Pubblicità

tom ford primavera/estate 16

Giacche da motociclista, Studio 54 e molto altro.

di i-D Staff
|
16 giugno 2015, 1:18pm

Durante la sua recente intervista per la copertina di ES Magazine può anche aver detto "Chiamami Tom" ma al quartier generale ci è stato detto che 'il signor Ford' non poteva essere con noi per guidarci attraverso i suoi look per la primavera/estate 2016. Il che è un peccato, sarebbe stato un vero piacere sentirci spiegare i suoi trend per la stagione (e le storie a questi collegate) dall'ex ragazzo dello Studio 54. Specialmente per via del forte quanto palese richiamo all'epoca newyorkese della Factory di Andy Warhol.

Nella prima collezione dello stilista dopo il prestigioso premio CFDA Menswear Designer of the Year, il signor Ford ci offre fine sartoria che sembra riflettere la "facoltosa clientela [dello Studio 54] di quel tempo in cui cercava di comprare la sua strada nelle sottoculture". Oltre ai tre pezzi più tenui ricchi di catene per il nuovissimo Apple Watch, lo stilista ci ha offerto anche giacche da completo più impertinenti, che prendono spunto dalla pop art e dalle lava lamp. 

Durante la presentazione l'enfasi è stata sulla sartoria che questa stagione punta sul casual, senza però tralasciare zainetti in pelle, jeans a lunga tenuta - a quanto parte un big seller del marchio americano -, camicie dalle vibrazioni texane e crude giacche da motociclista. La maglieria è divina quanto diversificata, con diversi scolli, dalla mezza zip al girocollo, colori, dal rosa pallido al color pomodoro, e tessuti, dalla lana d'agnello al cashmere.

Camminando alla scoperta di questi abiti, non si può fare a meno di ammirare l'indipendente impero del lusso che Tom Ford è riuscito a creare per se stesso a Londra. Si tratta di una singolare visione che lo vede esistere qui, nella sua orbita alla fashion week uomo di Londra. 

Tagged:
Tom Ford
londra
Μoda
moda uomo
primavera/estate 16