#freethenipple in stile islandese

#FreeTheNipple è stato il trending topic della notte scorsa non appena le femministe islandesi hanno voluto dimostrare il loro diritto a liberare i propri capezzoli.

di i-D Team
|
26 marzo 2015, 2:35pm

Tutto è cominciato quando una ragazza islandese si è tolta il reggiseno come dichiarazione di uguaglianza sessuale, per venire poi immediatamente molestata verbalmente da tutti gli uomini in caccia di tette. Nonostante i commenti venissero cancellati, Twitter è stato immediatamente invaso da immagini di seni nudi, mentre i corpi di numerose studentesse hanno proclamato oggi, giovedì 26 marzo, il "no bra day", il giorno ufficiale senza il reggiseno. 

"Per me tutto sta nell'essere se stessi," ha detto Anna Helgadóttir, la rappresentate dell'Associazione Femminista dell'Università di Islanda, "È solo una tua parte del corpo. Anche i ragazzi hanno seni e capezzoli e non hanno nessun problema a metterli in mostra. Per noi dovrebbe valere lo stesso." Dalle celebrità ai membri del parlamento, nel giro di pochi minuti, centinaia di donne hanno usato i social come forma di protesta e per supportare la liberazione dei capezzoli (pure gli uomini comincino a spogliarsi, anche i più pelosi!). La rivoluzione è qui; è tempo di seguirla. 

#FreeTheNipple

Tagged:
freethenipple
femminismo
islanda
capezzoli