Fotografia di Joyce NG. Moda di Mowalola Ogunlesi.

mowalola: la designer nigeriana di cui tutti parlano a londra

È appena entrata nel collettivo Fashion East ed è una delle stiliste più promettenti della sua generazione.

|
nov 15 2018, 4:07pm

Fotografia di Joyce NG. Moda di Mowalola Ogunlesi.

Questo articolo è originariamente apparso in versione cartacea sul numero 354 di i-D, The Superstar Issue, inverno 2018

"Sesso. Più sesso. Più sensualità", dice Mowalola Ogunlesi ridendo quando le viene chiesto di svelare un indizio sulla sua prossima collezione. Per la prima volta, la designer non sfilerà nella cornice della Central Saint Martins, perché il suo nome comparirà invece nel calendario della Settimana della Moda di Londra. "Più sexy" ci sembra però un'impresa difficile da realizzare, considerando che la sua collezione di laurea era già piuttosto sexy. Chiamata Psychedelic, traeva ispirazione dalla musica rock nigeriana degli anni '70 e comprendeva attillati pantaloni in pelle a vita bassa con mutante di pizzo che facevano capolino, crop top, capezzoli in vista, sublimazione delle sinuosità del corpo, e molti addominali luccicanti. Era un tripudio di colori intensi e sensualità, un'esplorazione gioiosa della sessualità maschile africana finalmente libera dagli stereotipi.

L'industria della moda non ha potuto fare a meno di notarla, ammirarla e desiderare immediatamente sapere tutto di questa giovane designer. E così Mowalola ha abbandonato il suo master alla CSM e ha decise di concentrarsi invece sulla costruzione del suo brand. Quest'anno è stata selezionata per entrare a far parte del collettivo Fashion East e presenterà la sua prima collezione uomo nel gennaio 2019 alla Settimana della Moda di Londra. "È stato davvero emozionante", dice. "Sto solo cercando di capire come riuscirò fare tutto. Alla CSM questo non te lo insegnano. Immagino siano più concentrati a farti trovare la tua strada che a darti nozioni imprenditoriali." Attualmente Mowalola lavora a tutti gli aspetti della creazione di un brand, dalle pubbliche relazioni ai rendiconti economici, anche se è difficile adattarsi a tutto. "Non so davvero come fare tutto in contemporanea. Come fare i progetti, fare affari... E magari anche avere una vita", riflette. Dopotutto, non ha che 24 anni, un'età in cui divertirsi ed essere spensierati è una necessità. "Non voglio ripensare ai miei vent'anni ed essere tipo, 'sì, lavoravo per mettere su il mio brand, quindi non me li sono goduti!'".

Siamo nel suo appartamento/atelieri a Dalston, dove la incontriamo insieme all'amico Trey Gaskin, un ex compagno di università che oggi lavora come modello, musa, life coach e assistente della giovane designer. "Trey è incredibile, mi sta aiutando a pianificare le cose e sta smaltendo tutta la parte comunicativa del brand". Rispondere alle email quando hai un lavoro a tempo pieno è tanto fondamentale quanto complicato, e Mawalola non potrebbe farcela senza l'aiuto di Trey.

Mowalola designer Londra Fashion East Intervista

È cresciuta in Nigeria e si è trasferita nel Regno Unito a 12 anni per frequentare un collegio nelle campagne del Surrey. I suoi genitori, che vivono ancora in Nigeria insieme al fratello, sono entrambi stilisti: Mowalola ha la moda nel sangue. "Mia madre è una designer di abbigliamento per bambini, anche se era solita realizzare abiti da donna insieme a mia nonna. Mio padre invece produce abiti maschili nigeriani tradizionali. Cerca sempre di parlarmi di design, ma abbiamo gusti diversi. Adoro il modo in cui si veste, e il fatto che indossi esattamente quello che vuole. Personalizza tutto quello che si compra. È una grande fonte d'ispirazione per me".

Mowalola non è portata per lavorare in solitaria; ama l'energia generata dalla condivisione di idee con gli altri e sta costruendo una comunità globale di creativi che la pensano come lei, da Lagos a Londra, da New York a Toronto. Di questo gruppo fanno parte gli uomini che sono diventati negli anni sue muse e collaboratori, come Trey e Tawan KB—che ha conosciuto cinque anni fa su Instagram e che ha creato gli stivali presentati dalla stilista nella sua collezione di laurea—, ma anche musicisti come il nigeriano residente in Canada La Timpa. Del resto, Mowalola è ossessionata tanto dalla musica quanto dalle sue origini. Per la sua prima sfilata con Fashion East sogna infatti di avere un cast al 100 percento nigeriano in passerella.

Le immagini presenti nel lookbook per la sua collezione di laurea sono firmate dalla fotografa dello Yorkshire Ruth Ossai, anch'essa originaria della Nigeria, mentre dello styling si è occupato Ib Kamara, Fashion Editor at Large di i-D; entrambi noti per un'estetica lontana migliaia di chilometri dagli stereotipi di genere. "È molto importante per me lavorare con persone che capiscono quello che sto facendo. È l'unico modo se vuoi creare qualcosa che abbia un'uniformità estetica, fotografica e narrativa", spiega. "Sono molto fortunata, perché Londra perché qui puoi essere chiunque, e finché sei a tuo agio con te stesso e non ti scusi per quello che sei agli altri va bene così".

Mowalola designer Londra Fashion East Intervista

Per la sua sfilata con Fashion East a gennaio, Mowalola ha deciso di presentare una collezione donna insieme alla linea uomo. In ogni caso, i suoi abiti sono difficilmente attribuibili a un genere preciso, e ha quindi perfettamente senso la decisione di presentare insieme moda donna e uomo. "So come voglio presentarla, so come voglio che le persone sentano parlare della mia sfilata. Voglio che i vestiti siano al centro di tutto, ma voglio anche esplorare diversi modi per far sentire esposto chi li indossa, sia emotivamente che fisicamente. Non sempre ciò significa esporre ampie porzioni di pelle, quanto più di far sentire sexy chi li indossa". Ed ecco come riuscirà a rendere la sua nuova collezione ancor più sexy della precedente.

La fluidità di genere passa attraverso le ispirazioni culturali pop di Mowalola come Prince e André 3000. "Ho la sensazione che queste celebrità fossero molto sicure e determinate. Amo chi va orgoglioso di se stesso, e voglio che sempre più persone si sentano così. Siamo così presi da queste divisioni sociali, dall'idea che i ragazzi debbano essere in un certo modo e le ragazze in un altro. Dobbiamo allontanarci dallo spettro del gender, tornare agli individui e ai loro desideri. È questo il modo per portare innovazioni sociali".

Mowalola designer Londra Fashion East Intervista

Mowalola ha un talento innato nel portare la sua narrativa estetica anche al di fuori della passerella, che per lei diventa il punto di partenza per esplorare una collezione. È vero, non ha esperienza come PR, ma ha un quadro chiarissimo di come trasmettere la sua visione a pubblico e insider del settore. "Quando ho finito la mia collezione, la prima cosa che volevo fare era scattare il lookbook. Volevo che le persone capissero esattamente perché stavo facendo ciò che stavo facendo. Così ho lavorato con persone che mi hanno ispirato moltissimo. Sono andata a fare un film in Nigeria, ho continuato a mantenere un contatto diretto con le persone che abitano li, perché sono entusiasti del mio lavoro e lo hanno capito".

"Come designer, dobbiamo essere in grado di comunicare con il mondo e raccontare una storia", conclude. "Non dovremmo pensare 'Oh ho bisogno di finire su i-D, e devo assolutamente finire in questa lista e in quelle foto.' La cosa principale è crearsi delle opportunità, perché è questo che fa in modo che le persone ti notino." Noi l'abbiamo notata, e non vediamo l'ora di vedere cosa presenterà in passerella Mowalola a gennaio.

Mowalola designer Londra Fashion East Intervista
Mowalola designer Londra Fashion East Intervista
Mowalola designer Londra Fashion East Intervista
models wearing mowalola shot b joyce sze in nigeria
Mowalola designer Londra Fashion East Intervista
Mowalola designer Londra Fashion East Intervista
Mowalola designer Londra Fashion East Intervista
Mowalola designer Londra Fashion East Intervista
Mowalola designer Londra Fashion East Intervista

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Il fashion film che Mowalola ha girato in Nigeria ha vinto l'ultima edizione del Fashion Film Festival Milano. Questa la lista della curatrice, e nostra editor at large, Gloriamaria Cappelletti dei dieci migliori corti presentati durante il festival:

Crediti


Fotografia di Joyce NG
Moda di Mowalola Ogunlesi

Capelli Ferdinands capelli. Trucco Deto Black. Assistenza luci Chuku Ndubisi. Assistenza fotografica Oluwafunminyi Edward Kayode. Direttore del casting Dafe Oboro. Modelli Idowu Alison. Olasunkanmi Abayomi. Temitope Oloto. Smart Song. Sani Muhammed. Benedizione Mbanefo. Muzybha Baruwa. Benita Ango. Tabiloba Subomi. Sharon Ubong. Taiye Atunde e Temi Ogunsola. Un ringraziamento speciale ad Adenike Ogunlesi, Ade Ogunlesi, Lanre Ogunlesi e Modupe Ogunlesi. Rosa. Mr Tony. Wale e Samuel.

Le modelle indossano tutti abiti Mowalola Ogunlesi.

Questo articolo è apparso originariamente su i-D UK.