Pubblicità

margiela raccontato da margiela: arriverà il documentario che tutti aspettavamo

Il fascino di Martin Margiela sta tutto nella sua non-presenza. Zero foto. Zero interviste. Un nuovo documentario lo racconterà.

di Federico Rocco
|
04 maggio 2018, 2:48pm

Immagine via YouTube

L’estetica di maison Margiela è, oggi più che mai, quella dominante nell'industria della moda. Oggi che alla direzione creativa delle grandi case ci sono stilisti che a lui si ispirano e che dimostrano di conoscere alla perfezione la sua filosofia, Martin Margiela—l'inafferrabile e misterioso fondatore del brand—è forse l'icona definitiva del settore. Alla fine degli anni '80 fu infatti proprio lui a diffondere e legittimare un'immaginario basato su destrutturazione e decostruzione del capo, precetti cari al Céline di Phoebe Philo, al Balenciaga di Demna Gvasalia (delle cui influenze abbiamo parlato a lungo qui) come a Virgil Abloh e al suo Off-White. Nonostante questa presenza margeliana un po’ su tutte le passerelle, il fascino legato a Martin Margiela sta proprio nella sua non-presenza: il designer belga infatti non ha mai rilasciato interviste, né esistono fotografie ufficiali che lo ritraggono. In anni in cui i direttori creativi venivano esaltati e venerati quasi come divinità, il comportamento di Margiela l’ha sempre distinto dai colleghi sotto i riflettori.

Ecco perché, non appena si vocifera di una mostra o di un film su Margiela, la speranza è quella che finalmente si riveli ai comuni mortali. E forse il momento è arrivato con Without Compromise, il documentario diretto da Reiner Holzemer (già regista della pellicola su Dries Van Noten del 2017) la cui uscita è prevista per l’anno prossimo. Parrebbe—il condizionale è d'obbligo—non solo che sia stato realizzato con il contributo di Margiela in persona, ma che lo stilista potrebbe anche comparire nel film accanto all’attuale direttore creativo John Galliano, alla direzione creativa del brand dal 2014.

Comunque vada, la pellicola di Holzemer è solo l’ultimo degli omaggi resi a Margiela. Solo nel 2018 a Parigi sono state inaugurate ben due mostre a lui dedicate: una ripercorre il ventennio 1989-2009, mentre l’altra si concentra sui sei anni trascorsi da Martin Margiela presso Hermès, dal 1997 al 2003. Ma anche nel mondo cinematografico Without Compromise non è il primo lavoro che racconta vita e carriera di questo designer: nel 2015 era uscito The Artist is Absent, una raccolta di rari archivi fotografici e interviste ai collaboratori di Margiela, mentre l'anno scorso è stato il momento di We Margiela, che ne analizzava invece il processo creativo.

Insomma tirate fuori le vostre Tabi, le giacche di pelle con le schiene in maglia e i cappotti cut-out décortiqué, perchè è arrivato il momento di urlare il vostro credo. Margeliani di tutto il mondo unitevi!

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Leggi anche:

Tagged:
cinema
Martin Margiela
reiner holzemer
news di cinema