Kiddy Smile

parigi brucia ancora

Non importa a qualche categoria appartieni, scendi in pista e fai del tuo meglio! La scena vogueing ha trovato una nuova casa spirituale, Parigi.

di Stuart Brumfitt
|
07 luglio 2016, 9:52am

Kiddy Smile

Lasseindra, la madre di House of Ninja con base a Parigi, è ritenuta da molti una delle responsabili della florida scena vogueing della città. Sono state le sue performance nei club gay parigini ad appassionare i clubber a una nuova forma di ballo, un nuovo modo di esprimersi che, più tardi, avrebbe dato vita ad un'intera comunità. 

Il vogueing è nuovo in città, ma Parigi l'ha abbracciato così volentieri che sembra appartenere alla capitale francese da sempre. Le Houses che governano la scena parigina sono Mizrahi, Ninja, LaDurée e Ebony, e sono nate tutte negli ultimi 6 anni. Le competizioni includono regolarmente circa 200 appassionati alla disciplina, e alcuni - come il leggendario Cleopatra Ball - arrivano quasi a 1000. Accadono in maniera irregolare, vengono organizzati tramite Facebook e hanno luogo in svariati posti della città, da La Générale fino a Le Carreau du Temple, ma con performer che arrivano da tutta la città e oltre, alcuni persino da Baltimora, negli USA.

Lasseindra si è avvicinata alla scena di Harlem crescendo a New York. "Avevo 13 anni la prima volta che sono andata nel club, pensavo di aver finalmente trovato un luogo dove trovare persone come me. Mi sono sentita libera, ma anche compresa." La comunità la aiutò ad acquisire molta sicurezza in se e gli permise di ricevere un'educazione sessuale e sull'identità trans, perciò quando decise di trasferirsi a Parigi agli inizi degli anni 2000 sentì istintivamente il bisogno di insegnare questo stile di vita legato al vogue ai clubber francesi curiosi di scoprirne di più.

La ora Mother of the House of Ebony di Parigi fu una delle prime ad avvicinarsi a Lasseindra. "Quando sono arrivata qui, Precious era la più appassionata di tutte," racconta Lasseindra. "Guardava video su YouTube e si era fissata con un video di Leiomy Mizrahi vs. The Evisus, dove lei indossava una parrucca rosa. Dissi, 'La conosco' e lei mi guardò con uno sguardo che faceva intendere, 'Bitch non dire stronzate.' Le dissi che conoscevo il vogueing e lei disse, 'Fammi vedere', per cui le mostrai e lei esclamò, 'Oh mio Dio, lo sa fare!' Non ho mai voluto essere la migliore, ma ne sapevo, e tutto ciò che sapevo l'ho loro insegnato."

Dopo che Lasseindra aveva dato vita a House of Ninja a Parigi e Precious alla Ebony, "arrivò un'altra grande donna: Mother Steffi Mizrahi. Mi ha aiutata a far quadrare tutto," spiega Lasseindra. Molte delle Houses parigine sono un'estensione delle case originali di New York e hanno buoni rapporti con i membri negli Stati Uniti. I francesi imparano dai loro pari americani, e molte delle Houses di New York sono orgogliose di avere sede anche a Parigi. Parigi è, dopotutto, la città idealizzata della moda che molti ballerini ammirano.

Precious, con il suo cappellino da baseball, le treccine e un trucco impeccabile, è cambiata assieme alla scena parigina. 10 anni fa era uno studente tranquillo, Gary, ma ora è diventata una House Mother che si occupa di 15 alunni. "È la mia passione," dice. "Prima ero timida, mi ha resa più aperta. Ora sono occupata a stare dietro ai miei ragazzi." Organizza eventi mozzafiato - è stata proprio House of Ebony ad allestire il Murder Ball che vedete documentato in queste foto. "Mi da uno scopo," afferma.

Un altro volto importate della scena è il magnifico, altissimo, Kiddy Smile, che iniziò suonando alle performance prima di venir accolto dalla House of Mizrahi da Mother Steffi. Kiddy (che ha realizzato colonne sonore anche per Balenciaga e che suona spesso al Berghain) racconta che fare parte della House l'ha reso più sicuro di se ("Mi sento potente quando sfilo"), ha imparato molte cose ("Non ho studiato moda, ma penso che la mia roba sia davvero figa. Ho imparato tutto alla ballroom!") e gli ha fatto trovare il coraggio di fare coming out con sua madre. 

Kiddy ringrazia la House of Mizrahi per "aver creato uno spazio in cui la gente può essere se stessa," aggiungendo, "Vuoi metterti una parrucca? Fallo! Vuoi le tette finte? Indossale! Nessuno ti giudicherà. Giudicheranno la tua performance. Se salti in pista devi fare bella figura, ma nessuno ti giudicherà per il fatto che sei gay o che ti vesti in un certo modo." Avrebbe voluto che questa scena nascesse molto prima. "Ho 28 anni e invidio i ragazzi che ne hanno 14 o 15 ora e che possono frequentare la ballroom ed essere se stessi. Quando avevo 15 anni non c'erano posti così."

Kiddy vede la scena come un movimento politico, anche se sospetta che per molti non sia così. Vede la scena gay parigina come razzista e poco aperta, perciò è felice di creare nuovi spazi per giovani gay e trans. "In quanto movimento gay con persone di colore si tratta di un qualcosa di storico. Solo il fatto che ci troviamo qui e che stiamo costruendo tutto questo ci dovrebbe rendere orgogliosi." 

Kiddy Smile

K'nedy Mugler

Prototype Khan

Yanou Ninja

Precious Ebony

Left to right: Ari Mizrahi, Neutron Mizrahi, Willow Mizrahi

Crediti


Testo Stuart Brumfitt
Foto Pierre Ange Carlotti