La nuova iniziativa digitale di Moncler dà voce (e spazio) ai creativi

Scopri il progetto “Moncler Voices”, in esclusiva su i-D.

di Carolina Davalli e Amanda Margiaria
|
13 luglio 2020, 11:00am

Nick Dutton per Moncler Voices

Non è un'esagerazione dire che la rivoluzione comunicativa e di design portata avanti da Moncler attraverso il progetto Genius sia uno dei migliori esempi di posizionamento a cui abbiamo assistito negli ultimi anni nell'industria della moda. Dal suo debutto alla Fashion Week milanese A/I 18, il progetto non ha fatto innamorare solamente la propria già salda rete di fan, ma è stato anche acclamato internazionalmente dalla critica e dagli esperti della comunicazione.

Ma la portata pioneristica di Genius non dovrebbe stupirci, perché comunicare in modo efficace è una delle grandi qualità insite nel DNA di Moncler: negli anni '50 ha vestito gli esploratori che conquistarono per la prima volta le cime del K2, e negli anni '80 si è intrufolata tra le fitte fila dello streetwear degli anni '80, definendo un nuovo tipo di streetwear. Gli esempi in questo senso sarebbero potenzialmente infiniti, perché Moncler è da sempre al centro dello zeitgeist, partecipando attivamente ai cambiamenti della contemporaneità, a volte innescando dei vortici creativi che hanno travolto il mondo del design.

Moncler Voices, the Brand's latest digital initiative
Veronica Leoni per Moncler Voices

Questa attitudine insita nella filosofia Moncler non avrebbe raggiunto questi successi se non fosse stato per la coesistenza di un pluralità di voci al suo interno, ad intervenire su un singolo progetto. Come scrivevamo qualche tempo fa, l'esempio di Moncler Genius “fa coincidere una varietà di contributi, capaci di coesistere uno affianco all'altro, creando un mosaico di differenze e di individualità. Queste voci, e le loro distinte lingue progettuali, si armonizzano quando entrano in un processo di progettazione unico, coniato dal brand stesso.” E come in storia d'amore che si rispetti, anche per Moncler e i sui designer il segreto sta nel permettere a entrambe le parti di esprimersi senza limitazioni, dando spazio a prospettive ed interpretazioni che altrimenti rimarrebbero in sordina.

Così nasce Moncler Voices una tela bianca che, a seguito dell'invito da parte del CEO di Moncler Remo Ruffini, propone ad artisti, curatori, stylist, designer, registi, atleti, esploratori e creativi di tracciare i profili delle proprie visioni, e dare vita ai nuovi possibili futuri. Un progetto che si estende al di fuori della moda in senso lato, con l'intenzione di incrinare i confini di questo sistema attraverso la potenza di un'onda sonora il cui eco tocchi quelle corde che, dopo molto tempo, sono tornate ad essere la nostra priorità. A ognuna di queste personalità è stato chiesto di rispondere alla domanda: "Cosa rappresenta Moncler per te?", e a ogni risposta si accompagna un'immagine personale e intima, così da raccontare anche visivamente la riflessione di ogni personalità coinvolta.

Moncler Voices, the Brand's latest digital initiative
Francesco Ragazzi per Moncler Voices

Moncler ha infatti invitato gli artisti che parteciperanno al progetto a ripensare alcuni dei temi che hanno definito il brand stesso: lo spirito di solidarietà, il concetto di autenticità e il brivido dell'esplorazione, oltre ad un'incessante e persistente sete di creatività. Una nuova percezione sul concetto di identità, essenziale per un brand quanto per un designer, e così per qualsiasi individuo, creando dei manifesti progettuali che abbiano la stessa forza di quelli che hanno definito correnti di pensiero, movimenti artistici e rivoluzioni culturali.

Le voci in questione saranno una rassegna dei creativi tra i più influenti del panorama contemporaneo, paladini dell'innovazione del design e visionari della moda come Matthew Williams, Francesco Ragazzi, Jonathan Anderson, Nick Dutton, Sabino Pantone, Hiroshi Fujiwara, Craig Green, Veronica Leoni, Hwang Minhyun, Piergiorgio Del Moro, Guillaume Néry, Sabino Pantone, Pierpaolo Piccioli, e molti altri.

La serie Moncler Voices durerà alcune settimane, è un'azione corale che afferma nuove connessioni emozionali ed artistiche tra i partecipanti, a dimostrazione del fatto che certe volte la miglior cosa da fare, quando ci si confronta con una nuova realtà, non è agire istantaneamente da soli, ma piuttosto ascoltare ciò che gli altri hanno da dire.

Moncler Voices, the Brand's latest digital initiative
Matthew Williams per Moncler Voices
Moncler Voices, the Brand's latest digital initiative
Sabino Pantone per Moncler Voices

Segui i-D su Instagram e Facebook

Tagged:
FASHION WEEK
2020
campagna
Moncler
Moncler Genius
Remo Ruffini
SS21
Moncler Voices