Sinistra: Mylena Saza. Destra: Pedro Pinho 

21 fotografi brasiliani che stanno riscrivendo l'immaginario dell'America Latina

Dimentica tutto quello che pensavi di sapere sul Brasile, e immergiti nei visionari e stravaganti scatti di questi giovani artisti emergenti.

di Igi Ayedun
|
05 aprile 2021, 12:24pm

Sinistra: Mylena Saza. Destra: Pedro Pinho 

Se c'è una cosa buona del vortice di finzione che è Instagram, è che ci permette di scovare nuovi artisti di ogni tipo. Gente di talento, che ha qualcosa di originale e fresco da offrire in un mondo ormai saturo di immagini.

Ma in un panorama così vasto, è importante riconoscere e valorizzare il lavoro di chi sa distinguersi. Noi cerchiamo di farlo (anche) attraverso la nostra serie continuativa "21 nel 2021", in cui vi presentiamo i migliori talenti in circolazione di un settore creativo specifico. Dagli artisti digitali ai fotografi di nudo, dai videomaker agli hair stylist, nessun ambito è escluso.


Oggi, con l’aiuto di Igi Ayedun—scrittrice ed editor nata e cresciuta a São Paulo, Brasile—esploriamo la scena della fotografia indipendente brasiliana. Igi, infatti, di fotografia ne sa qualcosa, perché dopo aver dato inizio alla propria carriera a soli 15 anni lavorando come archivista della casa editrice più grande del Brasile, ha da allora contribuito alle maggiori testate di moda internazionali—come Elle, L'Officiel, Glamour, Harper's Bazaar.

Oggi Igi è a capo del giovane progetto MJOURNAL, "la prima pubblicazione brasiliana ad essere fondata da persone di colore" ed è parte di FLAGCX, il più grande network di comunicazione indipendente dell’America Latina. "In una realtà elitaria e dominata da persone bianche, MJOURNAL rispecchia il nostro desiderio di trasformare l’industria creativa dall’interno,” afferma. "Non ci vedo come ‘creatori’ di novità, perché le novità nascono nelle strade e negli scenari che noi semplicemente registriamo. Credo invece che MJOURNAL sia il posto dove questa novità si sviluppa, ottiene un corpo, una struttura, viene celebrata e finanziata."

Qui, Igi ci guida attraverso la scena della fotografia indipendente brasiliana, selezionando i 21 fotografi brasiliani che dovremmo tenere d’occhio.

La scena creativa brasiliana è fiorita notevolmente negli ultimi 10 anni anche grazie all’ascesa dei social media. Sì, esistono ancora delle barriere significative per le persone BIPOC e per le comunità LGBTQ, ma creare un’immagine di moda era prima qualcosa di ancora più esclusivo, e solo le persone che avevano accesso alle università e agli strumenti necessari potevano permettersi di diventare image-maker.

Purtroppo, in Brasile, gli effetti della colonizzazione ci fanno credere che le linee guida del pensiero globale debbano necessariamente provenire dalla cultura del nord. Questo è collettivamente percepito come molto frustrante. Prima di tutto, è necessario tenere bene a mente che in Brasile esiste una classe dominante, discendente dall’Europa antica, i cui standard sono tramandati e ancora oggi risultano molto oppressivi.

Ho vissuto a Parigi, Barcellona e Londra, e mi sono stancata di dover rispondere alla domanda: ‘Esiste una moda brasiliana?’, come se non avessimo dei vestiti o un senso di stile. La cultura brasiliana è molto ricca; abbiamo un DNA che fonde origini indigene americane, africane e asiatiche. MJOURNAL è nato da questa urgenza, quella di indirizzare discorsi rilevanti e di supportare artisti brasiliani, latino-americani e di tutto il Sud globale, distanziandoci da un linguaggio complesso, accademico e classista come forma di validazione. Qui dibattiamo su concetti legati all’economia, alla salute pubblica, alla società e all’identità dalla prospettiva dell’arte, del design e della moda in maniera semplice e aperta.

MJOURNAL si impegna a promuovere una visione del Brasile lontano dagli stereotipi che lo circondano e a offrire uno spazio democratico a più sguardi diversi sul paese. E questo è estremamente urgente in questo momento, considerando la situazione politica brasiliana.

La selezione che segue raccoglie alcuni membri della nuova generazione di fotografi che stanno ridefinendo la cultura visuale del Brasile. Vediamo diverse narrazioni che mostrano ciò che realmente rappresenta l’identità brasiliana. Questi sono i 21 nomi che hanno deciso di guardare ciò che siamo davvero, e non ciò che fingiamo di essere.

Gleeson Paulino, 33, Mato Grosso do Sul

Fernanda Liberti, 26, Rio de Janeiro

Karla Brights, 33, Quixeré, Ceará

INDIO (Victor Reiz), 24, Osasco, São Paulo

Bruna Sussekind, 26, Rio de Janeiro

Pedro Pinho, 29, Brasília

Vine Ferreira, 26, Sorocaba, São Paulo

Ivan Erick Menezes, 32, Belém, Pará

Mylena Saza, 22, Maranhão

Helen Salomão, 26, Salvador, Bahia

Caroline Lima, 29, Salvador, Bahia

Wallace Domingues, 25, São Gonçalo do Sapucaí, Minas Gerais

Cai Ramalho, 26, São Paulo

Pedro Napolinário, 23, São Gonçalo, Rio de Janeiro

Rafa Kennedy, 26, Manaus, Amazonas

Gabriela Schmidt, 31, Blumenau, Santa Catarina

Pedro Ferreira, 24, São Paulo

Caodenado (Jeff), 24, Votorantim, São Paulo

Edgar Azevedo, 26, Salvador, Bahia

Brasilândia (collettivo), São Paulo

Mar+vin (Marcos Florentino, 27, Jaicós, Piauí + Kelvin Yule, 26, Valença, Bahia)

Segui i-D su Instagram e Facebook

Questo articolo è apparso originariamente su i-D UK

Leggi anche:

Tagged:
Instagram
Fotografia
Brasile
fotografi emergenti