vi presentiamo la punk band skinny girl diet

Delilah, Ursula e Amelia hanno messo il loro grrr nel Riot Grrrl dal primo momento che si sono unite.

di Tish Weinstock
|
21 dicembre 2014, 11:10am

Se Kathleen Hanna e le Superchicche avessero tre gemelle, queste assomiglierebbero molto alla punk band femminile Skinny Girl Diet. Dai loro testi striduli (la loro canzone Nadine Hurley è dedicata all'eroina bendata più iconica di David Lynch) alla loro estetica potente e da femme fatale (la loro cover per l' EP Girl Gang State of Mind, uscito in Luglio, rappresenta una donna con il corpo a forma di Big Mac e una scritte che dice mordimi), Delilah, Ursula e Amelia hanno messo il loro grrr nel Riot Grrrl, dal primo momento che si sono unite. E con una collaborazione con Claire Barrow e Matches già alle spalle, e più fanzine DIY (do it yourself) di quanto si possano contare su una mano, qualcosa ci dice che non ce ne libreremo tanto preso. Vi introduciamo le Skinny Girl Diet.

Quando e come è nato il nome Skinny Girl Diet?
Eravamo frustrate dal fatto che al tempo non ci fosse nessuna punk band femminile rilevante ed non ne potevamo più di vedere solo ragazzi che suonavano musica punk. Abbiamo deciso di chiamare la nostra band Skinny Girl Diet perchè la nostra cantante Delilah un giorno stava navigando in Internet e si è imbattuta in una dieta chiamata 'The Skinny Girl Diet' che incentivava le donne a morire di fame. Abbiamo pensato che potesse essere un buon nome per una band perchè è una testimonianza sociale e crediamo che gli standard di bellezza nella società siano sbagliata, idealistici e irraggiungibili.

Come descrivereste la vostra musica?
Tre ragazze che suonano musica stridula, confusa, rumorosa e urlata.

Quali sono le vostre principali influenze musicali?
Clara Rockmore, Sister Rosetta Tharpe, Memphis minnie, Mc5, Pussy Galore e The Breeders.

Quando eravate ragazzine che poster avevate appesi al muro?
Jimi Hendrix.

Cosa pensate del revival dello spirito anni '90 delle Riot Grrrl ?
Pensiamo che alcuni aspetti siano insulsi. Il movimento delle Riot Grrrl in stile anni '90 non dovrebbe essere "ripristinato" solo dal punto di vista estetico. Quel periodo è stato di più di una semplice dichiarazione di moda, c'è stato un movimento politico, ma sembra che alcune persone se ne stiano dimenticando. Inoltre pensiamo che non dovrebbe proprio essere ripristinato perché sarebbe più' interessante proporre qualcosa di nuovo. Nonostante l'attuale stato politico sia vagamente simile a quello di allora, è in realtà molto diverso e la gente dovrebbe concentrarsi meno sul rianimare il passato e concentrarsi di più sul creare un nuovo movimento per il futuro. La moda e' passeggera e poi ha senso che svanisca.

Pensate che dietro questo interesse al ripristino degli anni '90 ci sia solo una forte tendenza animata dal commercio e non più un attivismo politico?
Sicuramente. Il pericolo diventa sempre più serio quando i brand e le aziende iniziano ad accorgersene e lo sfruttano come piano marketing. Crediamo inoltre che stia iniziando a perdere il suo significato e ad essere esagerato rispetto a com'era una volta.

Quando avete scoperto il movimento Riot Grrrl e com'è cambiata la vostra visione del femminismo?
Siamo tutte cresciute intorno ad esso e diventando più grandi, abbiamo cominciato a darlo meno per scontato e ad apprezzarlo e a capirlo veramente. Ha cambiato la nostra visione sul femminismo perchè riguardava più il potere e meno l'essere intellettuali. Il Riot Grrrl è quasi come la sorellina sfacciata del femminismo, e noi la amiamo.

Se poteste duettare con chiunque al mondo, con chi lo fareste e perchè?
Beyonce, Prince, Kim Deal, Micachu, Kim Gordon perchè sono tutti cool.

Che succederà ora?
Lavoreremo molto e faremo concerti, vedremo come va.

soundcloud.com/skinnygirldietband

Crediti


Testo Tish Weinstock
Foto Dave Rowswell

Tagged:
Riot Grrrl
Bikini Kill
skinny girl diet
Interviste