Pubblicità

​robin wright vorrebbe una che guevara per il femminismo

La star di House of Cards ha parlato delle donne nell'industria nel cinema, e si augura che parta una rivoluzione.

di i-D Staff
|
31 luglio 2015, 3:30pm

"Grazie a Dio l'uguaglianza di genere è diventato un tema e fa notizia, ma avremmo bisogno di un Che Guevara donna," ha detto Robin Wright, star di House of Cards, in una intervista a ES. "È un mondo di uomini. La maggior parte delle industrie sono un mondo di uomini," ha fatto notare. La soluzione? "Abbiamo bisogno di una rivoluzione, davvero," ha dichiarato Wright, spiegando che vorrebbe una donna sul modello del rivoluzionario sudamericano Che Guevara come guida. "È il momento di pretendere l'uguaglianza di salario per tutti," ha dichiarato Wright, "e uguali diritti per le donne negli Stati Uniti."

Wright ha anche parlato della sua frustrazione per i ruoli frivoli che vengono scritti per le donne: "Se arriva una proposta per un ruolo emozionanti e di sostanza, o fuori dagli schemi per me, la accetto subito," ha detto, "Ma fare di nuovo la moglie sofferente? Ne ho abbastanza." E mentre faceva la modesta riguardo il suo talento ("Non sono una grande attrice. Tilda Swinton lo è. Lei è un animale. Meryl Streep: un fenomeno. Un camaleonte."), Wright ha parlato del suo spostamento sulla regia, per otto episodi di House of Cards, e della paura di fare questo passaggio. "Era un pensiero che avevo in testa: magari un giorno. Poi pensi... 'Sì, vorrei, ma non potrò mai...' Ed era solo paura. E molto credo sia legato all'essere una donna in questa industria. Su questo tema, ha aggiunto "Credo che siamo programmate - o almeno io, non parlo per tutte le donne... Ero programmata a pensare: 'Sarò meno di loro [gli uomini], loro penseranno che sono meno." Viva la revolución!

Tagged:
cinema
tv
HOUSE OF CARDS
Cultura
robin wright