della Fucina Controvento) potrete vendere la vostra anima alla techno, quella pura senza bottigliette d'acqua e squat tra le piante, si intende. Pulse presenta Levon Vincent, una delle icone più importanti del panorama house e techno, la cui identità artistica è genuinamente legata alle radici musicali da cui proviene, quali la 90s NY house, la dub techno e la new wave. Formatosi a New York e specializzatosi a Berlino, Levon Vincent ha dato il via a due etichette e ha fatto uscire il suo primo LP all'inizio di questo anno; la matrice techno della sua musica lascia spazio a sfumature e guizzi trasversali più intimi e sognanti, ipnotici ed esoterici. Ad aprire Levon Vincent troviamo Chevel, aka Dario Tronchin, di cui è da poco uscito il terzo album, "Blurse"; fondatore di Enklav e riconosciuto a livello internazionale, l'ultima produzione di Chevel è un solido punto di arrivo in cui atmosfere astratte valorizzano l'apparato ritmico con eleganza e leggerezza.

Dress code: total black e vodka redbull in mano. Fashion tip: niente Instagram sotto cassa.

Sabato 21 Novembre, ROOV (Ex Fucina Controvento) Via Colombara 123/R Malcontenta, Venezia

Closing Biennale Arte 2015
E se invece di Instagram siete patiti e non potete fare a meno di postare le caratteristiche vedute di gondole e piccioni, avrete sicuramente passato in rassegna ogni singola immagine alla voce #biennalearte2015. Ma dopo tutti i mesi che avete avuto per mettere in tasca lo smart phone e visitarla come si deve è giunto il momento, con una lacrima alla Man Ray sul volto, di salutare la nostra amata Biennale Arte 2015. La 56esima. Esposizione Internazionale d'Arte All The World's Futures curata da Okwui Enwezor ha visto protagonisti 136 Artisti ed è stata affiancata da 89 partecipazioni nazionali nei Padiglioni ai Giardini, all'Arsenale e in tutto il Centro Storico di Venezia. L'ultima occasione che avete per perdervi tra le braccia delle muse di Apollo è questo weekend ricco di iniziative: dalle 10.00 di sabato 21 alle 18.00 di domenica 22, oltre alla possibilità di visitare l'intera mostra, sono in programma iniziative e performance da non perdere (maggiori info le potete trovare qui). E per chiudere in bellezza cosa c'è di meglio di un bel party? Detto fatto: sabato 21 alle ore 20.30 presso l'esclusiva location dell'Ogio Restaurant (ex Convento dei Crociferi) si festeggia con cena e djset (accesso con riduzione in lista nominale). Fazzoletto al vento sul ponte di Rialto: au revoir, Biennale!

21-22 Novembre, Padiglione Centrale ai Giardini e Arsenale, Venezia

Sabato 21 Novembre, Ogio, Campo dei Gesuiti, Cannareggio, Venezia

Foto Caterina De Zottis

Becoming Marni
Quando il mondo dell'arte incontra quello della moda nascono sempre delle collaborazioni assolutamente interessanti (nota: le illustrazioni di Eri Wakiyama per Miu Miu): è questo il caso di Marni Prisma, la serie di eventi sviluppati in occasione del 20esimo anniversario di Marni che occupa elegantemente l'Abbazia di San Gregorio a Venezia. Con la supervisione di Carolina Castiglioni, direttore creativo dei progetti speciali di Marni, e curata da Stefano Rabolli Pansera, Becoming Marni è un'installazione che presenta le opere dell'artista brasiliano autodidatta Véio: il legno, di primaria importanza nel suo luogo natio e nel suo lavoro, dà vita a sculture enigmatiche che acquistano un'anima individuale e caratteristica; la casa di moda italiana dialoga con loro trasmettendo la propria estetica e riunendo nel concetto "Marni" anche i lati opposti del mondo. Avete tempo fino a domenica per scoprire come le iconiche stampe colorblocking di Marni possono essere ricordate attraverso le figure antropomorfe di Véio; come souvenir potrete portare a casa gratuitamente delle stampe da appendere in camera per farvi sognare un abito floreale made in Italy o un viaggio esotico in Brasile.

9 Maggio - 22 Novembre, Abbazia di San Gregorio, Venezia

La Tempesta Dub
La techno non è il vostro genere? Non è questo un buon motivo per spaparanzarsi sul divano e aspettare che il fattorino Just Eat scorazzi per tutta la laguna per portarvi una salamino piccante che saprà di cartone e sogni infranti: l'alternativa è appena fuori porta, ha il caratteristico ritmo reggae e dub e non deluderà di certo le vostre aspettative. In occasione della nascita della nuova sub-label La Tempesta Dub, frutto della collaborazione tra la band di Pordenone Mellow Mood, il produttore Paolo Baldini, Tre Allegri Ragazzi Morti e molti altri, sono state organizzate tre date insieme a BPM Concerti per presentarla ufficialmente. Sabato 21 la location prescelta è il Centro Sociale Rivolta a Marghera, e vedremo sul palco, oltre agli immancabili Mellow Mood, i sardi Forelock & Arawak, la dub di Paolo Baldini e altri succulenti ospiti speciali. Al costo di €15 potrete gustarvi la serata alle ore 21:00 alle ore 04:00.

Sabato 21 Novembre, Centro Sociale Rivolta, Via F.lli Bandiera 45, Marghera (Venezia)

Festa della Salute 2015
Il 21 novembre a Venezia si celebra la Madonna della Salute, festa religiosa istituita nel 1630 durante la grande epidemia di peste bubbonica descritta dal nostro amato Manzoni ne I Promessi Sposi; se ai long drink preferite un caffè dal sapore per niente economico in piazza San Marco e agli after in autogrill una passeggiata tra le calli e i selfie-stick, eccovi accontentati. In occasione della festività, dalle 9.30 alle 18.00 il Teatro La Fenice apre le porte ai veneziani che possono, esibendo un documento, scoprire, o riscoprire, gratuitamente uno dei simboli della Venezia storica. Che siate più o meno credenti, vale la pena visitare gratuitamente la bellissima Basilica Della Salute, in cui è possibile ammirare le Nozze di Cana di Tintoretto e la tavola di Tiziano dedicata al San Marco in Trono di Santi. Per tutta la settimana, da mercoledì 18 a lunedì 23, è inoltre possibile visitare gratuitamente anche la collezione Peggy Guggenheim, sia la mostra permanente che quella attuale dedicata a V. S. Gaitonde, esibendo all'entrata la carta d'identità. E se avete un certo languorino non dimenticate di assaggiare il piatto tipico della festa, la Castradina, un piatto a base di carne proposto in diverse osterie della città.

Sabato 21 Novembre, Teatro La Fenice, Campo San Fantin, Venezia

Sabato 21 Novembre, Basilica di Santa Maria della Salute, Fondamena Salute, Venezia

19-24 Novembre, Collezione Peggy Guggenheim, Dorsoduro 701, Venezia

Crediti


Testo Marina Lepori
Foto fotogramma del film Factory Girl

Tagged:
weekend
venezia
Biennale
levon vincent
marni