Cos'è successo a Disco Diva, il festival musicale powered by Gucci

Esplosa negli anni '70, la Disco music è diventata simbolo di libertà espressiva, inclusività ed escapismo. Ed ecco che Gucci ha deciso di celebrare questa cultura con uno speciale evento revival.

di Gloria Maria Cappelletti
|
15 settembre 2021, 4:16pm

Quanto ci manca la discoteca? La risposta non è decorativa, quindi evitiamo di dare sfogo al nostro disagio. La lacerante verità è che ci manca tutto della discoteca, la sfida del look d’effetto, il popolo della notte, le architetture improbabili, divanetti, neon, strobo, plexi e ovviamente la temperatura febbrile in pista da ballo, dove musica e movimento diventano un’unica vibrazione ipnotica a tratti mistica, estatica e spirituale.

Celebrare la notte, la voglia di libertà e il ritmo a volume totale sono tutti coinvolgimenti fisici ed emotivi che riescono a connettere le persone abbattendo i limiti di spazio e tempo, oltre ogni convenzione e genere. Così quest’anno la maison Gucci è stata main sponsor di Disco Diva, il Festival internazionale della Disco Music, evento mitico nato nel 2015 a Gabicce Monte, sul confine del cuore pulsante della Riviera Romagnola, patria indiscussa della club culture completamente esplosa in Italia negli anni ’70.

Questa edizione di Disco Diva è stata un ribollire di ricordi, pensieri e voglia di stare insieme per celebrare il potere della club culture e rileggerne flussi e riflussi culturali. È stato importante ricordare le prime discoteche storiche, dalla Baia degli Angeli al Cocoricò, veri e propri luoghi di culto dalla forza liberatrice che hanno avviato grandi rivoluzioni musicali e un’epoca di costume imprescindibile.

A casa, a scuola, al lavoro, nelle strade, non si riusciva a essere se stessi, ma sulla pista da ballo sì, era il ritrovo di una grande community seducente e trasgressiva in cerca di identità espressiva, orgogliosa affermazione di nuovi valori e una bellezza alternativa. Un po’ come oggi ci ritroviamo sui social, ma per chi ha vissuto quel momenti di estasi empatica vi assicuro non è la stessa cosa… Grazie a Disco Diva ci siamo ricordati che possiamo comunque essere tutti splendenti e divini e che la forza è nello stare insieme, anche se distanziati.

Tra gli ospiti sono spiccati giovani protagonisti della scena italiana come i NU-GENEA e le icone internazionali Christine Wiltshire, Kid Creole & the Coconuts, August Darnell e i Frankie & Canthina Band. Incredibilmente energico anche il talk Live Talk Glam Disco Culture durante il quale Anna Dello Russo e Costantino della Gherardesca hanno dipanato racconti e ricordi tra moda e musica a cavallo degli anni Settanta e Ottanta.

Noi di i-D, che siamo da sempre fervidi adepti della club culture, non potevamo certo mancare a questo appuntamento eccezionale e grazie agli scatti di Jon Bronxl vi facciamo vedere tutto quello che è successo durante questo lungo weekend celebrativo. Abbiamo immortalato anche il risotto con tanto di cartolina vintage edibile firmata Maurizio Cattelan, che solo la magia dell’altrettanto iconico ristorante Dalla Gioconda poteva regalarci.

reportage gucci disco diva evento 2021
reportage gucci disco diva evento 2021
reportage gucci disco diva evento 2021
reportage gucci disco diva evento 2021
reportage gucci disco diva evento 2021
reportage gucci disco diva evento 2021
reportage gucci disco diva evento 2021
reportage gucci disco diva evento 2021
reportage gucci disco diva evento 2021
reportage gucci disco diva evento 2021
reportage gucci disco diva evento 2021
reportage gucci disco diva evento 2021
reportage gucci disco diva evento 2021

Segui i-D su Instagram e Facebook

Crediti

Testo: Gloria Maria Cappelletti
Fotografie: Jon Bronxl

Leggi anche:

Tagged:
Festival
Gucci
disco
Música