krystal paniagua

La Fashion Week è ancora rilevante per la nostra generazione? L'abbiamo chiesto ad alcuni giovani creativi che erano in città durante la Settimana della Moda a Milano, e abbiamo colto l'occasione per parlare del loro futuro e di quello della moda.

di Giorgia Baschirotto
|
30 settembre 2015, 3:27pm

Da dove vieni?

San Juan, Portorico.

Che cosa fai?

Sono una fashion designer. Sto per laurearmi qui a Milano.

Cosa indossi oggi?

Tutti gli abiti che indosso li ho creati io. È bello disegnare i propri vestiti, hai l'opportunità di creare dei pezzi perfetti per te.

Come sta ridefinendo il concetto di bellezza la nostra generazione?

Viviamo in un periodo storico in cui è facile mettersi in contatto con il resto del mondo. Per cui abbiamo la possibilità di conoscere ideali di bellezza differenti dai nostri e capire che ci sono molti modi di essere belli.

Nel 2015 è ancora rilevante la Settimana della Moda?

Hmm...è sempre interessante vedere le nuove creazioni degli stilisti. Tuttavia, la moda sta diventando sempre più noiosa e convenzionale. Credo dovremmo smettere di voler essere come tutti gli altri e investire di più sul nostro stile personale. Se così facessimo la fashion week riacquisterebbe la sua unicità. 

Qual è il genere musicale che più rappresenta il tuo stile?

Mi piace questa domanda. Mi piacciono generi musicali differenti. Sono molto affezionata ad artisti come Sango, Youth Lagoon, Buscabulla, Spooky Black e anche Elvis Presley.

Come sarà la moda del futuro?

La moda diventerà più intelligente e personale. Credo che la nuova generazione di creativi debba iniziare ad occuparsi del futuro della moda. Sono sicura riacquisterà la buona reputazione che aveva un tempo.

Crediti


Foto Dave Masotti

Tagged:
FASHION WEEK
milano
Μόδα