i simpson rispondono alla predizione sull'ascesa presidenziale di trump

"Avere ragione fa schifo," scrive Bart.

di Emily Manning
|
15 novembre 2016, 10:38am

Durante i suoi 30 anni di vita come sitcom americana più longeva della storia, I Simpson hanno predetto molte cose: le partite del Super Bowl, la creazione di Farmville, e il successo presidenziale di Donald Trump. Nell'episodio Bart al Futuro - trasmesso per la prima volta nel 2000 - non si sono limitati a prevedere l'improbabile vittoria del candidato, ma hanno delineato una mappa elettorale che si sarebbe rivelata sorprendentemente veritiera.

Nell'episodio andato in onda ieri sera negli Stati Uniti, gli autori de I Simpson hanno approfittato del famosissimo momento della sigla in cui Bart scrive sulla lavagna della Scuola Elementare di Springfield per mandare un messaggio ai telespettatori: "Avere ragione fa schifo."

"È davvero disorientante e spaventoso," ha detto il produttore di I Simpson, James L. Brooks a Indiewire la scorsa settimana. "Mi è già capitato che diventasse presidente qualcuno con il quale non ero d'accordo, ma non avrei mai pensato di vedere il mio Paese cambiare per sempre. Cerco di dedicarmi dei discorsi d'incoraggiamento per evitare di dissolvermi nel dolore e nella disillusione". Già nel mese di marzo 2000 lo scrittore di Bart al Futuro, Dan Greaney, aveva detto a The Hollywood Reporter che la previsione su Trump era: "un avvertimento per l'America", che "sembrava essere l'ultimo step logico prima di toccare definitivamente il fondo."

Ma I Simpson avevano già messo in guardia i telespettatori americani circa l'ascesa politica di uomini d'affari corrotti già molto prima di Trump. In Due macchine in ogni garage, tre occhi in ogni pesce - episodio della seconda stagione andato in onda a novembre 1990 - Burns si trova di fronte 56 milioni di dollari in multe per aver violato le regolamentazioni ambientali con la sua centrale nucleare. Piuttosto che pagare le multe e salvaguardare la salute del pianeta, si candida come governatore contro il democratico Mary Bailey in modo da poter cambiare le leggi in proprio favore. Bailey è molto apprezzato in un primo momento, ma le cose cambiano quando Burns scredita la sua credibilità con una campagna diffamatoria e facendo appello agli elettori sulla base di sua ricchezza. Per fortuna, Marge sventa abilmente la trama in tempo.

Inoltre Bart al Futuro parla di Lisa come il presidente che seguirà a Trump. "Come sapete, abbiamo ereditato una bella crisi di bilancio da parte del presidente Trump," comunica Lisa in tono grave. Ah, dimenticavamo di dirvi che nella puntata Boe perde la faccia I Simpson prevedono che gli americani avranno un presidente omosessuale nel 2084. Staremo a vedere.

Crediti


Testo Emily Manning

Tagged:
america
Donald Trump
Lisa
Bart
Presidente
Marge
simpson
Presidenziali
I Simpson
predizione