antonio marras ci insegna che la vera eccentricità non è solo stravaganza

Vi presentiamo la pre-fall 2016 di Antonio Marras e la storia che si nasconde dietro all'ultima e poetica collezione.

di Eloisa Reverie Vezzosi
|
16 dicembre 2015, 2:52pm

Esterno notte. Ingresso labirinto. Wendy, attonita, atterrita, sotto shock. Antonio Marras per la sua pre-fall 2016 vuole raccontarci il finale che Kubrik non ha voluto girare. La protagonista della nuova campagna del poetico designer è infatti la giovane Wendy, che non esita a togliersi il suo maglione informe e la salopette scucita per provare l'ebrezza di indossare un prezioso abito in velluto devorè. A chi sono appartenuti? Chi era la misteriosa proprietaria di questo meraviglioso guardaroba? Dev'essere stata una donna audace e anticonformista. Esuberante, ironica, disinibita, controcorrente."Al di là di ogni moda, di sicuro!"

Si tratta di un racconto fatto di pieghe sofisticate, corpini stretti segnati da lavorazioni di ruches, doppie impunture, gonne ampie e a balze, abiti a tubino dal disegno esotico; ricami, intarsi e applicazioni su scamiciati, abiti grembiule, su abitoni a vita alta e poi morbidi, ampi e ondeggianti, fiocchi, ruches e bottoni ricoperti; camicie con maniche ampie e polsini importanti; giacche dal taglio maschile con revers a lancia; ancora volumi più accostati, spalla stretta con maniche a cappa o ponchi e mantelle e scialli; pantaloni maschili e gonne a kilt... Tutto dal sapore bohémien.
Il finale della storia, non solo Wendy lo sa...

antoniomarras.it

Crediti


Testo Eloisa Reverie Vezzosi
Foto su cortese concessione di Antonio Marras 

Tagged:
FASHION WEEK
Μόδα
antonio marras
eloisa reverie vezzosi
prefall 2016