parliamo di narcisismo contemporaneo con alessandro bava

In occasione di SPRINT - Salone di Editoria Indipendente e d’Artista, Alessandro Bava ci parla del quinto numero del suo magazine ECOCORE. Il tema? ll narcisismo…

di Matilde Cerruti Quara
|
25 novembre 2016, 12:10pm

Alessandro Bava by Stefan Schawartzman (sinistra) Ser Serpas by Ethan James Green (destra)

"Narciso è bello. Narciso è una puttana. Narciso non ti ama." Cosí recita l'introduzione ad ECOCORE V, la quinta fatica editoriale di Alessandro Bava: più che un magazine infatti, la pubblicazione rigorosamente irregolare del giovane architetto e artista napoletano è diventata un volume d'artista, una raccolta di contribuzioni, collaborazioni, immagini differenti che ruotano attorno ad un perno comune, con lo scopo di stimolare la consapevolezza sull'ambiente e fare ordine sull'identità - spesso e volentieri misinterpretata - del campo dell'ecologia, di esplorarne gli animi mimetizzati attraverso un'estetica aggraziata e contemporanea.

Guardando ad un panorama internazionale dalle prospettive distopiche, dove sempre più nuovi player vanno imponendosi sul nostro ecosistema tramite risorse finanziarie e con un potere decisionale pressoché non arginato, agendo sulle risorse limitate che il genere umano non ha ancora imparato a rispettare e condividere consapevolmente, ECOCORE porta all'attenzione le esternalità negative originate da una condizione esistenziale collettiva di interdipendenza, cercando di riesaminare le variabili di quello che può - o non può - essere giustificato come buona causa.

Diventa quindi compito fondamentale dei pensatori contemporanei prendere in considerazione le possibili ipotesi di nuove ed inusuali reazioni - e nel caso di questo numero di ECOCORE, relazioni interpersonali, che possano rispondere a tale nuova governance ecologica e alla complessità, immediatezza e ubiquità delle crisi ambientali, in continua proliferazione.

SSTMRT, Narcissism, 2016 (su gentile concessione dell'artista)

Da dove nasce il tuo impegno nell'investigare i risvolti meno ovvi, le anime nascoste dell'ecologia? Quando hai deciso di fondare ECOCORE?
ECOCORE è nata nel 2010 a New York dalla mia ammirazione per Homocore una gay-punk zine e il lavoro di Al Gore e Leonardo DiCaprio... ho sviscerato tutta la storia per i-D qui.

Rochelle Goldberg, in search of itself, 2016 (su gentile concessione dell'artista)

In questo numero sviluppi il concetto di un'estetica anestetizzata: i social media sono lo specchio d'acqua dove si riflette il Narciso contemporaneo, intorpidito nella falsa impressione di poter ricondurre esclusivamente a se stesso l'origine della sua estetica, perso nell'illusione di incarnare un ideale estetico-sociale sublime, che si rivela inesistente da un punto di vista pratico. Ma vi è anche un risvolto positivo, metaforicamente parlando, la proprietà di fluidità dell'acqua…
Mi interessava esplorare in questo numero il narcisismo dal punto di vista dell'ecosistema umano, delle relazioni interpersonali. Mi sembrava un argomento tabù anche se è presente in tutte le conversazioni, dall'amore al lavoro...e specialmente in un momento in cui il narcisismo è al potere. Il mito di Narciso è stato interpretato in molti modi da Gide che lo vede come ispiratore della poetica simbolista a Leon Battista Alberti che lo individua come primo artista mitologico. I saggi di Fabrizio Ballabio, Michele D'Aurizio e Boris Gorys parlano di questo in maniera brillante.

Ti ritrovi nella figura di Narciso?
Nel senso che uso lo specchio/l' autoscatto per controllarmi, e per sapere chi sono. Ultimamente mi piaccio e mi sto simpatico quindi mi fotografo con più frequenza.

Stefan Schwartzman, mr. bava, 2016 (foto su gentile concessione dell'artista)

ECOCORE V annovera 40 contribuzioni tra artisti e pensatori eccezionali, di generazioni e pratiche molto diverse tra loro. Ci sono interventi di Boris Groys e Isa Genzken, ma anche di giovani italiani come Marco Pio Mucci, Francesco Vezzoli o Patrizio di Massimo e di nostri coetanei come Hannah Quinlan e Rosie Hastings, Rochelle Goldberg, Anna Uddenberg …
Cerco di includere il lavoro di persone che ammiro al di là delle divisioni professionali e anche estetiche/poetiche. Cerco di presentare artisti, scrittori etc più o meno noti, giovani o meno giovani su uno stesso piano, in un principio cosmico/ecologico. 

Narciso annega, il suo bel corpo si trasforma negli omonimi fiori. In cosa si tramuta il narcisista contemporaneo?
Io detesto i narcisi, hanno un odore tremendo. Ma i narcisi con l'anima sono favolosi.

Stefan Schwartzman, mr. bava, 2016 (su gentile concessione dell'artista)

Cosa implica per te la terminologia 'ideale di bellezza', non solo intrinseca?
Avere ideali di bellezza è da fascisti. La bellezza è un principio etico.

Cosa troveremo al tuo banco da SPRINT?
Cose sublimi e uniche e imperdibili: Un'edizione del mio collettivo åyr. Un portfolio di miei disegni. T-shirts e giacche limited edition by ECOCORE. I numeri precedenti di ECOCORE, incluso il primo che è introvabile. Copie di Symbolic Exchange un nuovo libro con contributi di åyr, Metahaven, Federico Campagna, Jack Self e altri, pubblicato da Real Foundation. Una versione digitale di ECOCORE è disponibile online per chiunque si iscriva alla newsletter, mentre l'edizione cartacea che presenti questo fine settimana a Sprint si può pre-ordinare attraverso Motto Books, LA libreria di Berlino per quanto riguarda le pubblicazioni d'artista. 

Buck Ellison, Strenuous Life, 2013 (su gentile concessione dell'artista)

Perché è importante insistere con il cartaceo? Scartiamo il mito che sia poco ecologico. Su che carta viene stampato ECOCORE?
ECOCORE è stampato su carta riciclata da una tipografia con 150 anni di esperienza. A me interessa che ECOCORE sia abbastanza open source, quindi si piu scaricare un pdf….la versione cartacea è molto sexy ed in edizione molto limitata di 1000 copie (per ora). Quando troverò un publisher mi piacerebbe stamparla su un supporto non cartaceo …

ecocore.co

sprintmilano.org

Sprint sarà in mostra allo spazio O' a Milano sabato 26 e domenica 27 Novembre. Alessandro Bava sarà in conversazione su ECOCORE e sul narcisismo questo sabato 26 Novembre, ore 16:00-17:00.

Hannah Quinlan and Rosie Hastings, D.I.N.K.S 4, (su gentile concessione dell'artista)

Crediti


Testo Matilde Cerruti Quara

Tagged:
Cultură
alessandro bava
ecocore