"Out of my dreams," quando i sogni si trovano al cospetto della natura

Jesse Navarre Vos e Daniel Obasi si sono recati a Città del Capo, per creare immagini oniriche di luoghi senza tempo.

di Chidozie Obasi
|
13 agosto 2020, 4:00am

In questi tempi di incertezze e tensioni socioculturali, c’è sempre più bisogno di evasione, di rifugiarsi nella parte della nostra immaginazione che ci accoglie con compassione e gentilezza, facendoci sentire al sicuro. Quei mondi inconsistenti, eppure così radicalmente vicini a noi, hanno le sembianze di sogni, e ci trasportano in luoghi senza tempo, su cui regna una calma profonda e la monumentale bellezza della natura.

Così entriamo ed usciamo dai sogni, in una situazione di dormiveglia in cui tutto sembra immobile, perfetto, e dove le preoccupazioni e la bruttezza non hanno accesso alcuno. Tra la realtà naturale e le ambientazioni oniriche, nello scarto tra immaginazione e pensiero, lì troviamo il posto giusto in cui raccoglierci, e osservare il mondo con mente chiara e trasparente.

Quel posto è posizionato esattamente sulla soglia della nostra immaginazione, un limbo in cui l’esistenza non è ancora calata all’interno della realtà, ma che può inserirsi nei paesaggi ed evocare sensazioni intangibili. Una terra di mezzo, in potenza, all’interno della quale le visioni prendono forma e sostanza, e riflessioni sulla bellezza, sulla sessualità o la mascolinità hanno la possibilità di dispiegarsi e prendere lo spazio che si meritano.

Out of my dreams, è esattamente questo, un progetto che si inserisce nelle pieghe temporali, nei ponti che legano la realtà al sogno. Ispirato dalla bellezza di Città del Capo, l’artista nigeriano Daniel Obasi e il fotografo sudafricano Jesse Navarre Vos sono riusciti ad inoltrarsi in questo regno incantato, e a documentarne l’esistenza con sguardo meravigliato.

L’etere e il mistero fanno breccia negli scatti, e una lente leggera, osservatrice, si prende cura di quei valori che finalmente viaggiano a piede libero, spogli delle pesanti costruzioni sociali. E così, questi valori, ricreano un universo inebriato di poesia.

Al di fuori del mio sogno

Lì nell'acqua viveva una ninfa dalla corona d'oro. Un corvo nero agitava un ramo morto mentre la Fata dalle rocce ondeggiava nel vento. In mezzo alle rovine c'era un soldato mascherato che guardava il campo dove una musa del grano aspetta, appassendo mentre il suo capo di lana va alla deriva verso la spiaggia. Una sposa smarrita che coglie il misterioso riflesso di un bicchiere dallo spazio mentre il sole tramonta lentamente sul mare.

Puoi vedere il video di “Out of my dreams” qui.

Out_Of_My_Dreams_editoriale_Daniel_Obasi_Jesse_Navarre_Vos_città_del_capo
Out_Of_My_Dreams_editoriale_Daniel_Obasi_Jesse_Navarre_Vos_città_del_capo
Out_Of_My_Dreams_editoriale_Daniel_Obasi_Jesse_Navarre_Vos_città_del_capo
Out_Of_My_Dreams_editoriale_Daniel_Obasi_Jesse_Navarre_Vos_città_del_capo
Out_Of_My_Dreams_editoriale_Daniel_Obasi_Jesse_Navarre_Vos_città_del_capo
Out_Of_My_Dreams_editoriale_Daniel_Obasi_Jesse_Navarre_Vos_città_del_capo
Out_Of_My_Dreams_editoriale_Daniel_Obasi_Jesse_Navarre_Vos_città_del_capo
Out_Of_My_Dreams_editoriale_Daniel_Obasi_Jesse_Navarre_Vos_città_del_capo
Out_Of_My_Dreams_editoriale_Daniel_Obasi_Jesse_Navarre_Vos_città_del_capo

Segui i-D su Instagram e Facebook

Leggi anche:

Crediti


Testo di Chidozie Obasi
Fotografia di Jesse Navarre Vos
Styling e direzione creativa Daniel Obasi
Con Aza Mhlana e Chad-Lee Van Wyk
Trucco Sarah Whiteside
Musica di Arima Ederra
Poesia di Daniel Obasi e Logan February
Moda Lukhanyo, Mdingi Annie’s Wardrobe, Costume Hire

Tagged:
Cape Town
Sudafrica
editoriale
daniel obasi
città del capo
Jesse Navarre Vos