Seeyousound è il festival per scoprire la musica di tutto il globo

Preparatevi a un viaggio fatto di film, documentari, performance, concerti e talk che dal vostro divano vi porterà fino agli angoli più reconditi della scena musicale mondiale.

di Benedetta Pini
|
17 febbraio 2021, 5:00am

Fotografia di Deborah Farina

Parlare del Seeyousound Festival significa confrontarsi con una presa di coscienza ingombrante: è passato un anno dallo scoppio della pandemia da coronavirus. Non parliamo di data esatta, ma di coincidenza di situazione: quel 24 febbraio 2020 il Seeyousound è stato interrotto bruscamente, così come qualsiasi altro evento in corso, costringendoci a lasciare Torino con tanta delusione e ancora più preoccupazione per un futuro che si prefigurava come un buco nero, fatto solo di punti di domanda e incertezze.

Parlare del Seeyousound oggi significa, però, parlare anche di resilienza, determinazione e speranza, e di quanto cruciale sia il valore culturale per la nostra esistenza quotidiana, per una vita stimolante e per la nostra salute mentale. A distanza di un anno dal disastro, il festival è ancora vivo e vegeto, e ha intenzione di rilanciare con una settima edizione online dal 19 al 25 febbraio, sulla piattaforma di streaming VOD PLAYSYS.TV. Per chi non lo conoscesse ancora, si tratta di un festival internazionale di cinema a tematica musicale, con l’intenzione di indagare ed esplorare la musica in ogni sua forma, attraverso film, documentari, videoclip, performance, concerti e talk—questi ultimi visibili in streaming gratuitamente anche sui canali social del festival.

Quest’anno il programma—che potete consultare qui—presenta 81 titoli, di cui 5 in anteprima assoluta e 16 in anteprima italiana, tutti attraversati da un filo conduttore: il focus Black Lives Matter, che sviluppa un percorso trasversale per indagare e celebrare la black music nel suo significato più ampio.

Per darvi una mano a orientarvi in questo vasto programma, vi segnalamo i cinque titoli da non perdere assolutamente.

Variações, di João Mai

Film che celebra la prima superstar portoghese dichiaratamente omosessuale: António Variações.

Lisbon Beat, di Rita Maia e Vasco Viana

Un film che si muove nei vicoli e nelle profondità della periferia di Lisbona e della sua vibrante scena musicale afro-portoghese.

A Song Called Hate, di Anna Hildur

Documentario islandese sugli Hatari, band di techno, industrial, punk rock e gruppo performativo BDSM.

Moondog Can See You, di Miha Sagadin

MOONDOG CAN SEE YOU di Miha Sagadin.jpg

Il documentario segue l’ensemble torinese Lapsus Lumine nel loro viaggio di ricerca e riscoperta dell’opera di Thomas Hardin detto Moondog—lo stesso che ha ispirato l’ultimo film di Harmony Korine, The Beach Bum—, il visionario e leggendario cantautore statunitense diviso tra amore per la musica e l’urgenza di una vita al limite.

Contradict, di Peter Guyer e Thomas Burkhalter

Un viaggio alla coperta di quella new wave africana che sfrutta al massimo le potenzialità di internet per registrare e diffondere musica superando i limiti del paese. L’obiettivo è uno e chiaro: reclamare un nuovo ruolo per il continente all’interno del panorama artistico internazionale.

Crediti

Testo di Benedetta Pini

Tagged:
cinema
Música
torino
seeyousound festival