i ritratti di nudo del fotografo ren hang sono stati banditi dalla cina

E così è andato a New York!

di i-D Staff
|
02 luglio 2015, 1:50pm

Nonostante non sia il caso di iniziare una ricerca sui lavori di Ren Hang dal computer del vostro ufficio, i suoi scatti ricordano più Juergen Teller che PornHub. "L'università era noiosa, così ho iniziato a scattare fotografie", ci ha raccontato il fotografo cinese rivelando di aver quindi trascorso gli ultimi sette anni a immortalare i momenti più spontanei che solitamente avvengono tra amici - con indosso nient'altro che la loro pelle. "Non ho mai percepito la nudità come qualcosa di importante da catturare, penso semplicemente che sia più affascinante e più naturale. E i miei amici si fidano di me sempre di più".

La sua patria purtroppo non scherza e i lavori del fotografo non possono essere mostrati in nessuna galleria cinese: le autorità hanno censurato le sue foto - per niente esplicite - per un semplice "sospetto di sesso". "Il mio sito web così come i miei profili sui social networks vengono bloccati costantemente", racconta, "Sono anche stato arrestato dalla polizia durante un servizio fotografico all'aperto. Ora ci sono abituato".

Ren è solo uno dei molti artisti cinesi sottoposti alla gogna della censura e alle restrizioni espositive. Degno di nota tra questi è Ai Weiwei, prolifico artista e attivista a cui dal 2011 è stato proibito lasciare il paese. Weiwei è riuscito a raggirare creativamente il divieto di espatriare dirigendo via Skype dalla sua casa basa a Pechino Berlin, I Love You ( un cortometraggio per la serie in dieci parti Cities of Love) e, recentemente, è stato annunciato che all'artista potrebbe essere consentito visitare Londra per l'esposizione delle sue telecamere di sorveglianza in marmo e barre d'acciaio piegate, raccolte dal sito del terremoto di Sichuan del 2008. 

Censurato in Cina ma con il passaporto ancora intatto, Ren ha iniziato uno spettacolo itinerante scattando a New York la sua ultima serie di fotografie, New Love. Nonostante si potrebbe pensare che Ren stia correndo entusiasta per le vie di una città in cui è legale mostrare i capezzoli, l'artista cinese non vede in realtà molta differenza tra la mentalità cinese e quella americana: "Per me, [la questione della censura] è quasi la stessa [in entrambi i paesi]. Quando facevo le foto a Central Park ero comunque preoccupato che i poliziotti potessero arrivare e fermarmi". 

renhang.org

Crediti


Testo Emily Manning
Foto Ren Hang

Tagged:
New York
censura
cina
Ren Hang