foto di Bart Heynen

Il libro che raccoglie le fotografie dei padri gay di tutta l'America

Cosa significa essere un padre omosessuale oggi? Il nuovo libro del fotografo belga Bart Heynen, "Dads", risponde con gli scatti di oltre 40 famiglie americane.

di Zoe Whitfield
|
25 maggio 2021, 11:26am

foto di Bart Heynen

“Dalle pagine di questo libro emerge l’inscindibile legame d’amore che unisce genitori e figli,” ci racconta Bart Heynen. Per la sua ultima monografia, intitolata semplicemente Dads [“padri”, NdR], il fotografo belga di base a New York ha viaggiato attraverso tutta l’America, immortalando quasi 50 famiglie con padri gay. Fotografandoli all’interno di location scelte dai soggetti stessi, Bart ha voluto catturare cosa significhi essere un padre omosessuale oggi, a qualche anno di distanza dalla legalizzazione di matrimoni egualitari in tutti gli stati membri nel 2015.

Il progetto ha preso forma nel 2016 come sfida personale, nata dall’esigenza di sviluppare un libro in cui famiglie come la sua potessero sentirsi rappresentate. Tuttavia, una volta trasferitosi a New York, ha riscontrato parecchie difficoltà nell’incontrare padri gay. "Il primo giorno in cui abbiamo iniziato a contattare genitori omosessiali ero seduto con i miei stagisti a guardare il discorso tenuto da Hillary Clinton a seguito della sua sconfitta,” dice Bart. "Volevo incontrare altre famiglie arcobaleno; in fondo, eravamo tutti stati cresciuti da famiglie eterosessuali, quindi non avevamo alcun modello genitoriale diverso da quello. Sono stato cresciuto da una mamma e da un papà che seguivano i ruoli stereotipici che vengono loro affidati—mia madre faceva i lavori di casa e mio padre ci portava a calcio. All’improvviso sono diventato padre, ma allo stesso tempo mi stavo prendendo cura dei miei figli in modo completamente diverso da quello che aveva fatto mio padre. Così volevo vedere come si stavano comportando altre famiglie."

due padri sdraiati a letto con il figlio sdraiato tra loro due
foto da 'DADS' di Bart Heynen, courtesy of powerHouse Books

Quello che è emerso mentre il progetto si evolveva è un rifiuto totale dei ruoli di genere assimilati solitamente dalle famiglie composte da due genitori esterosessuali. "Che possa esistere una divisione del lavoro equa tra i genitori per me è stata una realizzazione sorprendente,” dice, osservando come le famiglie che ha incontrato non tentassero di imitare le dinamiche di quelle eterosessuali ma ricreavano piuttosto una realtà tutta loro tra le quattro mura di casa. "Mi sono reso conto che questi uomini, non trovandosi confinati all’interno di dettami e aspettative di genere, si scambiavano tra loro le diverse responsabilità in modo estremamente facile. Un padre può cambiare i pannolini, ma anche l’altro padre può cambiare i pannolini, e questo non è un problema, perché non si attiva alcun tipo di divisione di genere. Ho amato questa cosa, e ho veramente tentato di metterla in risalto."

Prima di inserirsi per un giorno intero o anche solo un paio di ore nella vita quotidiana di queste famiglie newyorkesi o dello Utah, Bart le contattava sempre via telefono—e non parlava solo con loro, ma anche con la loro famiglia estesa o con le madri surrogato. "Appena entravo nelle loro case, mi piaceva presentarmi e raccontare quello che ho affrontato nella mia vita, creando delle connessioni molto forti con loro—anche io ho dei figli, gemelli; li ho avuti con una madre surrogato e con una donatrice di ovuli. Per certi versi, le storie delle nostre famiglie si somigliavano, somiglianze su cui era facile costruire una sintonia. Ho anche tentato di guidarli il meno possibile nello scattarli, e credo che questo atteggiamento abbia aiutato a creare un’intimità tra noi e a non avere problemi a dirsi qualsiasi cosa.” Oltretutto, quello che forse ha aiutato ancora di più a instaurare un rapporto fiducia tra fotografo e soggetti è stata la promessa di Bart di condividere tutte le foto con loro prima della pubblicazione e di eliminare qualsiasi scatto indesiderato (tra l’altro nessuno ne ha segnalate).

due genitori uomini in piedi di fianco a loro figlio ion tenuta da calcio in un campo da calcio
foto da 'DADS' di Bart Heynen, courtesy of powerHouse Books

Bart ha lavorato principalmente con bebè e infanti—soggetti che prendevano la macchina fotografica sostanzialmente come un altro gioco—, anche se in alcuni casi sono capitati soggetti più grandi e persino qualche adulto; in questi casi, sia figli che padri coglievano esplicitamente il sostrato politico del progetto. In un caso, Bart ha scattato un ragazzo dell’ultimo anno delle superiori dopo che aveva appena finito gli allenamenti di calcio mentre erano ancora presenti tutti gli altri genitori. “È stato uno scatto molto intenso, avevo l’impressione che ogni persona attorno a noi ci stesse fissando," dice. “Tutti sapevano che i suoi genitori erano due papà, ma non se n’era mai fatta menzione esplicita, e in quel momento è come se la cosa fosse stata verbalizzata perché la famiglia era lì, in piedi, e veniva fotografata da un fotografo. Ho percepito che la famiglia stessa fosse un po’ a disagio. Sono rimasto deluso dal fatto che dovessimo ancora avere a che fare con queste cose. Sai, doversi ancora vergognare. D’altronde, si trattava di un ambiente molto machista, cioè gli spogliatoi di una scuola superiore. È stato anche molto coraggioso da parte del ragazzo di 18 anni riuscire a fronteggiare tutti con i suoi due genitori come a dire ‘sentite, ho due papà’. Si è trattato di un momento bellissimo e al contempo frustrante.”

Per questo Dads vuole presentarsi come un progetto molto gioioso, che celebra l’esperienza della paternità gay unendo un sacco di padri in giro per gli Stati Uniti. Etnie diverse, luoghi diversi, redditi diversi e convinzioni diverse: diventa un affascinante studio visivo della storia queer recente. "Dopo tutto, siamo dei pionieri," dice Bart, riconoscendo questo momento come una vittoria collettiva e identificando quindi il proprio libro come una risorsa visiva per i padri gay di oggi e di domani, e per i loro figli. “Deteniamo una certa responsabilità. Da quando il matrimonio egualitario è diventato legale negli USA si è verificato un boom di nascite nella comunità gay, e abbiamo il dovere di condividere questa realtà anche con le altre persone. In moltissimi altri paesi rimane illegale, quindi sentiamo una responsabilità nei confronti di noi stessi, dei nostri figli e dei futuri genitori. Abbiamo un compito a cui assolvere."

due genitori uomini gay in camicia inginocchiati davanti al figlio piccolo inc amicia davanti alla finestra che sta tentando di camminare
foto da 'DADS' di Bart Heynen, courtesy of powerHouse Books

Bart ha iniziato sempre di più a rendersi conto dell’universalità del proprio lavoro, e anche se continua a mettere al centro gli uomini che lo hanno aiutato a realizzare il progetto, apprezza il potenziale unificatore che può ottenere, arrivando anche a un audience più grande. "Indipendentemente dal tuo orientamento sessuale, Dads è un progetto adatto a chiunque sia interessato a riflettere sul concetto di famiglia, su chi fa parte di una famiglia e anche soltanto su come vivono famiglie diverse dalla propria." Prodotto col titolo provvisorio di Gay Dads, il titolo definitivo Dads è senza dubbio più suggestivo, e permette di fare emergere simultaneamente le somiglianze e le differenze immortalate nel libro. È stato suggerito dall’editore di Bart, ed è “molto felice che l’abbia consigliato, perché è quello che siamo: semplicemente dei padri."

‘Dads’ sarà disponibile da martedì 15 giugno, potete ordinarlo sul sito della casa editrice powerHouse Books seguendo questo link.

due uomini appoggiati a una rete che si abbracciano e si tongano in modo affettuoso sorridendo
foto da 'DADS' di Bart Heynen, courtesy of powerHouse Books
un padre che pettina il proprio figlio mentre il bambino sfoglia un libro fotografico in cucina
foto da 'DADS' di Bart Heynen, courtesy of powerHouse Books
due padri gay che indossano la kippah che giocano con i loro figlio e la nonna dei bambini mentre tengono in braccio dei neonati
foto da 'DADS' di Bart Heynen, courtesy of powerHouse Books
due padri gay preparano la colazione ai loro figli piuccoli seduti nel seggiolone
From DADS by Bart Heynen, published by powerHouse Books.
due padri gay posano con il figlio e la sua fidanzata in un giardino
foto da 'DADS' di Bart Heynen, courtesy of powerHouse Books
due famiglie arcobaleno composte da padri gay giocano in giardino con i propri figli
foto da 'DADS' di Bart Heynen, courtesy of powerHouse Books
tdue genitori gay sono seduti sul divano con in braccio i loro figli
foto da 'DADS' di Bart Heynen, courtesy of powerHouse Books

Questo articolo è apparso originariamente su i-D UK.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Crediti

Testo di Zoe Whitfield
Tutte le foto di Bart Heynen, pubblicate da powerHouse Books.

Leggi anche:

Tagged:
america
queer
LGBTQ
Famiglia
libro fotografico
Bart Heynen