Sinistra: Tamara Obukhova, destra: Hanne Zaruma

Come creare hype su Instagram, spiegato da 3 artisti diventati virali

Probabilmente avete già visto e repostato i loro artwork, ma qui ci spiegano come li hanno creati.

di Juule Kay
|
27 maggio 2020, 9:22am

Sinistra: Tamara Obukhova, destra: Hanne Zaruma

Ti svegli, guardi il telefono, e prima di accorgertene hai perso la concezione del tempo e non ti ricordi nemmeno che giorno della settimana sia. Se questa situazione ti suona familiare, è perché lavorare--o meglio, procrastinare--da casa ha i suoi risvolti negativi, che con il passare dei mesi sembrano intensificarsi sempre più. La nostra attenzione si disperde in continuazione, e nove volte su dieci succede perché ci lasciamo distrarre dallo schermo dello smartphone.

Ma scrollare significa anche scoprire una marea di nuovi artisti. Chiamateli Instagram artist, chiamateli re e regine del DIY, ma il loro comun denominatore restano le creazioni assurde e brillanti con cui invadono il nostro feed, tipo questo smalto di caramelle gommose, questa fragola-vagina e il filtro di Instagram con i telefonini anni '90?

Hanne Zaruma (@hannezaruma), Tamara Obukhova (@toucheconomy) e Lisa Litovka (@floweird) sono le tre artiste dietro a questi surreali artwork, ognuna con una specializzazione ben precisa. Per capire cosa c'è dietro alla loro pratica artistica e in che modo sono diventate tra le artiste più virali del web, le abbiamo contattate per fargli qualche domanda.

come-diventare-virali-su-instagram

Hanne Zaruma, Ucraina

Ti ricordi l'era prima di Instagram? Quando giocare a Solitario e Campo Minato era il massimo del divertimento? Per la 21enne Hanne Zaruma, questi ricordi sono l'ispirazione principale dietro i suoi lavori. “Quando ero una ragazzina, quei vecchi telefoni e computer erano appena apparsi sul mercato," dice Hanne. “Ora è solo robaccia da buttare, e invece ricordo che al tempo mi sembrava tutto così magico e nuovo. Lo percepivo come un mondo totalmente inesplorato.”

A quel tempo, Hanne sognava di avere un computer tutto suo e un telefono personale. Non le era permesso possederli, ma suo padre la lasciava comunque giocare con il suo. “Ho sempre voluto che Babbo Natale mi lasciasse un telefono sotto il cuscino, ma non è mai successo," dice. “Tutti i miei compagni di classe ne avevano uno, tutti eccetto me." Adesso, invece, l'artista è riuscita a collezionare un'enorme quantità di questi oggetti, che poi trasforma in opere d'arte. Dall'intimo realizzato con i resti di vecchi cellulari, a pantofole create dai pezzi di tastiere vintage, Hanne sfuma le linee di confine tra l'estetica analogica e la tecnologia moderna, usando il display dell'iPhone per incorporare messaggi digitali all'interno delle sue opere.

come-diventare-virali-su-instagram

Hanne non descrive i suoi lavori e non li intitola nemmeno, preferisce che siano gli spettatori stessi a conferire loro il significato che vi scorgono. “Realizzo solamente quello che sento, e tento costantemente di fare in modo che chi guarda le mie opere inizi a credere alla magia,” spiega. “Voglio che chi le osserva possa scappare dalla realtà della quotidianità e percepire la bellezza degli oggetti ordinari.” E questa affermazione è un chiaro riferimento al suo lavoro con i cotton fioc e con le ormai preistoriche chiavette USB.

Hanne prende ispirazione dai feedback che ottiene dai suoi follower e dal loro amore per le sue creazioni. “Tutte le idee più belle sembrano arrivare dal nulla e spesso il tutto capita molto velocemente,” ammette. “Quando mi viene un'idea, non riesco a concentrarmi su nient'altro che non sia metterla in pratica. Voglio sempre fare di più. Per me, una buona opera d'arte parte da un'idea precisa, nel momento in cui ti ci abbandoni completamente.”

Ma se guardare vecchi cellulari usati non ti suscita alcun guizzo creativo, ricorda che in quarantena è normalissimo: "Pensavo che con più tempo libero a disposizione avrei avuto modo di fare più arte," afferma Hanne. "Ma in questo momento sono davvero stanca. Ogni giorno sembra uguale a quello precedente. Non aspettatevi troppo da voi stessi. È okay non fare niente.”

come-diventare-virali-su-instagram

Tamara Obukhova, Repubblica Ceca

Artista nata in Kazakistan e basata in Repubblica Ceca, Tamara Obukhova sta andando sempre più virale su Instagram. Ricordate il suo reggiseno-portamonete? O quello fatto di teiere? O le sue dita-candele? Ti basterà uno sguardo al suo profilo, aka @toucheconomy, per finire in un loop ossessivo in cui non riuscirai ad averne mai abbastanza delle sue creazioni geniali e surreali. E non dire che non ti avevamo avvertito.

L'artista, di soli 20 anni, afferma che ogni suo lavoro è caricato di molteplici significati, come ogni altro oggetto, che non ha mai una singola funzione ma, al contrario, il cui significato evolve costantemente con il tempo. Prendiamo come esempio la sua serie di "spine": dapprima utilizzate per adornare una bellissima rosa, il giorno dopo sono state trasformate in una treccia di rovi. Secondo Tamara, tutti gli oggetti hanno un ciclo di evoluzione.

come-diventare-virali-su-instagram

Basta pensare al suo amore per i servizi in porcellana: nelle opere di Tamara questi semplici oggetti diventano incredibilmente fluidi. Puoi versare del tè direttamente dalla manica della tua camicia, o dal tuo naso, e se vuoi sentirti chic per il tuo prossimo meeting su Zoom puoi creare la tua bustina del tè personalizzata. “Da bambina amavo Alice nel Paese delle Meraviglie di Lewis Carroll, specialmente la storia che riguardava la Lepre Marzolina e il Cappellaio Matto,” afferma l'artista, il che spiega la sua ossessione per i servizi da tè. "Si può trovare ispirazione ovunque, in qualsiasi momento. Certe volte ti viene un'idea che si realizza subito, altre volte si entra in un processo che cambia continuamente fino alla realizzazione finale. Uno dei miei principi è quello di trovare il maggior numero di collegamenti e funzioni possibili a partire dallo stesso oggetto o materiale.”

Anche se la sua arte vive su Instagram ed è fortemente ispirata dalle review dei follower, Tamara non cita i social network tra le influenze che alimentano la sua creatività. Per lei, tutto ruota attorno a ciò che le sta intorno: "Cerco di creare qualcosa partendo sempre dagli oggetti che possiedo già a casa. Anche le cose più scontate e abituali possono fornire ispirazione. Guarda le cose vicino a te, uniscile, e si creerà qualcosa di completamente nuovo.”

come-diventare-virali-su-instagram

Lisa Litovka, Ucraina

Lisa Litovka aka @floweirdy non crea look solo per i suoi piedi, ma è evidente che quella sia la sua parte del corpo prediletta. “Non ho ancora capito se continuo a decorare i miei piedi perché mi piacciono tanto, oppure proprio perché non mi piacciono, per renderli più belli,” spiega l'artista 29enne. “A ogni modo, i miei piedi sono sempre con me, mi portano ovunque nel mondo e mi trasportano anche al di fuori del mondo stesso.” Per Lisa, le scarpe sono alla base di ogni outfit -- e più assurde sono, meglio è.

E assurde significa davvero assurde. L'esempio migliore sono i tacchi creati con la carta igienica, diventati virali e ricondivisi da centinaia di migliaia di utenti su Instagram. Ma questo non è tutto. Se ti stavi chiedendo se fosse possibile riciclare i tuoi pancake venuti male, puoi fare come ha fatto Lisa con le delle crêpes bruciacchiate. Stessa cosa vale per lo smalto: perché non usare delle caramelle gommose come decorazione? Per Lisa non esiste alcuna regola, tranne una: “Cerca di non rimuginare su un'idea per troppo tempo, rimani sempre nel presente."

come-diventare-virali-su-instagram

Ogni suo lavoro artistico scaturisce da un'emozione forte. “Certe volte non vedi nulla di nuovo, e altre volte invece noti qualcosa che sembra non esserci mai stata prima," afferma Lisa. “È anche una questione di fiducia nel fatto che riuscirai a materializzare l'idea che hai in mente." I suoi lavori rispecchiano anche il suo senso dell'umorismo, necessario più che mai per avere a che fare con il mondo d'oggi.

Durante la pandemia da Covid-19, che ha costretto la maggior parte delle persone a rimanere a casa, lavorare con quello che hai attorno può innescare un'ispirazione, e forse aiutarti ad apprezzare di più le piccole cose della vita. “Le risorse limitate possono essere un buon stimolo," afferma. "Quello che manca, diventa in qualche modo un valore aggiunto. In una situazione in cui sei limitato alle mura della tua casa, puoi finalmente imparare ad andare a fondo nelle tue creazioni, ma anche nella tua vita in senso lato. È largamente dimostrato che cambiare luogo possa aiutare a essere creativi. Ma così è troppo facile. È altrettanto importante sentirsi nuovi in uno spazio vecchio; fermarsi e guardare le cose con occhi diversi.”

Questo articolo è apparso originariamente su i-D UK.

Segui i-D su Instagram e Facebook

E se pensi di aver visto tutto su Instagram, questo ti sorprenderà:

Tagged:
DIY
Instagram
hype
arte
virale
quarantena