Come prepararsi per le manifestazioni anti-razzismo in Italia

È importante essere coscienti dei propri comportamenti quando si manifesta, soprattutto se lo si fa durante una pandemia.

di i-D Staff
|
04 giugno 2020, 12:11pm

In seguito della terribile morte di George Floyd, abbiamo visto l'America rivoltarsi, portando nelle piazze di tutti i 52 stati decine di manifestazioni per sostenere il movimento Black Lives Matter. Questa ondata di proteste anti-razzismo si sta facendosi largo anche negli altri continenti, e stanno sorgendo manifestazioni anche in tutta Europa.

L'America ha dunque innescato una miccia che sta facendo esplodere l'Europa intera, da Amsterdam a Parigi, in un'ondata di manifestazioni per la causa del movimento Black Lives Matter. Anche in Italia ci si sta preparando all'azione, organizzando manifestazioni in tutte le più grandi città del paese, come Milano, Roma, Messina, Caserta e molte altre. In un paese come il nostro, che sembra si stia finalmente e faticosamente sollevando dalle ceneri del coronavirus, la decisione di scendere in piazza a manifestare ha sollevato un'enorme polverone di polemiche. È quello che è successo per la manifestazione del 2 giugno a Roma, e succederà ancora, se non seguiremo determinate regole per tutelare la nostra salute e quella delle nostre comunità.

Manifestare durante una pandemia in corso, o appena appena messa sotto controllo, può risultare parecchio problematico. Per questo abbiamo stilato una elenco di consigli per ridurre al massimo il rischio del contagio e rendere consapevoli tutti i partecipanti della propria condizione di salute e di quella degli altri. Se non puoi (o non te la senti) di andare a manifestare, non fartene una colpa, qui e qui trovi dei consigli su cosa puoi fare pur restando a casa.

Se non ti senti bene, stai a casa
Manifestare è un gesto importante e nobile, ma ci sono delle condizioni in cui è fortemente sconsigliato farlo. In questo momento, se si ha la febbre o qualsiasi sintomo legato al COVID-19, invitiamo a non partecipare alle manifestazioni, anche indossando mascherina e guanti. Puoi comunque dare il tuo contributo a una manifestazione contattando gli organizzatori e chiedendo cosa puoi fare da casa per facilitare la logistica e l'attuazione dell'evento. Oppure puoi firmare le petizioni, o anche donare attraverso questo sito.

Porta con te molta acqua
Bisogna restare idratati, sempre. Specialmente quando si trascorrono ore e ore con una di fronte a bocca e naso. Portati dietro una borraccia (o più di una!) in modo tale da non dover condividerla con nessun altro, o da poterne prestarne una di quelle extra a chi non ha pensato di portarla. Ricordati che durante una pandemia è assolutamente sconsigliato condividere bevande o cibo con altre persone, anche con i tuoi amici!

Pensa bene a quello che scrivi sui cartelloni
I messaggi da far passare sono molti, ed esistono le parole giuste per affermarli. Se sei bianco, scegli con attenzione cosa scrivere e quali simboli disegnare, così da evitare di prevaricare sulle voci delle persone di colore. In questo caso stai fronteggiando una battaglia che non è la tua, ma in qualità di ally, dunque anche gli elementi grafici che veicoli devono essere di supporto e solidarietà, amplificando le voci di chi sta manifestando in prima persona per la propria causa.

Indossa sempre la mascherina e i guanti
Essere in grandi numeri durante una pandemia può rendere il distanziamento sociale difficile da mantenere, dunque è importante indossare sempre una mascherina per evitare la dispersione di gocce di saliva. Ma si tratta di un metodo che funziona solo se tutti si impegnano a rispettarla. Mentre la diffusione del virus attraverso gli oggetti è piuttosto bassa, il contatto diretto tra persone rimane la modalità più frequente con cui si può contrarre il virus. Indossa anche i guanti, per proteggerti nel caso in cui entrassi in contatto con una persona asintomatica.

Vai a manifestare con persone che conosci
Le regole di distanziamento sociale sono spesso un pretesto per le forze dell'ordine per arrestare i manifestanti. Per evitare tutto ciò, assicurati di manifestare vicino a persone che conosci, così che il tasso di trasmissione del virus, nel caso in cui fosse presente tra voi, sia più basso e limitato al vostro gruppo. Il coronavirus è altamente contagioso, ma è possibile proteggersi anche durante una manifestazione, se tutti si attengono alle stesse regole. Allo stesso modo, considera la possibilità di andare in quarantena dopo aver manifestato, se ti è possibile farlo, e scegli di partecipare a una sola manifestazione. I virus si trasmettono facilmente, è vero, ma se prendi determinate precauzioni puoi fare ogni cosa pur proteggendo te e i tuoi cari.

Se non sei una persona di colore, ascolta le voci di chi lo è
Anche se questa non è la tua battaglia, hai la responsabilità di dare il tuo contributo. Puoi mostrare solidarietà e marciare affianco alle persone di colore, ma devi farlo senza distogliere l'attenzione da chi ne è il vero protagonista. Fai la tua parte, però ricordati che questa è una battaglia che, sopratutto se sei bianco, sta accadendo per a causa delle azioni della tua comunità. Usa il tuo privilegio per amplificare le voci e le azioni della comunità nera, nient'altro.

Fatevi forza a vicenda
Le manifestazioni sono sempre state vitali per la lotta all'eguaglianza. E lo sono anche adesso: i cambiamenti avvengono quando ti imponi e pretendi ciò che ti spetta di diritto, così che le persone in potere se ne rendano conto, prendano nota e agiscano per cambiare le cose. Fatevi forza a vicenda, sostenetevi l'un l'altro mentre manifestate. Se sei bianco, non dimenticarti mai di essere consapevole di quello che fai, di stare vicino ai tuoi amici di colore e di donare.

Questo contenuto è stato scritto modificando, adattando e integrando l'articolo "How to prepare for a protest in the US", pubblicato originariamente su i-D US.


Segui i-D su Instagram e Facebook

Leggi anche:

Tagged:
antirazzismo
Italia
manifestazione
george floyd
george floy