i 10 pezzi più sottovalutati di britney spears

Leave Britney alone! È stata l'innovatrice del pop più sottovalutata, e noi vogliamo celebrarla.

di i-D Staff
|
14 maggio 2015, 1:20pm

Da molti dei suoi fan, Britney Spears è considerata una dea, spesso rinominata The Holy Spearit. Per molti altri invece non si è mai ripresa da quel ben documentato scandalo pubblico. Ma non è andata sempre male per Britterz. Di recente è risorta come Regina di Las Vegas, con un posto in Sin City che si è rivelato una mega hit. E negli ultimi anni ha anche rivendicato le sue più grandi hit in America con I Wanna Go e il riempi-pista Till The World Ends.

Tuttavia, il suo ultimo album, Britney Jean del 2013, è stato inondato da una raffica di critiche; fan e critici hanno entrambi accusato Britney di aver perso il suo profilo pop unico, incespicando invece nell'orribile territorio EDM. Non è una sorpresa, quindi, che in una recente intervista per Billboard, il manager di Britney, Larry Rudolph, abbia dichiarato che lanciare un nuovo album non è una priorità della cantante.

Si concentrerà invece "sull'uscita di alcuni bei singoli", il primo di questi, intitolato Pretty Girls, è un duetto con Iggy Azalea.

Tuttavia, sono le tracce degli album di Britney, specialmente quelle dell'era post-Britney, ad aver trovato posto tra i pezzi più ascoltati delle playlist di Spotify. Sono queste che rendono Britney interessante come musicista, mostrando come essa possa essere avanti sulla linea delle tendenze del pop.

Per celebrarla abbiamo messo assieme alcune tra le tracce migliori dei dischi, bonus tracks e demo, perché, beh, it's Britney…bitch!

(I Got That) Boom Boom da In The Zone, (I Got That)

Boom Boom è probabilmente il pezzo più urban che Britney ha fatto. Facendo gruppo con The Ying Yang Twins in questa traccia che si inspira al Southern hip hop, il pezzo ha una qualità senza tempo ed è quel tipo di canzone che Britney potrebbe rilasciare ora. Il grido iniziale "Shorty, we're gonna go to the club and get drunk with Britney" non è solo una previsione del tempo che la star trascorrerà nei club, ma un'affermazione del suo passaggio da principessa bubblegum a diva del dance floor. Inoltre quel banjo è incredibile.

Early Mornin'

Prodotta da Moby, Early Mornin' ha mostrato un nuovo lato di Britney sia a livello di sonorità che di testi e, come molti pezzi di In The Zone, la canzone parla apertamente di promiscuità e avventure notturne. "Where d'ya live, does your mama live there? We could hook up at the hotel," cinguetta Brit su un'elettronica dal ritmo lento e gemiti ninfomani, rispecchiando molte conversazioni che le persone hanno durante i loro vent'anni (a parte l'hotel). E anche se non sarebbe mai potuta diventare un singolo, c'è una maturità nel sound sessualizzato che molti hanno mancato di notare, come una forte sperimentazione con il pop che, a quel tempo, solo Madonna aveva tentato di fare. 

Touch Of My Hand

Probabilmente la migliore canzone sulla masturbazione mai registrata da un'artista donna, Touch of My Hand è in parte scoperta di se stessi e in parte una legittimazione. Non è un segreto che Britney si sia sentita costretta nei panni di teenager che le sono stati cuciti addosso nei prima anni della sua carriera, quindi è giusto che nel suo album più personale abbia incluso quel momento speciale che solo una persona e le sue mani possono capire. Vocalmente, il tono basso e ansimante di Britney si adatta allo stile elettronico di William Orbit e ai suoi testi schietti, mentre geme "I've entered myself in the most precious way." Non è simile a nulla di tutto ciò che Brit aveva registrato in precedenza, ma incapsula perfettamente quei momenti dei tuoi vent'anni in cui scopri di più sul tuo corpo e su ciò che ci piace.

Baby Boy

Forse più di qualsiasi altra artista là fuori, Britney ha una marea di demo online mai pubblicati. Molti di questi erano stati registrati tra il 2003 e il 2007, il periodo più tumultuoso della sua vita personale. Una di queste canzoni è Baby Boy, un demo molto grezzo che si dice provenga dalle Blackout sessions. In un raro momento di genuinità si può sentire la vera voce di Britney con la sua ottava naturale e, a sorpresa di alcuni, non è affatto male. Di nuovo, si tratta di uno sguardo raro sulla vera Britney - non attorniata dai raggiri degli studi di registrazione, doppi sensi e testi impersonali. Lo stato grezzo del demo aggiunge solo alla natura personale della canzone, mostrando l'abilità di Britney nello scrivere canzoni e la sua duttilità come popstar.

State Of Grace

Un altro demo preso dall'era di Blackout, State Of Grace riprende l'atmosfera "Etherealney" di In The Zone's.

Strumenti a corde indiani e la batteria accompagnano la voce sensuale di Britney, il suono molto semplice di un synth aggiunge spessore alla traccia. I testi, affondando nel misticismo, evitano di cadere in facili cliché, dando un'atmosfera spirituale alla traccia. È un tipo di canzone con cui solo Britney, Janet o una Madonna di fine anni '90 avrebbero potuto cavarsela, offuscando in modo esperto la linea che divide il pop dalla sperimentazione sonica.

Get Naked (I Got A Plan)

Sia per i fan che per la critica, Blackout è considerato il lavoro migliore di Britney - un album nato dall'oscurità, dalla depressione e dalla depravazione, con suoni sporchi, una produzione illuminata e voci fredde e distaccate. Get Naked (I Got A Plan) vede Britney diventare un robot sexy, mentre sussurra "My body is calling out for you bad boy, I get the feeling that I just want to be with ya."

Ci sono strati di desiderio che si sviluppano nella produzione, i synth e le percussioni creano un calore simile a quello del fuoco, vicino e caldo e che ti incita a spogliarti. O forse è solo una mia impressione. 

Get Back

Una bonus track rilasciata solo in Giappone e su iTunes, Get Back avrebbe dovuto essere, secondo quando riportato, il singolo principale di Blackout, e non sorprende il perché. La canzone descrive bene l'album - la voce confezionata di Britney, le intromissioni del produttore Danja, synth sporchi e suoni distorti che ti costringono a muovere i piedi. Come alcune canzoni nell'album, il mastering suona incompleto, ed è chiaro avessero poche registrazioni vocali con cui lavorare, tuttavia è questo che rende le tracce così genuine e spontanee. Come la maggior parte dei pezzi di Britney, può sembrare distaccato e senza anima, ma come dice la sua A&R LaBarbera-Whites: "È la sua magia che rende queste canzoni ciò che sono".

Blur

Molti mesi dopo lo scandalo, sono emersi online nuovi gossip sul nuovo album. Lavorando con produttori che avevano aiutato Britney a dare forma alla sua carriera durante gli anni (inclusi Max Martin e Dr Luke), Circus è probabilmente l'ultimo suo album coerente, mescolando bubblegum pop progressista e groove R&B.

Prodotta assieme a Danja, Blur racconta di una Britney in hangover, che si risveglia accanto a un uomo che non conosce. Suoni urban e synth sconnessi confondono i sensi mentre Brit canta con la sua voce naturale "Can't remember what I did last night, everything is still a blur." È un messaggio semplice ma universale, e qualcosa che Britney ha sicuramente sperimentato lei stessa quando era in giro a far festa. È una lenta ode al giorno dopo.

Unusual You

Prodotta dall'ora defunto Bloodshy e Avant, Unusual You è una delle preferite dei fan. Estratta da Circus, la canzone è la più strana dell'album. Suoni elettronici soft e un beat pronunciato sono alla base del mix, mentre sul fondo c'è la voce molto effettata di Britney. Il messaggio della canzone sull'amore inaspettato si distingue dai pezzi a base di sesso, un momento di vera emozione. Per alcuni, fu un barlume che Britney potesse abbandonare i pezzi da club in favore di un album più sommesso fatto di ballate elettroniche. Ahinoi, non è stato così, ma Unusual You rimarrà sempre uno dei lavori migliori di Britney - misterioso, melanconico e bellissimo.

Inside Out

Mentre Femme Fatale del 2011 è un (semi) ritorno in forma, i suoi singoli caotici e la mancanza di promozione hanno lasciato i fan scoraggiati. Tuttavia, l'album conteneva della musica pop innovativa, come la traccia Inside Out che esplora il desiderio e la fragilità delle relazioni sentimentali.

I testi accennano a …Baby One More Time e (You Drive Me) Crazy, ti lascia un pizzico di nostalgia, mentre Britney geme sul pezzo. "Tell me how we got in this position, guess I better get you out my system," canta di quel momento in cui il cuore ha la meglio sul cervello, prima di buttarsi nel ritornello, una mostruosa cacofonia di bassi che ti divora. Prima che la dubstep invadesse la musica pop, Britney la propinava alle masse, rivendicando con grazia i suoi diritti di innovatrice del pop più sottovalutata di sempre - un altro indizio che la Legendary Ms. Britney Spears si merita molta più stima di quella che gli è stata riconosciuta.

Crediti


Testo Alim Kheraj

Tagged:
Britney Spears